...puntini di vita...

05 aprile 2013 ore 18:09 segnala

Era facile la vita nei pomeriggi passati ad imparare che due più due fa quattro, e se io ho dieci pastelli, e te ne regalo tre, me ne restano sette. Era semplice la vita quando qualcuno ti insegnava che, dopo il punto, ci vuole sempre la lettera maiuscola; dopo la virgola, invece, si prosegue in minuscolo, e non erano ancora arrivati i due punti, il punto e virgola, i puntini sospensivi, quelli interrogativi ed esclamativi, le parentesi dentro le quali gli adulti ficcano un sacco di cose scomode.
Era facile la vita quando completavi cruciverba con le parole: luna, stella, ape, ala, mare, sole, vento. Oppure, ti toccava imparare a memoria filastrocche in cui amore fa sempre rima con cuore. Poi, da grande, capisci che fa rima pure con fegato, milza, polmoni, cervello.
E i due punti servono ad introdurre un discorso diretto: "Non voglio perderti", o: "Sei importante per me". Così, giusto per fare qualche esempio. E di puntini sospensivi le persone si riempiono la vita.
Per questo si lasciano aperte porte e speranze, cuori e finestre... E i punti esclamativi sono tosti, richiedono coraggio. Quelli interrogativi, però, ne esigono persino di più. Perché certe domande son proprio difficili da fare. E allora, la gente preferisce tacere piuttosto che reggere il peso gravoso di una risposta molto diversa da quella in cui sperava.

Da grande, la vita smette di essere facile. Ma c.azzo se è bella!! Bella da attraversare, bella da soffrire, bella da volerne raccogliere a piene mani e non esserne mai sazi.
846ce6e4-713a-4363-a29f-f81519547427
« immagine » Era facile la vita nei pomeriggi passati ad imparare che due più due fa quattro, e se io ho dieci pastelli, e te ne regalo tre, me ne restano sette. Era semplice la vita quando qualcuno ti insegnava che, dopo il punto, ci vuole sempre la lettera maiuscola; dopo la virgola, invece, si ...
Post
05/04/2013 18:09:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    13

...le donne forti...

03 aprile 2013 ore 20:18 segnala

Le donne forti camminano dritte, lungo l'asfalto della vita. Sono donne difficili. Sono donne che non si accontentano più. Hanno il sole negli occhi, e qualche relitto di troppo nel cuore. Eppure, non si stancano di sfidare l'incertezza del mare.
Vivono di sogni mischiati al cemento. E capita che non sappiano più distinguere gli uni dall'altro.
Danzano scalze. Un po' zingare, un po' selvagge. Eternamente bambine, sotto le ciglia vestite di rimmel, e le labbra rosso rubino.
E' la mente a partorire il loro erotismo che, lento, si annida nel cuore. E poi, sinuoso, si traduce sul corpo. Il loro fare l'amore, è un fare l'amore complesso. Per questo, quando prendi una donna, non ne prendi un pezzo soltanto. Ne sposi l'armoniosa, assoluta, totalità.
Le donne forti spogliano l'anima, la vestono di magnifico nulla, la dividono in parti, piccolissime parti, e ne mettono una in ogni cosa che fanno. Tutto quello che toccano diventa magia.
La loro vita è una corsa ad ostacoli, senza podio e senza medaglie. Si portano addosso i fallimenti, e le sconfitte, con innata eleganza, e dignità sofferta. Come un tassello di vita che, malgrado il dolore, non baratterebbero mai. Perché sono ciò che sono. E non lo rinnegano.
Le donne forti non smettono di cercare qualcuno per cui valga la pena tornare ad amare. Perché le donne forti tornano ad amare una volta ancora, una volta in più, una di troppo. Anche dopo aver giurato a sé stesse che mai più lo avrebbero fatto.

Le donne forti fanno paura. Ma sono le sole per cui valga lo sforzo.

- dal web -
b125b3d2-8156-451d-9577-e971ec228227
« immagine » Le donne forti camminano dritte, lungo l'asfalto della vita. Sono donne difficili. Sono donne che non si accontentano più. Hanno il sole negli occhi, e qualche relitto di troppo nel cuore. Eppure, non si stancano di sfidare l'incertezza del mare. Vivono di sogni mischiati al cemento. ...
Post
03/04/2013 20:18:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    27
  • commenti
    comment
    Comment
    15

...cadere con stile...

02 aprile 2013 ore 20:55 segnala

L'amore non è una distesa di petali... Somiglia, di più, ad un campo di battaglia in cui farsi la guerra a colpi di incomprensioni, differenze, compromessi che si faticano a raggiungere, punti d'incontro che sembrano non esistere. E poi, d'un tratto - quando ogni cosa appare impossibile, irrecuperabile, senza sorte e senza futuro - capire di aver sempre lottato dallo stesso lato della barricata... Insieme.
Non importa quanto lontano vai: ciò che è destinato ad essere sarà comunque, e troverà il modo di raggiungerti.

Così, per dirla all'inglese, "To Fall In Love": cadere in amore. Perché, forse, nell’amore inciampi proprio mentre corri sul tuo tacco dodici.
E allora, schiena dritta, testa alta, sguardo fiero, jeans attillati, e sorriso seducente. Se proprio dovete cascarci, e ricascarci, tanto vale farlo con stile.


Buone cadute a tutte.
4335fee6-38e8-4c98-bb2b-8b12b74ad962
« immagine » L'amore non è una distesa di petali... Somiglia, di più, ad un campo di battaglia in cui farsi la guerra a colpi di incomprensioni, differenze, compromessi che si faticano a raggiungere, punti d'incontro che sembrano non esistere. E poi, d'un tratto - quando ogni cosa appare impossibi...
Post
02/04/2013 20:55:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    5

...Vademecum...

01 aprile 2013 ore 23:47 segnala

Vi preoccupate tanto di non concedervi fisicamente ad un uomo.
Contate le uscite: la prima sera non esiste al mondo, sarebbe da troie; la seconda, un pensierino ce lo fate ma resistete, è ancora troppo presto; la terza sera, gli consentite di andare in prima base; al quarto appuntamento, le cose iniziano a farsi complicate da gestire; al quinto poi, è una faticaccia.
Il vademecum della "scopata" perfetta, educata, morale, etica, perbenista e di buon gusto. Ma, mentre vi preoccupate di non aprire le gambe troppo in fretta, il cuore l'avete già allegramente spalancato, esponendolo a rischi, delusioni, voglia di mettervi in gioco, emozioni e sensazioni indirizzate a chi, il più delle volte, neppure le merita.

Troppo attente a difendere - giustamente anche - la vostra "sacralità sessuale", vi dimenticate di quella emotiva e finite col "prostituirvi sentimentalmente".
Non vi accorgete che la parte più importante di voi, quella più preziosa - il cuore - l'avete già concessa...
03926e5d-294c-4d3b-9eb3-a0b3233c1a00
« immagine » Vi preoccupate tanto di non concedervi fisicamente ad un uomo. Contate le uscite: la prima sera non esiste al mondo, sarebbe da troie; la seconda, un pensierino ce lo fate ma resistete, è ancora troppo presto; la terza sera, gli consentite di andare in prima base; al quarto appuntamen...
Post
01/04/2013 23:47:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    8

...ci sono donne...

01 aprile 2013 ore 19:53 segnala

Ci sono le Donne...
E poi ci sono le Donne Donne...
E quelle non devi provare a capirle, sarebbe una battaglia persa in partenza.
Le devi prendere e basta.
Devi prenderle e baciarle, e non dare loro il tempo di pensare.
Devi spazzare via, con un abbraccio che toglie il fiato, quelle paure che ti sapranno confidare una volta sola, una soltanto, a bassa, bassissima voce. Perché si vergognano delle proprie debolezze e, dopo avertele raccontate, si tormenteranno - in un'agonia lenta e silenziosa - al pensiero che, scoprendo il fianco, e mostrandosi umane e fragili e bisognose per un piccolo fottutissimo attimo, vedranno le tue spalle voltarsi ed tuoi passi allontanarsi.
Perciò prendile e amale. Amale vestite, che a spogliarsi son brave tutte. Amale indifese e senza trucco, perché non sai quanto gli occhi di una donna possano trovare scudo dietro un velo di mascara. Amale addormentate, un po' ammaccate quando il sonno le stropiccia.

Amale sapendo che non ne hanno bisogno: sanno bastare a sé stesse. Ma, appunto per questo, sapranno amare te come nessuna prima di loro.
0aed3a1e-67ba-460c-844b-f992ea0b8a68
« immagine » Ci sono le Donne... E poi ci sono le Donne Donne... E quelle non devi provare a capirle, sarebbe una battaglia persa in partenza. Le devi prendere e basta. Devi prenderle e baciarle, e non dare loro il tempo di pensare. Devi spazzare via, con un abbraccio che toglie il fiato, quel...
Post
01/04/2013 19:53:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment

...scatoloni...

01 aprile 2013 ore 08:53 segnala

...E forse il segreto non è sbarazzarsi di qualcosa, o aggiungere qualcos'altro.
Forse, il segreto è fare spazio a tutto, a quello che c'è stato, a quello che c'è, a quello che verrà, persino a quello che vorremmo non arrivasse mai.
Forse, il segreto sta nel mettere ordine tra i pensieri, prima che tra le cose. E poi tra le persone. Concedere ad ognuna il giusto spazio. Che non sia troppo, ma nemmeno troppo poco. E' sufficiente che stiano comode. Ed è fondamentale che stia comodo tu per primo.
E tra gli scaffali della vita, ci saranno scatoloni fatti di occhi, e bocche, e profumi, e ricordi, che deciderai di tenere in un angolino buio, un po' nascosto, perché non ti andrà di doverci posare lo sguardo troppo spesso. Quello, sarà lo scompartimento del: "Poteva essere e non è stato".
E ci saranno scatoloni fatti di oggi, di adesso, di "afferrabilissimo" presente, che invece terrai ben esposti, a portata di mano.

Ed infine, ci saranno scatoloni di sogni, e progetti, e realtà che non sono ancora tali, ma lo diventeranno. Scatoloni pieni di domani, che un posto su quegli scaffali ancora non ce l'hanno, ma ce l'avranno, tra qualche tempo, quando sarà il momento.
871cb65b-dbc6-4213-a04a-8bf3318147bd
« immagine » ...E forse il segreto non è sbarazzarsi di qualcosa, o aggiungere qualcos'altro. Forse, il segreto è fare spazio a tutto, a quello che c'è stato, a quello che c'è, a quello che verrà, persino a quello che vorremmo non arrivasse mai. Forse, il segreto sta nel mettere ordine tra i pens...
Post
01/04/2013 08:53:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    1

...dove sta il cuore?...

31 marzo 2013 ore 11:06 segnala
Oggi, un bimbo: "Ma il cuore sta sempre nello stesso posto, oppure, ogni tanto, si sposta? Va a destra e a sinistra?".

Io: "No, il cuore resta sempre nello stesso posto. A sinistra .. " ...

Poi, un giorno, crescerai. Ed allora capirai che il cuore vive in mille posti diversi, senza abitare, davvero, nessun luogo.
Ti sale in gola, quando sei emozionato. O precipita nello stomaco, quando hai paura, o sei ferito.
Ci sono volte in cui accellera i suoi battiti, e sembra volerti uscire dal petto. Altre volte, invece, fa cambio col cervello.

Crescendo, imparerai a prendere il tuo cuore per posarlo in altre mani. E, il più delle volte, ti tornerà indietro un po' ammaccato. Ma tu non preoccupartene. Sarà bello uguale. O, forse, sarà più bello ancora. Questo, però, lo capirai solo dopo molto, molto tempo.
Ci saranno giorni in cui crederai di non averlo più, un cuore. Di averlo perso. E ti affannerai a cercarlo in un ricordo, in un profumo, nello sguardo di un passante, nelle vecchie tasche di un cappotto malandato.

Poi, ci sarà un altro giorno. Un giorno un po' diverso. Un po' speciale. Un po' importante. Quel giorno, capirai che non tutti hanno un cuore...

-dal web-
584303a5-eb20-4e74-a513-021214e86ab7
Oggi, un bimbo: "Ma il cuore sta sempre nello stesso posto, oppure, ogni tanto, si sposta? Va a destra e a sinistra?". « immagine » Io: "No, il cuore resta sempre nello stesso posto. A sinistra .. " ... Poi, un giorno, crescerai. Ed allora capirai che il cuore vive in mille posti diversi, senza...
Post
31/03/2013 11:06:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

...e vorrei non esser qui per un po'...

31 marzo 2013 ore 09:14 segnala

Non respiro, a volte capita.
Non so se capiti anche voi.
E’ come se si fermasse il tempo, lentamente.
I secondi diventano interminabili fino a quando il tempo dentro e fuori di me sembra congelarsi.
E sono tutt’uno con l’universo...
I miei pensieri si fanno leggeri e sembrano disperdersi come fumo nell’aria.
E non c’è più rumore, i colori non fanno più parte del mio cielo.
E’ un attimo che si riempie di sensazioni che sembravano dimenticate e che ritornano, ostinate, quasi a volermi ricordare che esisto nonostante l’inutilità di un altro giorno inutile.
E poi sento la mia anima infrangersi come un’onda sugli scogli della memoria…
Il silenzio ritorna, puntuale, a sottolineare un ricordo che non vuole andar via.
Sono qui e sono altrove... E vorrei non essere qui per un pò...

- dal web -
12e7ac3c-cbce-4c7a-84b6-6dc87dbb3346
« immagine » Non respiro, a volte capita. Non so se capiti anche voi. E’ come se si fermasse il tempo, lentamente. I secondi diventano interminabili fino a quando il tempo dentro e fuori di me sembra congelarsi. E sono tutt’uno con l’universo... I miei pensieri si fanno leggeri e sembrano disp...
Post
31/03/2013 09:14:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment

...il resto è silenzio...

30 marzo 2013 ore 19:03 segnala


"Io sono il silenzio, amico per chi sa ascoltare, nemico di chi è sordo.
Io sono il silenzio, e sono dovunque.
Esisto, perché tu possa parlare.
Esisto, perché tu possa ascoltare.

Io sono il silenzio, timido e misterioso, crudele e severo, perché nessuno può sottrarsi alla mia voce.
Sono l’eco dell’anima, la cui lingua è sconosciuta eppure limpida, segreta, solo perché non la si ode.

Io sono la voce del tempo, custode del futuro e del passato, ma presente nel momento.
Io sono il silenzio, e non puoi non udirmi"

- dal web -
572dc6c7-808f-466f-a283-00cff013abb8
« immagine » "Io sono il silenzio, amico per chi sa ascoltare, nemico di chi è sordo. Io sono il silenzio, e sono dovunque. Esisto, perché tu possa parlare. Esisto, perché tu possa ascoltare. Io sono il silenzio, timido e misterioso, crudele e severo, perché nessuno può sottrarsi alla mia voce. ...
Post
30/03/2013 19:03:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

...ubriachiamoci di vita...

30 marzo 2013 ore 12:24 segnala

“Bisogna essere sempre ubriachi.
Tutto sta in questo: è l’unica questione.
Per non sentire l’orribile fardello del tempo.
Del tempo che rompe le vostre spalle e vi inclina verso la terra, bisogna che vi ubriacate senza tregua.
Ma di cosa? Di vino, di poesia o di virtù, a piacer vostro. Ma ubriacatevi!
E se qualche volta sui gradini di un palazzo, sull’erba verde di un fossato, nella mesta solitudine della vostra camera, vi risvegliate con l’ubriachezza già diminuita o scomparsa... domandate al vento, all’onda, alla stella, all’uccello, all’orologio, a tutto ciò che fugge, a tutto ciò che geme, a tutto ciò che ruota, a tutto ciò che canta, a tutto ciò che parla… domandate che ora e’.
Ed il vento, l’onda, la stella, l’uccello, l’orologio vi risponderanno “è l’ora di ubriacarsi”! Per non essere gli schiavi martirizzati del tempo, ubriacatevi; ubriacatevi senza smettere! Di vino, di poesia o di virtù, a piacer vostro.”

Ubriachiamoci di viaggi, aggiungo, che di vino, e di poesia, e di virtù ne contengono sempre, illimitatamente :clap ...

Buona Pasqua, gente, e buona vita!
86ce262a-ffbf-4d6a-a856-7a9ca21be058
« immagine » “Bisogna essere sempre ubriachi. Tutto sta in questo: è l’unica questione. Per non sentire l’orribile fardello del tempo. Del tempo che rompe le vostre spalle e vi inclina verso la terra, bisogna che vi ubriacate senza tregua. Ma di cosa? Di vino, di poesia o di virtù, a piacer vostro...
Post
30/03/2013 12:24:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    3