Le graffe siciliane

14 marzo 2019 ore 00:43 segnala




Graffe..dolce tipico della pasticceria siciliana,molto apprezzato in tutta Italia. Devo dire la verità,conoscevo queste gustose ciambelline ma non le ho mai preparate, perchè vanno fritte ed io cerco di stare un pò lontana dalle fritture.E' stato mio marito,che è siciliano da parte della madre,a chiedermi se avevo una ricetta delle graffe che gli ricordavano tanto gli anni in cui andava in vacanza in Sicilia.Ho cercato una buona ricetta sul web e mi sono imbattuta nel blog "la mia pasticceria moderna".





La ricetta è davvero ottima,ho fatto una piccola variazione usando tutta farina di forza e la buccia dell'arancia per aromatizzarle.Devo dire che anche se sono fritte, queste graffe restano morbide e asciutte e non assorbono olio.Sono state il nostro dolce di carnevale,davvero molto apprezzato da tutta la famiglia.





Ingredienti:
500 gr di farina forte 400 W-125 gr di acqua a temperatura ambiente-125 gr di latte a temperatura ambiente-25 gr di zucchero(se le desiderate più dolci potete fare 50 gr di zucchero)-50 gr di burro oppure di strutto-1 uovo-12 gr di sale-12 gr di lievito di birra-la buccia grattugiata di 1 arancia non trattata-zucchero semolato per lo spolvero-olio per friggere.


Inserisco nel boccale della planetaria la farina,lo zucchero,la buccia dell'arancia grattugiata con il lievito sbriciolato.Aziono la macchina con il gancio e poco per volta aggiungo il latte con l'acqua mescolati insieme.In una terrina sbatto con una forchetta,l'uovo con il sale e lo verso poco per volta sull'impasto che deve diventare liscio e si deve staccare dalla pareti della ciotola.A questo punto unisco poco per volta il burro a pezzetti,aspettando che l'impasto abbia assorbito il primo pezzetto di burro,prima di aggiungerne altri. Tolgo l'impasto dalla planetaria e lo metto a lievitare per 2 ore in una ciotola coperta da pellicola.





Trascorse le due ore riprendo l'impasto e stacco delle palline di pasta dal peso di 60 gr l'una.Formo dei salsicciotti che successivamente chiudo ad anello.Mano mano che formo le graffe le dispongo su teglie ricoperte da carta forno.





Copro le teglie con pellicola senza schiacciare le graffe e lascio nuovamente lievitare per 1 ora-1 ora e mezza,dipende sempre dalla temperatura di casa vostra. Le mie dopo 1 ora erano già raddoppiate.





In una padella,porto a temperatura di 160°C abbondante olio.Friggo le graffe un po' per volta girandole da ambo i lati fino a doratura.





Le scolo su carta assorbente e le passo nello zucchero semolato.





le graffe siciliane vanno mangiate calde o appena tiepide.
b6a9a844-805d-4136-9447-5dfdb14623cb
« immagine » Graffe..dolce tipico della pasticceria siciliana,molto apprezzato in tutta Italia. Devo dire la verità,conoscevo queste gustose ciambelline ma non le ho mai preparate, perchè vanno fritte ed io cerco di stare un pò lontana dalle fritture.E' stato mio marito,che è siciliano da parte...
Post
14/03/2019 00:43:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. yoqu.iero 14 marzo 2019 ore 07:26
    complimenti , sono veramente ottimi. c'è una variante che si ottiene mettendo nell'impasto patate lessate e passate e sempre aromatizzata con buccia d'arancia grattugiata ed è pure una delizia
  2. ROSE.64 18 marzo 2019 ore 00:05
    @yoqu.iero hai ragione che la variante delle patate è una vera delizia.E' una ricetta tipica del sud,io che ho origini calabre,la conosco bene.Mia madre Le faceva nel periodo natalizio,precisamente la vigilia di Natale a casa mia prima di aprire i regali,si friggevano dai 5 ai 7 kg di (zippole) ci bastavano fino alla befana. :-))
  3. yoqu.iero 18 marzo 2019 ore 07:19
    È vero. Sono ottime però meglio consumarle ancora tiepide. Poi ddiventano un po' troppo oleose. Complimenti
  4. ROSE.64 19 marzo 2019 ore 00:42
    @yoqu.iero hai proprio ragione :-) ma vai a dirglielo a mia madre... ;-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.