Gyoza alla piastra

19 luglio 2018 ore 18:55 segnala


Premetto che sono una vera appassionata della cultura Giapponese e si sa, la cultura passa anche per la cucina. Un piatto che amo particolarmente sono i gyoza la versione giapponese dei Jiaozi o come li conosciamo tutti “ ravioli di carne” quelli che si ordinano al ristorante cinese. Diciamo che sono le cose che io e la forchettina ordiniamo appena entriamo al ristorante cinese. Avevo già provato a farli in passato, con la vaporiera ma ho sempre voluto provare a replicare quelli alla piastra. Volevo la parte croccante e ci ho perso settimane se non anni a trovare un metodo che riuscisse a ricreare l’effetto piastra ma senza lasciarli crudi. E poi… EUREKA! Curiosando sul web ho trovato questi ravioli fatti da uno youtuber che vive in giappone da un sacco di anni che replicava il metodo della “piastra” fai da te. Mi sono cimentata e via.. ecco a voi la mia personalissima ricetta dei gyoza alla piastra!

Ingredienti
Per la pasta
400gr farina 00 – 200 ml acqua

Ripieno
5 foglie di verza – 1 porro – sale – pepe – salsa di soia – 400 gr macinato misto


Per prima cosa pulisco le foglie di verza e le privo della parte centrale più dura e difficile da cuocere. Le lavo bene e le taglio a striscioline sottili. Pulisco, lavo e taglio il porro a striscioline; preparo quindi una padella con l’olio d’oliva e faccio cuocere con sale, pepe e una spruzzata di salsa di soia porro e verza finché non risulteranno leggermente stufati ( NB non aggiungete acqua). Lascio raffreddare. Intanto su una spianatoia impasto la farina con l’acqua fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Prima di stenderlo lo lascio riposare almeno 15-20 minuti, intanto incorporo la carne trita alle mie verdure stufate. Aggiusto con la salsa di soia ed il mio ripieno è pronto.



Stendo la pasta di uno spessore di tre millimetri su un piano infarinato e con un coppa pasta o un bicchiere taglio dei dischi di circa 4/5 cm di diametro.



Con un cucchiaino prendo il ripieno e lo dispongo al centro del dischetto, bagno un bordo con un po’ d’acqua e chiudo ripiegandolo facendo in modo di pinzare bene i bordi



per evitare che in cottura si aprano.



Li dispongo su un piano con della farina in modo tale che non si attacchino.



E ora.. Cuociamo!
In una padella antiaderente verso un po’ d’olio e dispongo i miei ravioli tenendoli leggermente staccati gli uni dagli altri. Lascio rosolare un po’ senza mai toccarli ne spostarli. Dopo due minuti verso un bicchiere d’acqua ( circa 150ml) e chiudo subito con un coperchio.



Abbasso la fiamma al minimo e li lascio cuocere finché non saranno diventati trasparenti ( se usate un coperchio di vetro) sennò aspettate circa una quindicina di minuti. Quando l’acqua sarà evaporata sono pronti da servire! Vanno mangiati rigorosamente con salsa di soia e con salsa piccante!

e99f2194-ef87-4927-8951-b2a5ef6acbca
« immagine » Premetto che sono una vera appassionata della cultura Giapponese e si sa, la cultura passa anche per la cucina. Un piatto che amo particolarmente sono i gyoza la versione giapponese dei Jiaozi o come li conosciamo tutti “ ravioli di carne” quelli che si ordinano al ristorante cinese....
Post
19/07/2018 18:55:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.