Riflessioni fluttuanti

20 novembre 2017 ore 06:54 segnala

.........

Mi capitava spesso di stare da sola nella mia camera, di chiudere gli occhi e di estraniarmi da tutto e da tutti…come se il mio corpo e la mia mente generassero un mondo tutto per loro...mi perdevo nel labirinto della mia immaginazione…e dopo alcuni secondi di vuoto navigavo nei miei pensieri…
Pensavo positivo, pensavo alle cose belle che avrei trovato lungo il mio cammino, pensavo al mio futuro (cosa farò, chi sarò, come sarò ?!);
immaginavo di avere un futuro senza problemi, pieno di amore, felicità, immaginavo il volto della persona che mi sarebbe stata accanto e con la quale avrei costruito una famiglia, immaginavo tante cose, troppe cose, cose che magari non si sarebbero mai realizzate.
Ma davvero questo stare da sola con me stessa a volte mi aiutava, mi doveva aiutare perchè chi più di me sarebbe riuscita a pensare come sarebbe stata la mia vita…
Mi bastavano solo cinque minuti di solitudine e quando ritornavo al presente mi sentivo meglio.
"Ho sempre considerato il corpo come l’espressione visibile dell’Essere che c’è in ogni persona, comunque sia il corpo: sofferente o deformato o contorto. Un corpo che comunica…
Sta a noi decodificare il linguaggio, il messaggio che l’Essere ci vuole trasmettere…"
83e7c380-b179-47ea-87a3-21fd71f0b649
« immagine » ......... « immagine » Mi capitava spesso di stare da sola nella mia camera, di chiudere gli occhi e di estraniarmi da tutto e da tutti…come se il mio corpo e la mia mente generassero un mondo tutto per loro...mi perdevo nel labirinto della mia immaginazione…e dopo alcuni secondi d...
Post
20/11/2017 06:54:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.