Il mestiere di vivere

22 maggio 2018 ore 20:31 segnala
Cesare Pavese

E il mondo ha continuato la sua via, come se nulla fosse accaduto.
Ed è giusto! Il mondo che ha già dimenticato coi loro sogni tutti i poveri morti, abbattuti e straziati nell'ultima guerra, il mondo che da millennii dimentica tutte le stragi immani e le contorsioni di dolore atroce degli uomini, tutti i sogni stroncati, gli entusiasmi e le ore più tragiche, il mondo che sempre è la stessa sfinge dalla maschera di pietra può bene neppur sussultare un istante al gesto rapido di un esaltato.
Vi sono agonie ben più lunghe e dolorose che passano.
L'unico fiore di questa civiltà prodigiosa nel suo tramonto, che non dimentica ancora e che attraverso alla morte conserva per gli uomini il battito dei cuori umani, è spirito senza volto, l'Arte. Senza volto perché universale e eterno. E perché dev'essere - è - il fascino di tutti gli uomini. Se avesse una forma tangibile anche solo nel pensiero ricomincerebbero intorno a lei le passioni e la Morte. Ed ella e l'Arte di tutte le cose umane è l'unica pura. Ha l'immortalità e l'immensità della vita, ma ha di più ancora. È la Vita stessa, spogliata dal suo dolore senza risposta.
b9e0462c-3eab-476c-b6f8-8a8e2f8e4025
Cesare Pavese E il mondo ha continuato la sua via, come se nulla fosse accaduto. Ed è giusto! Il mondo che ha già dimenticato coi loro sogni tutti i poveri morti, abbattuti e straziati nell'ultima guerra, il mondo che da millennii dimentica tutte le stragi immani e le contorsioni di dolore atroce...
Post
22/05/2018 20:31:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.