ALLE DONNE da uno amorevolmente incazzato

10 dicembre 2017 ore 00:05 segnala


Riporto qui un discorso che mi ha fatto pensare e che dovrebbe far riflettere. Come non tutti gli uomini sono violenti, così non tutte le donne sono innocenti:

"Molti uomini sono "deboli", "fragili", "vacui", "volubili".... eppoi anche "farfalloni", "machisti", "maschilisti", "infedeli", "inaffidabili"... si può andare avanti e riempire la pagina di definizioni miserande e tutte vere.
Ma io mi domando, in modo molto semplice e diretto: si è mai vista una donna, una madre, insegnare al proprio figlio maschio qualcosa della sua femminilità, del suo modo di essere, di vedere le cose... insomma, si è mai vista una donna che abbia insegnato al figlio ad essere uomo, possibilmente padre, marito o compagno, nella società degli ultimi 70 anni ?
Naturalmente parto dal dopoguerra, perchè considero il periodo precedente solo la parte tarda del medioevo intellettuale dell'umanità...
Parlo, naturalmente, del ruolo educativo delle donne perchè – se diamo per scontato che le definizioni iniziali siano vere - sono solo le donne che possono insegnare qualcosa sul mondo femminile.
Non certo i nostri padri, quelli di due generazioni fa, figli di una sotto-cultura quasi completamente post-rurale, ignoranti al pari del proprio bestiame o peggio, che non avrebbe potuto insegnare proprio niente ai propri figli se non la difficoltà di procurarsi il pane, facendolo spesso con l'uso della cinghia dei pantaloni...
O i padri della generazione attuale e precedente, che hanno prodotto le due generazioni di "assassini di donne" attuali, due generazioni di padri che sono il prodotto di una cultura di reazione alla fame post-bellica e che non hanno saputo - e continuano a non sapere e a non volere nemmeno imparare a conoscere ed insegnare un minimo di disciplina sociale e di rispetto per il prossimo...
Tre generazioni di maschi in larga parte falliti come padri, come educatori e uomini. Tre generazioni di maschi che hanno ridotto il Paese in un deserto
intellettuale e spirituale, popolato da piagnoni rissosi e vigliacchi, di smidollati, di persone senza rispetto per il prossimo ma alla caccia - la larghissima parte - del profitto facile, del "successo" a costo di qualsiasi porcheria.
Orbene, in questa desolazione maschile, una desolazione ampia ben 3 generazioni dal dopoguerra ad oggi, voi donne, dall'interno della famiglia, dalle scuole, dalle sedi della politica, cosa avete fatto ? Niente.
Siete state complici, spesso più amorosamente ammirate della "luce dei vostri occhi", il figlio "masculo", per il quale buona parte delle femmine italiche nutre una passione al limite dell'incesto, che invece di prendere a sberle il marmocchio capriccioso ed insegnargli il rispetto per le altre persone e, soprattutto, per il genere femminile, ha infinite volte perdonato, giustificato, vezzeggiato.
Infinite volte VOI donne che avete patito la bestialità e il dolore dell'odio da "amanti tradite" da parte delle vostre suocere, ma non avete esitato un solo istante a rivoltarvi anche voi contro le fidanzate e le mogli dei vostri figli, senza alcuna pietà per la femmina che vi portava via la "luce dei vostri occhi", il troppo
amato figlio maschio...
Pur avendo voi patito le pene dell'inferno non avete esitato e non esitate ancora oggi a fare patire alle femmine giovani altrettante pene infernali.
Ma c'è di più, purtroppo…
Quante volte voi donne oggi scegliete il mascalzone tenebroso di turno, perchè vi fa sfrigolare la passera, perchè promette chissà quali emozioni avventurose, invece di scegliere uomini decenti e, soprattutto, senza educare mai le vostre figlie femmine ad operare scelte maschili consapevoli e sagge... E la dolorosa domanda è: perchè queste merde maschili vi fanno sfrigolare la passera, quando dovrebbero farvi solo schifo ?
Sarebbe così facile, da parte vostra, se vi decideste ad applicare l'eugenetica
dello stronzo… a furia di andare in bianco i maschi lo capirebbero che è ora di
darsi una mossa e proverebbero a migliorare.
La verità è ben diversa. Disponibilità di femmine per l'uomo stronzo contro disponibilità di femmine per l'uomo decente = 10 a 1.
Poi vi lamentate che gli stronzi sono la maggioranza… ma VOI, quale selezione applicate ? Nessuna. Siete voi stesse che permettete all'uomo stronzo di riprodursi e prosperare alla grande.
E quante volte voi donne evitate di praticare l'eutanasia di un rapporto per la paura di restare sole, e vi tenete uomini intellettualmente inetti, professionalmente incapaci, spiritualmente più vuoti del vuoto interstellare e, purtroppo, spesso violenti, alcolizzati, inutili solo perchè avete paura della solitudine e della riprovazione sociale di essere "single" ?
Oggi voi donne siete piuttosto potenti, in parlamento (siete 198)… e se invece di comportarvi un gruppo di oche starnazzanti - spesso a vuoto - asservite ai maschi, vi organizzaste trasversalmente per promulgare leggi a vostra stessa tutela, queste passerebbero senza problemi !!
Specialmente con dalla vostra parte il presidente della Camera, che – a parte una retorica ottusa e vuota senza precedenti, è una donna - forse aprirebbe corsie preferenziali per le discussioni dei progetti di legge a tutela delle donne... forse....
Quanto ci vuole per un gruppo di duecento parlamentari per scrivere un progetto di legge che preveda il carcere immediato con procedura d'ufficio per situazioni ritenute pericolose, dopo la prima denuncia di violenza familiare ? quanto ci vuole per ottenere la direttissima e infliggere uno o due anni di carcere senza la sospensione della pena e senza attenuanti alla prima violenza familiare ?
Perché ricordo che i maschi di questo paese sono riusciti a portare a 4 anni e qualche mese il limite della condanna sotto la quale non si fa un solo giorno di galera...
Cosa ci vuole per fare un presidio sostenuto da uno sciopero della fame collettivo delle parlamentari per ottenere che un simile progetto di legge passi in un baleno ?
Niente. Basta volerlo fare davvero.
Cosa ci vuole per fare un progetto di legge che istituisca un fondo di aiuto alle donne che vengono lasciate in mezzo alla strada dai mariti inetti ? Niente, basta volerlo. Non lo fanno i maschi ? FATELO VOI !
Cosa ci vuole per fare un progetto di legge che tolga i beni di famiglia ai mariti violenti ? NIENTE. Basta volerlo. Non lo fanno i maschi ? FATELO VOI !
Ma voi donne non lo volete davvero, perchè a voi, infondo, non ve ne frega proprio un beneamato c... (niente) della sofferenza delle vostre simili, perchè striscia sempre tra voi il preconcetto che, per ogni donna, le altre femmine siano rivali, nemiche, competitrici alla conquista delle "poche" risorse maschili disponibili.
Basta mettervi insieme in un gruppo e stare a sentire quello che vi dite dietro le spalle l'un l'altra... Tra voi siete capaci di togliervi la pelle di dosso l'un l'altra. E lo sapete che qual che dico è la verità.
Volete meno femminicidi ? Datevi da fare, perchè se è vero che noi maschi siamo dei poveri diavoli allora dovete intervenire voi.
Crescete, prima di tutto, e nel frattempo intervenite.
In parlamento, con leggi durissime, severissime, che colpiscano i maschi violenti subito e con la massima durezza, alle prime avvisaglie, senza appello, senza sconti.
Non esiste dissuasione migliore della certezza della pena per un maschio ubriacone, violento e/o possessivo. ALTRO CHE MULTA PER LO STALKER !!
Ti sei avvicinato a meno di 500 metri dopo la diffida del giudice ? In galera per un anno, senza sconti, senza appello, senza possibilità di discussione.
Poi vedi che agli altri "pazzi" la voglia gli passa di colpo.
L'impunità reale garantita da questo sistema costruito da maschi è la migliore garanzia che i femminicidi continueranno. VOLETE CAPIRLA O NO ?
In famiglia, dove dovete decidervi ad insegnare cosa sia e come funzioni il mondo femminile ai figli maschi, e la "meritocrazia nella scelta del compagno" alle figlie femmine.
Datevi da fare e alla svelta, perchè l'unica domanda, qui, è solo quante morti ancora vogliamo vedere, prima di fare qualcosa.
Donne, quante altre donne volete vedere morire ancora, prima di darvi una mossa ?
Il mio è un grido di rabbia, il grido di rabbia di tutti i maschi decenti, amorevoli compagni, che vedono continuamente infangato il mondo maschile sano dagli esiti di questa subcultura ignobile, tutta italica, fatta di possesso, ignoranza e di mancanza di rispetto nel prossimo.
Una subcultura maschile che è al potere e che esprime una classe politica che non farà mai niente di serio contro i femminicidi.
Non illudetevi, donne: così come il vostro compagno inetto e insulso attuale non vi faciliterà la vita, ne ora né mai, altrettanti maschi insulsi ed inetti in parlamento se ne guaderanno bene dal promulgare leggi a vostra tutela e a promuovere una cultura diversa.
Datevi da fare, che è ora.
Un saluto amorevolmente incazzato a tutte voi"
281ec469-ac5b-4706-a6f0-ab3dd86306eb
« immagine » Riporto qui un discorso che mi ha fatto pensare e che dovrebbe far riflettere. Come non tutti gli uomini sono violenti, così non tutte le donne sono innocenti: "Molti uomini sono "deboli", "fragili", "vacui", "volubili".... eppoi anche "farfalloni", "machisti", "maschilisti", "infed...
Post
10/12/2017 00:05:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. semplicemente.1965 21 dicembre 2017 ore 14:46
    Ho voluto riportare la voce di un uomo sul tema fenmminicidio, non condivido tutto ma è finalmente un maschio che si è esposto con logica e senza insulti, e soprattutto con proposte giuridiche che ogni donna approverebbe. Troppe volte ho sentito dagli uomini giudizi campati in aria, luoghi comuni.
  2. viking.81 30 gennaio 2018 ore 11:03
    :clap

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.