Luna

18 ottobre 2019 ore 19:46 segnala



Pallida luna
mesta e silenziosa

Rischiari la notte
con la tua faccia luminosa

Ti adorni di stelle
gaudiose ancelle

Si veston splendenti
nelle sere più belle

E infin quando sopra
il cielo è coperto

Brillano solo al tuo
cospetto...



66c2e105-2c28-4db0-9763-68009d473087
« immagine » Pallida luna mesta e silenziosa Rischiari la notte con la tua faccia luminosa Ti adorni di stelle gaudiose ancelle Si veston splendenti nelle sere più belle E infin quando sopra il cielo è coperto Brillano solo al tuo cospetto... « video »
Post
18/10/2019 19:46:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Scomposizione di anime.

15 ottobre 2019 ore 15:20 segnala



Anime
in continua decomposizione
Immagini
che si confondono
Parole
che si ritorcono
Lividi
che si espandono
Grosse chiazze bluastre
Macchiano il candore
Della diafana pelle
Polvere di stelle
Offuscano sguardi
Mani
che si cercano
Menti
che si inerpicano
in graffianti essenze
di profumi inebrianti
Bocche
che si schiudono
esalando avvinti sospiri
In sogni
che scindono
nuovi intrecci di vita
Che dal nulla emergono...

7253cf88-1f08-48a9-b0b2-465725cb27b3
« immagine » Anime in continua decomposizione Immagini che si confondono Parole che si ritorcono Lividi che si espandono Grosse chiazze bluastre Macchiano il candore Della diafana pelle Polvere di stelle Offuscano sguardi Mani che si cercano Menti che si inerpicano in graffianti essenze di...
Post
15/10/2019 15:20:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Catturai un immagine

12 ottobre 2019 ore 19:57 segnala



Catturai un immagine
nello specchio dell'anima.
Imprigionai un sentimento
nei labirinti dei pensieri.
Trovai un emozione
nelle parole celate.
Scalai le vette
invalicabili della passione.
Scivolai nell'abisso
dell'ossessione.
Rinnovai lo spirito
in un fiume
di sconosciute sensazioni.
Navigai in un oceano
di sublime poesia.
Suggellai con un bacio
la mia eterna dedizione...

e640ddb7-9af1-4f36-b128-fdfcb9026326
« immagine » Catturai un immagine nello specchio dell'anima. Imprigionai un sentimento nei labirinti dei pensieri. Trovai un emozione nelle parole celate. Scalai le vette invalicabili della passione. Scivolai nell'abisso dell'ossessione. Rinnovai lo spirito in un fiume di sconosciute...
Post
12/10/2019 19:57:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Confessioni di un teppista

09 ottobre 2019 ore 16:04 segnala



Son venuto a celebrare i topi ed a cantarli…
Le confessioni di un teppista malandrino di
Sergej Esenin e Angelo Branduardi

Non tutti son capaci di cantare
E non a tutti è dato di cadere
Come una mela, verso i piedi altrui.
È questa la più grande confessione
Che mai teppista possa confidarvi.
Io porto di mia voglia spettinata la testa,
Lume a petrolio sopra le mie spalle.
Mi piace nella tenebra schiarire
Lo spoglio autunno delle anime vostre;
E piace a me che mi volino contro
I sassi dell’ingiuria,
Grandine di eruttante temporale.
Solo più forte stringo fra le mani
L’ondulata mia bolla dei capelli.
È benefico allora ricordare
Il rauco ontano e l’erbeggiante stagno,
E che mi vivono da qualche parte
Padre e madre, infischiandosi del tutto
Dei miei versi, e che loro son caro
Come il campo e la carne, e quella pioggia fina
Che a primavera fa morbido il grano verde.
Per ogni grido che voi mi scagliate
Coi forconi verrebbero a scannarvi.
Poveri, poveri miei contadini!
Certo non siete diventati belli,
E Iddio temete e degli acquitrini le viscere.
Capiste almeno
Che vostro figlio in Russia
È fra i poeti il più grande!
Non si gelava il cuore a voi per lui,
Scalzo nelle pozzanghere d’autunno?
Adesso va girando egli in cilindro
E portando le scarpe di vernice.
Ma vive in lui la primigenia impronta
Del monello campagnolo.
Ad ogni mucca effigiata
Sopra le insegne di macelleria
Si inchina da lontano.
Ed incontrando in piazza i vetturini
Ricorda l’odore del letame sui campi,
Pronto, come uno strascico nuziale,
A reggere la coda dei cavalli.
Amo la patria. Amo molto la patria!
Pur con la sua tristezza di rugginoso salice.
Mi son gradevoli i grugni insudiciati dei porci,
E nel silenzio notturno l’argentina voce dei rospi.
Teneramente malato di memorie infantili
Sogno la nebbia e l’umido delle sere d’aprile.
Come a scaldarsi al rogo dell’aurora
S’è accoccolato l’acero nostro.
Ah, salendone i rami quante uova
Ho rubato dai nidi alle cornacchie!
È sempre uguale, con la verde cima?
È come un tempo forte la corteccia?
E tu, diletto,
Fedele cane pezzato!
Stridulo e cieco t’hanno fatto gli anni,
E trascinando vai per il cortile la coda penzolante,
Col fiuto immemore di porte e stalla.
Come grata ritorna quella birichinata:
Quando il tozzo di pane rubacchiato
Alla mia mamma, mordevamo a turno
Senza ribrezzo alcuno l’un dell’altro.
Sono rimasto lo stesso, con tutto il cuore.
Fioriscono gli occhi in viso
Simili a fiordalisi fra la segala.
Stuoie d’oro di versi srotolando,
Vorrei parlare a voi teneramente.
Buona notte! buona notte a voi tutti!
La falce dell’aurora ha già tinnito
Fra l’erba del crepuscolo.
Voglio stanotte pisciare a dirotto
Dalla finestra mia sopra la luna!
Azzurra luce, luce così azzurra!
In tanto azzurro anche morir non duole.
E non mi importa di sembrare un cinico
Con la lanterna attaccata al sedere!
Mio vecchio, buono ed estenuato Pégaso,
Mi serve proprio il tuo morbido trotto?
Io, severo maestro, son venuto
A celebrare i topi ed a cantarli.
L’agosto del mio capo si versa quale vino
Di capelli in tempesta.
Ho voglia d’essere la vela gialla
Verso il paese cui per mare andiamo.

- Sergej Esenin -



4aa350e9-dafd-4111-a7ea-1dfe366e146f
« immagine » Son venuto a celebrare i topi ed a cantarli… Le confessioni di un teppista malandrino di Sergej Esenin e Angelo Branduardi Non tutti son capaci di cantare E non a tutti è dato di cadere Come una mela, verso i piedi altrui. È questa la più grande confessione Che mai teppista possa...
Post
09/10/2019 16:04:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Il barone rampante

07 ottobre 2019 ore 11:26 segnala



Cosimo era sull’elce. I rami si sbracciavano, alti ponti sopra la terra. Tirava un lieve vento; c’era il sole. Il sole era tra le foglie, e noi per vedere Cosimo dovevamo farci schermo con la mano. Cosimo guardava il mondo dall’albero: ogni cosa, vista da lassù, era diversa, e questo era già un divertimento. Il viale aveva tutt’altra prospettiva, e le aiole, le ortensie, le camelie, il tavolino di ferro per prendere il caffè in giardino. Più in là le chiome degli alberi si sfittivano e l’ortaglia digradava in piccoli campi a scala, sostenuti da muri di pietre; il dosso era scuro di oliveti e, dietro, l’abitato d’Ombrosa sporgeva i suoi tetti di mattone sbiadito e ardesia e ne spuntavano pennoni di bastimenti, là dove sotto c’era il porto. In fondo si stendeva il mare, alto d’orizzonte, ed un lento veliero vi passava...

- Italo Calvino -
d957863a-e737-4824-8ebf-dfa5401d0a2b
« immagine » Cosimo era sull’elce. I rami si sbracciavano, alti ponti sopra la terra. Tirava un lieve vento; c’era il sole. Il sole era tra le foglie, e noi per vedere Cosimo dovevamo farci schermo con la mano. Cosimo guardava il mondo dall’albero: ogni cosa, vista da lassù, era diversa, e...
Post
07/10/2019 11:26:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Ricordi

04 ottobre 2019 ore 21:15 segnala



Ricordi..
Il passato non scordi?
Liberi i pensieri, solcavan tue vie
Sui tasti posavi, le tue fantasie
Hai profumi antichi, ridestavi colore
Passi di vita, scrivevi per ore
Discese la nebbia, a smorzar fiato
Sena più l'aria, il tuo canto han rubato
Nebbia cancella, su soffi di vento
Riprendi il cammino, senza sgomento
Ridesti il pensiero, con più allegria
Sui tasti deponi, le tue fantasie
Già trasformi in parole, che son melodie...



882a6ca5-78a3-4975-ba00-5950243b12e6
« immagine » Ricordi.. Il passato non scordi? Liberi i pensieri, solcavan tue vie Sui tasti posavi, le tue fantasie Hai profumi antichi, ridestavi colore Passi di vita, scrivevi per ore Discese la nebbia, a smorzar fiato Sena più l'aria, il tuo canto han rubato Nebbia cancella, su soffi di...
Post
04/10/2019 21:15:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Sete di acqua ... sete di sapere.

30 settembre 2019 ore 20:28 segnala



La sensazione più bella
che sa offrirti la sete è riscoprire
ogni volta la freschezza
e l'unicità dell'acqua.
Una gioia inaudita
per l'assetato
attingere alla sua fonte.
Idrata e rigenera,
fortifica e appaga.
Sete di acqua pura
per il corpo
Sete di puro sapere
per lo spirito.
Hanno entrambi lo
stesso potere di compensazione.
Non costano molto
ma sanno darti molto
Essenziali per la vita...

50a9a383-8722-42e0-9733-0acb17114f34
« immagine » La sensazione più bella che sa offrirti la sete è riscoprire ogni volta la freschezza e l'unicità dell'acqua. Una gioia inaudita per l'assetato attingere alla sua fonte. Idrata e rigenera, fortifica e appaga. Sete di acqua pura per il corpo Sete di puro sapere per lo spirito. Hanno...
Post
30/09/2019 20:28:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Il ratto di Proserpina

27 settembre 2019 ore 21:36 segnala



Quando vi sentite "fichi"
perché avete fatto una cosa
a regola d'arte e perfetta
nei minimi particolari,
ricordatevi che è esistito Bernini...

****

Il ratto di Proserpina fu scolpito
a soli 23 anni, oggi i 23enni
"specializzati" in Instagram e Facebook...



027f2272-ae79-4ed7-bcbf-4570ae48a5db
« immagine » Quando vi sentite "fichi" perché avete fatto una cosa a regola d'arte e perfetta nei minimi particolari, ricordatevi che è esistito Bernini... **** Il ratto di Proserpina fu scolpito a soli 23 anni, oggi i 23enni "specializzati" in Instagram e Facebook... « video »
Post
27/09/2019 21:36:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

La beltà della natura.

25 settembre 2019 ore 20:16 segnala



L'eterna luce
si nascondea
dietro al verde colle.
Danzavan in cielo
due scure creature.
Salutavan il giorno
che alla fine si volgea.
L'animo mio
mesto
si rallegrava.
Di codesta visone
la vista si beava.
La gioconda fanciulla
non potea capir
la mia espressione.
Lo sguardo odierno
non si pone più sulla natura.
I nuovi marchingegni
hanno preso il posto
della beltà
di così meravigliosa
creatura...

f2954fd8-516a-4b39-bdfd-384f8e3f5ad9
« immagine » L'eterna luce si nascondea dietro al verde colle. Danzavan in cielo due scure creature. Salutavan il giorno che alla fine si volgea. L'animo mio mesto si rallegrava. Di codesta visone la vista si beava. La gioconda fanciulla non potea capir la mia espressione. Lo sguardo...
Post
25/09/2019 20:16:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Il Mare e il cielo.

23 settembre 2019 ore 19:55 segnala



E' bello osservare il mare al mattino
quando i raggi del sole tracciano il cammino.
Una striscia d'argento raggiunge il confine,
là dove sembra segnare una fine.
Il mare e il cielo sembran toccarsi
e con la terra finiscon con l'abbracciarsi.
Fu così che un bel mattino
cercai di seguire quel cammino.
Un inutile tentativo fu il mio nuotare,
a terra stanco dovetti ritornare.
Infreddolito con i vestiti bagnati
alla nuda pelle mi stavan appicicati.
Sorrisi a come avevo potuto pensare
il mare a nuoto di poter attraversare...



1436f0d7-c127-4c98-a9cb-3e981a7d8cb6
« immagine » E' bello osservare il mare al mattino quando i raggi del sole tracciano il cammino. Una striscia d'argento raggiunge il confine, là dove sembra segnare una fine. Il mare e il cielo sembran toccarsi e con la terra finiscon con l'abbracciarsi. Fu così che un bel mattino cercai di...
Post
23/09/2019 19:55:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    3