ai miei tre grandi amori ella mia vita

09 febbraio 2019 ore 21:20 segnala
A mia sorella ed ai miei due figli dedico questa canzone

perchè una madre e una sorella maggiore possono

sentire il più grande amore ma....

non c'è mamma nè sorella senza errore




i loved you so much



un giorno ricordatemi così :rosa :rosa :rosa
b470f6a2-d947-4cf7-a5fd-6e35ac2189ce
A mia sorella ed ai miei due figli dedico questa canzone perchè una madre e una sorella maggiore possono sentire il più grande amore ma.... non c'è mamma nè sorella senza errore « video » i loved you so much « video » un giorno ricordatemi così :rosa :rosa :rosa
Post
09/02/2019 21:20:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

così poco eppure vale molto

29 gennaio 2019 ore 02:51 segnala
ci sono alcune cose nella vita che non costano nulla,

ma donano gioia,affetto,fiducia,compagnia e stima





un saluto a chi passa , legge, lascia un saluto :-)

o in silenzio legge e se ne và :rosa
9b0d42be-3f44-47d1-9fb8-2d29c5d4ad25
ci sono alcune cose nella vita che non costano nulla, ma donano gioia,affetto,fiducia,compagnia e stima « immagine »
Post
29/01/2019 02:51:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

a che prezzo nacque l'america del nord.....usa

20 gennaio 2019 ore 16:59 segnala
l'eccidio dei veri americani...















ed oggi cercano la spiritualità.....

loro la vivevano già allora.

da mente a mente

23 febbraio 2017 ore 07:29 segnala
Toccare una mente è assai più complicato

che toccare un corpo,perchè un corpo puoi stringerlo

in un letto ma una mente no.

Una mente và dove vuole.Quando resta,una mente

vuole darti tutto,vuole darsi davvero.

Oltre presenze e assenze,oltre distanze e vicinanze,

oltre quello che puoi dire o non dire,

fare o non fare.E' ubiquamente tua.

Sa sorriderti più delle labbra,

quando si accorge che non vuoi possederla

ma prendertene cura.

Ed è questo il miracolo più profondo,

il senso denso di un vero incontro.

Questo l'apice di ogni corrispondenza d'anima.

Questo il senso di appartenenza.

partire per restare.Viaggiare senza spostarsi

ma andare dappertutto.

Mantenersi sempre un pò selvatici

ma farsi attraversare oltre i limiti dei propri confini.

E lasciarsi finalmente contaminare gli occhi

da radici felici

MB


non ho mai trovato un essere umano che sapesse amarmi così....

ma la mia lupa ..si !!!



un saluto a chi passa , legge, lascia un saluto :-)

o in silenzio legge e se ne và :rosa
2b99c349-c539-4066-9364-dd2f926f2307
Toccare una mente è assai più complicato che toccare un corpo,perchè un corpo puoi stringerlo in un letto ma una mente no. Una mente và dove vuole.Quando resta,una mente vuole darti tutto,vuole darsi davvero. Oltre presenze e assenze,oltre distanze e vicinanze, oltre quello che puoi dire o...
Post
23/02/2017 07:29:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    12

oggi + di ieri e - di domani

22 febbraio 2017 ore 20:41 segnala
le parole non servono...






:rosa

il mio regalo di natale

25 dicembre 2016 ore 15:20 segnala


ho trovato per caso questa immagine, e non devo aggiungere nulla,

stranamente rispecchia ciò che vivo in questo momento,

un giorno di natale da non dedicare ad un compagno,

ma a tutti i compagni di vita, amici che ti hanno dimenticato,

e lo si capisce nel dolore.

Ora trovo il coraggio di dirlo....

vivo da anni nel dolore,lottando a volte vincendo, a volte perdendo,

in ricadute e poi lente risalite :-)

alcune persone però anche se poche non lo hanno fatto.

si sono dimostrati amici/che con la A maiuscola.

A tutti voi un grazie di cuore, grazie di esserci,

grazie di non avermi abbandonata mai anche...

quando consono al mio carattere mi chiudo a riccio....

grazie per non aver temuto le spine e aver saputo perseverare

tenendo aperte breccie nei muri che io costruivo intorno a me,

grazie per avermi capita nonostante il mio caratteraccio.

Grazie perchè per me questo è stato il regalo di Natale più bello,

e farà si che per me ogni giorno sarà Natale.

Il regalo che posso fare io è poca cosa....

perdono di cuore chi mi ha dimenticata magari dopo anni e anni

di conoscenza o amicizia.

A chi legge o passa di quà un sereno Natale :-)
b9c387c2-aabc-4d78-9b60-dba24fdd77a1
« immagine » ho trovato per caso questa immagine, e non devo aggiungere nulla, stranamente rispecchia ciò che vivo in questo momento, un giorno di natale da non dedicare ad un compagno, ma a tutti i compagni di vita, amici che ti hanno dimenticato, e lo si capisce nel dolore. Ora trovo il co...
Post
25/12/2016 15:20:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    10

incompleto

27 settembre 2016 ore 14:41 segnala
Settimo Cielo di Sandro Magister
27 set
Francesco apre la porta anche a chi non ha l'abito nuziale. Ma che ne dice il Padrone di casa?

nozze

Ricevo e pubblico. L'autrice della prima lettera è una consacrata nella vita eremitica. L'autore della seconda è un rinomato avvocato penalista del foro di Napoli.

L'una e l'altro intervengono sulla questione della comunione ai divorziati risposati. Il secondo, in particolare, a seguito della lettura di "Amoris laetitia" fatta dal cardinale vicario di Roma Agostino Vallini, segnalata nel precedente post.

Entrambi sono tra quelle "pecore fedeli" cui ha fatto cenno il cardinale Camillo Ruini nell'intervista al "Corriere della Sera" del 22 settembre, quando ha detto che prega il Signore "perché l’indispensabile ricerca delle pecore smarrite non metta in difficoltà le coscienze delle pecore fedeli".

A loro la parola.



Gentile Magister,

sono una consacrata nella vita eremitica e sto seguendo molto attentamente e, per quanto umanamente possibile senza pregiudizi, il dibattito sulla comunione ai divorziati risposati, per capire se un'eventuale decisione del papa a questo riguardo rientri davvero nelle sue prerogative – il potere delle chiavi –, oppure se di queste chiavi se ne voglia fare un duplicato all'insaputa, si fa per dire, del Padrone di casa, per introdurvi, con l'inganno, chi non ha l'abito nuziale (Mt 22, 1-14), venendo così meno alla fiducia accordata.

Desidero sottoporle un ragionamento molto semplice nella forma, ma essenziale nel contenuto per cercare di cogliere il cuore del problema.

Se la Chiesa dà la possibilità di comunicarsi a chi, non potendo percorrere la strada dell'annullamento del precedente matrimonio, si è sposato civilmente o convive con un'altra persona, pur essendo sacramentalmente unito sempre al primo coniuge (“una sola carne” dice il Padrone di casa), allora vuol dire che la Chiesa stessa ritiene possibile che si possa accogliere il sacramento della infinita santità di Dio facendolo tranquillamente convivere, nella stessa casa – corpo e anima del ricevente – con il peccato, perché l'adulterio resterebbe comunque un peccato a meno che non si cambi la dottrina.

Le pare possibile? Direi proprio di no, se conosciamo, anche solo lontanamente, che cosa sia il peccato. Ed è Dio stesso a ricordarcelo con l'immacolata concezione di Maria che ne viene preservata proprio in vista di ricevere nel suo corpo l'ostia santa, cioè il corpo e sangue di Gesù.

Perché? Perché Dio esige di non coabitare con il peccato!

Io penso che, a furia di cavillare sugli aspetti giuridici e sentimentali, cioè prettamente umani, della questione, si perdano di vista la dimensione soprannaturale della nostra vita, il volto del Dio eterno e santo e la misteriosa potenza dei suoi comandi, cioè della sua volontà che non deve necessariamente essere capita, ma soltanto accolta, perché viene da Lui.

Ricevere l'eucaristia in una situazione di peccato grave vuol dire non solo trasgredire un comandamento, ma, e qui sta l'empietà, forzare il Signore a convivere con il male. Si commette un abominio, per usare una parola che suona molto male alle nostre orecchie così moderne, ed è questo l'anello mancante nell'infinita discussione sull'argomento: la santità di Dio.

Perché si vuole concedere alle persone che si trovano in questa situazione la possibilità di cadere in un peccato così tremendo? La Chiesa vuole davvero suggerire ai suoi figli che il Santo di Dio e il Divisore per eccellenza possano stare insieme?

Ecco qual è il cuore del problema: che il peccato viene rimosso per non doverlo riconoscere come tale, perché dà fastidio e fa da inciampo ai nostri piani. Ma questa rimozione, togliendolo dal suo giusto posto, alla fine viene a collocarlo, paradossalmente, nello stesso “luogo” di Dio.

Ci stiamo accorgendo di che cosa significhi questo spostamento?

“Il tentativo orribilmente privo di senso, e tuttavia eccitante fino alle radici, di spodestare Dio, di far scendere di grado Dio, di distruggere Dio… l'uomo deve ammettere in assoluto la profondità del peccato… deve deporre l'orgoglio del suo destino, la caparbietà che vuol fare i fatti propri e vivere la propria vita, e apprendere l'umiltà che ricerca la grazia” (Romano Guardini, “Il Signore”, p. 175).

Molti obietteranno: mentalità da Antico Testamento, quando non c'era ancora la misericordia portata da Gesù. Ma si sbagliano e di molto.

I “fu detto” e i “ma io vi dico” di Gesù nel Discorso della montagna (Mt 5-7) – quindi nello scenario delle beatitudini – ci introducono nella vita nuova in cui legge antica e moralismo lasciano il posto alla fede e alla grazia, ma chiedono ed esigono molto di più di quanto richiedeva la legge dell'Antico Testamento, perché a Gesù non interessa tanto farci stare comodi nella vita di questo mondo, quanto la nostra salvezza eterna.

La redenzione ha un'assoluta necessità di far sparire completamente il peccato e di non venire più a patti con esso. Con la “pienezza del tempo” ci viene richiesto quello che non era richiesto all'uomo dell'AnticoTestamento: la totalità dell'obbedienza, perché ora, con la redenzione, noi siamo abilitati a poterla mettere in pratica. Dicendo “Avete udito che fu detto agli antichi: non commettere adulterio… Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla ha già commesso adulterio”, Gesù dice che il senso del comandamento va più in profondità, va all'intenzione, perché è dall'intenzione che nasce l'azione (ancora Guardini, p. 116).

Nel lungo discorso di Gesù non troviamo una misericordia a buon mercato così come la intendiamo noi, ma una concezione del peccato finissima, non grossolana, in un crescendo di tono e di tensione, tanto che, alla fine, l'evangelista deve prendere atto che “la folla era 'spaventata' dal suo insegnamento” (Mt 7, 28).

A Gesù non interessa una pura dottrina dei costumi morali ma un'esistenza piena, totalmente redenta. Allora cerchiamo di capire che qui non si tratta di concedere un diritto a qualcuno (mentalità legalista) ma di mettere le mani sulla santità di Dio. Stiamo andando a toccare l'Intoccabile e a “costringerlo” a coabitare con il Signore del male.

Il non ricevere l'eucaristia, nei casi dei quali parliamo, non pregiudica la salvezza eterna, non toglie l'abito nuziale di cui si parlava all'inizio, mentre il riceverla indegnamente toglie tutto (1 Cor 11). Non facciamo sprofondare i nostri fratelli in uno stato infinitamente peggiore di quello nel quale si trovano. Questo è fare il gioco del nemico.

Se la Chiesa vuol concedere questa possibilità vuol dire che li giudica già come morti e intende quindi forzare Dio a far proprie le sue indicazioni e contromisure.

Ma chi siamo noi per giudicare in anticipo questi nostri fratelli e per dettare tempi e modi a Dio? Le nostre vie non sono le sue vie (cfr Is 55, 8).

Un cordiale saluto e un grazie per il suo lavoro.

Giovanna Riccobaldi



Carissimo Magister,

la nota del cardinale Agostino Vallini su "Amoris laetitia" ha tutta l'aria di un'eroica arrampicata sugli specchi, di un attorcigliamento intorno a un palo viscido per provare a scalarlo.

E comunque manca quello che, un po' incredibilmente, manca quasi dappertutto. Dall'esortazione come da tanti suoi commenti, favorevoli o critici che siano.

Manca la grazia. Quella che fa a dire a san Paolo – è parola di Dio – "omnia possum in eo qui me confortat" (Fil 4, 13). Quella che impedisce di affermare, da cattolico, che sia impossibile praticare la continenza. Difficile, difficilissima – sicché sarebbe saggio e prudente non mettersi in occasione prossima di peccato e separare i letti –, ma mai impossibile.

Del resto – sul piano anche di un'elementare logica –, se Dio comandasse l'impossibile, più che un tiranno sarebbe un sadico. E comunque è dottrina irreformabile della Chiesa, enunciata e chiarita a Trento, che con l'aiuto della grazia di Dio tutti possano praticare la virtù e la morale secondo il proprio stato.

A me sembra questo il vero nodo di "Amoris laetitia": la visione orizzontalistica, che tiene conto solo della natura umana decaduta e delle abitudini da essa contratte, escludendo del tutto l'orizzonte soprannaturale. Del tutto. Psicologismi, sociologismi, filosofemi d'accatto: c'è posto per qualunque vaniloquio fuorché per un discorso sulla grazia. Che, sola, consente – e se è possibile, non è impossibile; e se non è impossibile, è doveroso – a ciascuno di noi di rispettare il decalogo e i doveri specifici del nostro stato. Comprese, per esempio la castità sacerdotale, matrimoniale ed extra-matrimoniale.

E a proposito di quest'ultima, come la mettiamo – anche il cardinale Vallini – con il fatto che, ammesso e mai concesso che in foro interno si possa deliberare la nullità d'un precedente matrimonio, comunque i due rimarrebbero non sposati per la Chiesa, e quindi non facultati al lecito coniugio?

Grazie sempre per quello che fa e un carissimo saluto "in Jesu et Maria".

Giovanni Formicola



NOTA BENE !

Il blog “Settimo cielo” fa da corredo al sito “www.chiesa”, curato anch’esso da Sandro Magister, che offre a un pubblico internazionale notizie, analisi e documenti sulla Chiesa cattolica, in italiano, inglese, francese e spagnolo.

Gli ultimi tre servizi di "www.chiesa":

26.9.2016
Parolin ai nunzi: con la Cina nessun cedimento
Nella nomina dei futuri vescovi sarà la conferenza episcopale cinese a proporre i candidati. Ma a patto che di essa facciano parte anche i trenta vescovi "sotterranei" che Pechino ancora non riconosce, e che siano rimossi i vescovi privi dell'approvazione del papa

21.9.2016
Pochi preti celibi? E allora largo ai preti sposati
È il rimedio a cui pensano il cardinale Hummes e papa Francesco per le regioni con scarsità di clero, a cominciare dall'Amazzonia. Ma anche nella Cina del XVII secolo i missionari erano pochi, eppure la Chiesa fioriva. Lo scrive "La Civiltà Cattolica"

18.9.2016
Con Bergoglio trionfa lo "spirito di Assisi". Ma Ratzinger rovina la festa
Francesco replica l'incontro con uomini di tutte le religioni inaugurato da Giovanni Paolo II trent'anni fa. Ma le obiezioni dell'allora cardinale prefetto della dottrina sono tuttora vive. E ancor più radicali.



amici cari vi prego di non rispondere a questo post,ho solo postato il tema che correi trattare ma il tempo con me è parco, e quindi non ho scritto alcun titolo spero di poterlo fare a breve.grazie per la comprensione :-)

desaparesida...

24 luglio 2016 ore 19:14 segnala


Scorre il tempo a volte molto in fretta e… altre volte lentamente.

Penso, rifletto e mi chiedo come si stia evolvendo l'umanità.

La televisione è sempre spenta sono stanca di sentire tante brutture,

a volte somigliano a film dell'orrore, e mi stupisco che ci siano persone

che credono che votare l'uno o votare l'altro… possa risolvere la situazione

attuale che a mio modesto parere….è ormai irreversibile……

le soluzioni legislative dovevano essere attuate molto tempo fa…….

Dato di fatto qui arrivano culture diverse dalla nostra, che si impongono

e non accettano un integrazione….. e questo purtroppo è un dato di fatto.

non mi voglio dilungare, non avrebbe alcun senso, e lo scrivo con molta tristezza

poiché chi mi conosce sa che non sarò mai razzista, esigente del reciproco rispetto

indubbiamente ma senza preconcetti razziali o religiosi.

Entro in chatta pochissimo, non al momento, ma non dimentico gli amici

ai quali chiedo scusa per i miei lunghi silenzi, leggo quando scrivono e…

dato che lo faccio con la velocità di un fulmine...non riesco spessissimo a

rispondere,sappiate che quando leggo mi regalate un sorriso

e vi porto nel pensiero.


Ad majora
:rosa
f0cf1610-3903-439f-b13e-130eede661d7
Scorre il tempo a volte molto in fretta e… altre volte lentamente. Penso, rifletto e mi chiedo come si stia evolvendo l'umanità. La televisione è sempre spenta sono stanca di sentire tante brutture, a volte somigliano a film dell'orrore, e mi stupisco che ci siano persone che credono che...
Post
24/07/2016 19:14:20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1

tra luce ed il buio

12 marzo 2016 ore 18:48 segnala



Ogni guerriero della luce ha avuto paura di affrontare un combattimento.

Ogni guerriero della luce ha tradito e mentito in passato.

Ogni guerriero della luce ha imboccato un cammino che non era il suo.

Ogni guerriero della luce ha sofferto per cose prive di importanza.

Ogni guerriero della luce ha pensato di non essere guerriero della luce.

Ogni guerriero della luce ha mancato ai suoi doveri spirituali.

Ogni guerriero della luce ha detto “sì” quando avrebbe dovuto dire “no”.

Ogni guerriero della luce ha ferito qualcuno che amava.

Perciò è un guerriero della luce:

perché ha passato queste esperienze,

e non ha perduto la speranza di essere migliore. :-)


Paulo Coelho, da Manuale del guerriero della luce


ogni giorno ha il suo tramonto...

quando imbrunisce e vediamo solo il buio ...

è perchè abbiamo chiuso gli occhi

e con essi il cuore.

ad majora :rosa
51558d88-907e-4011-891e-9e93227b51ea
« immagine » Ogni guerriero della luce ha avuto paura di affrontare un combattimento. Ogni guerriero della luce ha tradito e mentito in passato. Ogni guerriero della luce ha imboccato un cammino che non era il suo. Ogni guerriero della luce ha sofferto per cose prive di importanza. Ogni guer...
Post
12/03/2016 18:48:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    3