venti

24 maggio 2018 ore 15:04 segnala
Arriva il vento e spazza via tutto , nuvole nere , nuvole grigie poi la pioggia e gli scrosci , acqua e rumore , poi vento freddo che ti segna il viso e s'infiltra fin nelle rughe , porta sale ed un senso di amaro ti invade , continua il soffio anche se meno gelido , e le nuvole pian piano schiariscono come spostate da un urlo feroce , si pulisce il cielo ed intorno sembra ci sia il vuoto , poi pensi a ricostruire ciò che i venti hanno spazzato via , pensieri ed umori concatenati ed aggrovigliati come quei cespugli secchi che rotolano nel deserto , fra il blu del cielo e le pozze d'acqua in terra vedo il deserto e sento il mio rotolare , nonostante tutto alcuni venti tornano e portano odori e rumori , parole che ricostruiscono cose nuove , come vecchi castelli mai dimenticati.
06469d1b-d8c9-4ad8-8871-a15940f3b041
Arriva il vento e spazza via tutto , nuvole nere , nuvole grigie poi la pioggia e gli scrosci , acqua e rumore , poi vento freddo che ti segna il viso e s'infiltra fin nelle rughe , porta sale ed un senso di amaro ti invade , continua il soffio anche se meno gelido , e le nuvole pian piano...
Post
24/05/2018 15:04:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

dove

19 maggio 2018 ore 21:10 segnala
dove sono gli occhi , piccoli orti da custodire per poi guardarseli nella stanchezza della sera , dove sono i vuoti di spazio e di tempo su cui riposare , quanti treni partono da una stazione immensa , quanti ne arrivano , ognuno con se porta la sua faccia in ogni dove ed in ogni circostanza , ed il sentire forte quella presenza che non vedi e che forse non vedrai mai , dove , qual'è il posto dove il "mai" s'avvera ?, a te conchiglia che parli all'orecchio e sai di mare . di favole.
31944db4-3280-46e0-8f18-8fbe529acdf3
dove sono gli occhi , piccoli orti da custodire per poi guardarseli nella stanchezza della sera , dove sono i vuoti di spazio e di tempo su cui riposare , quanti treni partono da una stazione immensa , quanti ne arrivano , ognuno con se porta la sua faccia in ogni dove ed in ogni circostanza , ed...
Post
19/05/2018 21:10:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

paesaggio

18 maggio 2018 ore 10:45 segnala
Mi piace restar fermo immobile , nel paesaggio esser paesaggio , lì seduto sul bordo del fiume pochi istanti prima d'incontrare il mare , parlano le canne mosse dal vento solo se le hai alle spalle , frusciano solamente se ti volti a guardarle , ogni cosa ha il suo peso come d'altronde ogni pensiero , non resisto a lungo di fronte una distesa d'acqua senza toccarla , mi piace sentirne la frescura od il tepore , sento che è viva , non piango e non rido nei momenti di attesa , non sò che aspetto davvero , ma aspetto in silenzio e mi riempio gli occhi di vento.

granelli

15 maggio 2018 ore 10:24 segnala
Ognuno si ritiene diverso dall'altro , ed è vero , siamo uguali in questo nell'esser convinti della nostra unicità , forse a ragione , come succede ad i granelli di sabbia di una spiaggia , ci son quelli che passano la vita sommersi spostati dalle correnti marine , flussi e riflussi di vortici blu , ci son altri che la vita la passano esposti all'aria , magari spostati dal vento e bagnati dall'acqua effimera di una pioggia , ci son gli altri poi , quelli al confine fra l'essere di terra e di mare , che un giorno respirano aria ed un altro acqua , e quando son bagnati aspettano che la marea scenda per asciugarsi al sole , di notte aspettano la luna a far salire il mare per esser al riparo dai pensieri portati dal vento.
Ti aspetto come un granello di sabbia.

un attimo

15 maggio 2018 ore 00:04 segnala
Basta un attimo per tornare con i piedi per terra , allora non t'importa più dello spazio che manca , dei colori e del vento , nemmeno dell'erba che cresce veloce , non vedi più le onde del mare , per un attimo la vita , il mondo stesso , si riducono ad un baleno , un tonfo sordo , un abisso fulmineo di dolore , solo un caso tiene in equilibrio l'allegria la vita e le sue gioie , per pochi minuti , solo grazie a loro ho lo stesso mondo attorno , salvi tutti i pezzi di me stesso , un tetto appeso al filo , vite salvate dalla dilatazione del tempo.

dall'alto

14 maggio 2018 ore 22:11 segnala
Che bello il verde visto dall'alto , ed il mare , è che quando ci sei in mezzo è la fatica che un pò modifica gli orizzonti , è che quando ci sei in mezzo e ti dai da fare fra le erbe alte od in ginocchio sulla terra il peso non ti fa apprezzare a pieno la bellezza in cui sei immerso , bisognerebbe ricordarsi la potenza del sapersi estraniare , polverizzarsi fra molecole d’aria e gocce d’acqua per poter vedere tutto da fuori , più calmi e leggeri , riuscire a trasformarsi in un essere che non è , magari dall’alto si potrebbe apprezzare di più la vicinanza ( o distanza) fra due pensieri , due teste ognuna delle quali va per la propria strada , si sarebbe tanto bello quanto troppo facile da capire che non è possibile , a volte ci gioco a scrutar le facce , a cercare chi non c’è nella moltitudine , come se un gran numero di entità sconosciute potessero formare qualcosa di familiare , una parola scritta da tempo od un pensiero volato e strappato dal vento , magari togliendo una impercettibile parte d’ognuno si potrebbe materializzare , quando meno te lo aspetti , scendendo da un treno o rincorrendo un autobus , è il gioco banale di chi si sente un granello di sabbia in un deserto , deserto affolla

stesse spine

14 maggio 2018 ore 22:10 segnala
Stessa corteccia anche se alberi diversi , stesso resistere ad i venti , uguale sollievo al termine di ogni burrasca , dentro una dolcezza inconsapevole , la stessa anche lei ed uguale per ognuno , dolcezza triste a volte come malinconia che sorregge ed aiuta , alle tue poche e precise parole , alle mie intente a scavare nella confusione , ti piace la carta e la tua penna qualunque , ora con altri mezzi scrivi schegge come frasi e sibili come pensieri , li intendo a modo mio , come mi ha insegnato il tempo.

al vento

14 maggio 2018 ore 22:09 segnala
Conviene così , scrivere al vento , nel vento quando c'è , volano le parole e le frasi perdono il loro senso , nel volo si decompongono i pensieri sorvolando terre e mari , magari poi saranno briciole a nutrire un passerotto infreddolito , sarà una parola a dar coraggio quando il buio illumina tutto , si perchè l'oscurità ha una sua luce , proprie vibrazioni e proprie frequenze , disillusione , la delusione come un soffio gelido che ti entra dentro solo quando il cuore è ben aperto.
5a10a682-d2a6-4691-a125-cc9e0743b6d0
Conviene così , scrivere al vento , nel vento quando c'è , volano le parole e le frasi perdono il loro senso , nel volo si decompongono i pensieri sorvolando terre e mari , magari poi saranno briciole a nutrire un passerotto infreddolito , sarà una parola a dar coraggio quando il buio illumina...
Post
14/05/2018 22:09:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment