Fette biscottate semplici e fragranti

02 dicembre 2018 ore 19:40 segnala



Sono sempre convinta che dagli sbagli nasca sempre un capolavoro.Conosciamo tutti la storia del panettiere milanese Toni,che aggiungendo uvetta,canditi e zucchero al semplice pane inventò il "pan de Toni" che oggi è il famosissimo panettone.Oppure lo champagne che è nato grazie ad un monaco francese che zuccherò nel vino troppo aspro insomma ci sarebbero tanti esempi da fare.Il mio piccolo sbaglio è stato quello di fare le mie fette biscottate...senza avere a disposizione tutti gli ingredienti necessari.Infatti questa in origine era la ricetta delle "fette biscottate integrali all'olio di oliva".Ho tolto completamente lo zucchero e il miele,ho sostituito gran parte della farina,aggiungendo quella di semola che rende le fette fragranti e ho diminuito l'olio.Il risultato è stato quello di avere delle fette biscottate fragranti leggere,non si rompono quando si affettano e si tostato alla perfezione.



Ingredienti per il lievitino:
180 gr di farina 0-200 gr di acqua-1 cubetto di lievito.

Ingredienti per l’impasto:
500 gr di farina di semola rimacinata-360 gr di farina tipo 1-60 gr di crusca-400 gr di acqua-100 gr di olio di oliva leggero-20 gr di sale fino.

Se desiderate,potete dimezzare il lievito e aumentare i tempi di lievitazione.Usate le farine che ho elencato nella ricetta e anche la crusca,che potete trovare in tutti i supermercati.Se avete a disposizione una planetaria usatela,le fette
verranno più friabili.E’ importante lasciare asciugare bene il pane almeno per 12 ore prima di affettarlo e tostarlo,se lo fate prima (io l’ho fatto) avrete delle fette dure e immangiabili.Asciugate le fette sulle griglie,perchè solo in questo modo l'aria circola e asciuga perfettamente la fetta.


Preparo il lievitino:
in una ciotola impasto velocemente 180 gr di farina con 200 gr di acqua ed il cubetto di lievito.Copro la ciotola con un piatto o con la pellicola e lo lascio riposare per almeno 2 ore.

Preparo l'impasto:
dopo due ore inserisco nel boccale della planetaria il lievitino,la semola,la farina di tipo 1,la crusca,l'acqua e aziono la macchina.Aggiungo l'olio di oliva e per ultimo il sale.Lascio lavorare l’impasto per almeno un quarto d’ora,fino a quando l’olio verrà assorbito completamente dalla farina,ottenendo un impasto liscio e compatto.





Trasferisco l'impasto in una ciotola coperta da pellicola e lo lascio lievitare fino al raddoppio.





Riprendo l’impasto lo verso su una spianatoia infarinata,lo peso e lo divido in 4 parti uguali formando 4 panetti.Con un mattarello,stendo un panetto alla volta formando un rettangolo che infine arrotolo su se stesso formando un filoncino.Metto il filoncino in uno stampo da plumcake unto con poco olio.Procedo cosi con gli altri tre panetti.Rimetto a lievitare fino al raddoppio coprendoli con un canovaccio pulito.Cuocio in forno caldo a 180°C modalità statica per 40 minuti circa dipende sempre dal forno.Tiro fuori gli stampi e li lascio raffreddare.Successivamente sformo il pane,lo metto ad asciugare su una gratella per almeno 12 ore coperti con un canovaccio pulito,se potete anche un giorno.




Nella foto,si vedono le fette disposte in una placca da forno,non è uno sbaglio ho usato la placca per fare la foto,perchè le griglie erano in forno con le fette ad asciugare.

Affetto il pane con un coltello seghettato,dispongo le fette sulle griglie e inforno a 160°C modalità ventilata sopra e sotto fino a doratura della fetta.Man mano che le fette sono dorate da entrambi i lati e al tatto sono belle secche,le dispongo su una gratella a raffreddare e successivamente le ripongo in una scatola ermetica.Queste fette se sono tostate bene,durano anche un mese .E se proprio non vi va di tostarlo…questo pane è buono e morbido anche cosi!

8eda8803-8b10-4fca-bc03-30fc8f2f6f28
« immagine » Sono sempre convinta che dagli sbagli nasca sempre un capolavoro.Conosciamo tutti la storia del panettiere milanese Toni,che aggiungendo uvetta,canditi e zucchero al semplice pane inventò il "pan de Toni" che oggi è il famosissimo panettone.Oppure lo champagne che è nato grazie ad u...
Post
02/12/2018 19:40:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.