E ad un certo punto......

30 gennaio 2018 ore 17:30 segnala


ho deciso di fare un pò di pulizia tra i miei ricordi.
Ho raccattato tutta la risma di fogli e foglietti sistemati ordinatamente sul mio comodino,
in realtà non avevo più intenzione di leggere tutti quegli appunti, quelle emozioni, quelle lacrime, avevo deciso di cestinare quelli che fanno più male.
Mi sono convinta che lottare in silenzio per qualcosa che è solo follia, significa lasciarsi accarezzare da una pace ingannatrice.
Per me ormai non esiste più nulla tranne la consapevolezza di un profondo e amaro bisogno di un desiderio irrealizzabile!
Mi butto sul letto portando i "ricordi" con me... infilo le mani tra i capelli e chiudo gli occhi.
LI rivedo tutti, c'è una ressa incredibile, ce ne sono davvero tanti e cercano di precedersi l'un l'altro ( in ordine di importanza-mi sussurrano- ) ma... non sanno che non c'è fretta, non sanno che ogni istante di quei ricordi vissuti sono durati una eternità, nel bene e nel male. Tutto è stato fondamentalmente vitale, insostituibile e tutto irripetibile.
Anche "cestinandoli, butterò via solo la carta straccia ma non il contenuto.
Inganno me stessa.... voglio convincermi del contrario e invece sono tutti lì, attorno al mio letto, sopra il mio letto, aggrappati al mio collo, ai miei occhi, alle mie lacrime, alle mie labbra.. è tutto nel mio corpo ed è inscindibile da me, dalla memoria sempre aperta quasi a voler ricordarmene costantemente il contenuto.
Iniziò tutto con un c
lamoroso battibecco....
con un estremo tentativo da parte mia di scappare lontano,
di annientare qualcosa che ancora non esisteva ma che sapevo sarebbe divenuto indissolubile.
Forse è stata (o lo è) una infatuazione perenne, forse è amore o qualcosa di più, (pensavo allora)
forse il cercarci divenne un riflesso condizionato o non so cosa fosse...ciò che so con certezza è che i suoi occhi mi cercavano ovunque si trovasse, la mia presenza era sempre con lui....
Lui per me divenne il respiro!
Che strano destino....
mi trovò in una chat diversa da quella da lui frequentata,
fu per caso...e avvenne quell'intreccio inspiegabile e..
non sono mai riuscita dare una spiegazione alla mia anima.
Quella relazione mise l'acceleratore al mio cuore...
La sua dolcezza nel prendersi silenziosamente cura di me, mi sorprendeva sempre fino a quando........

La notte a volte è crudele per alcuni, e qualcuno ne approfitta......

SCAPPA VIRGINIA, SCAPPA!
Il mondo continua il suo girotondo anche se il tempo a volte sembra fermarsi.
Sto riprendendo a sorridere anche se sono ancora nuda, in cerca di qualcuno che mi rivesta con le sue braccia forti.
Si, io sorrido convinta che ci sono cose che ci travolgono, situazioni che ci sorprendono e incontri che non possiamo spiegare; ma le scelte che facciamo, le persone di cui ci circondiamo, le realtà in cui ci imbattiamo, quelle sono frutto del destino. E i girasoli continuano a girarci intorno



Virginia

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.