Briciole n. 3 - Mondocane

01 ottobre 2013 ore 17:31 segnala
Un caloroso saluto a tutti!
Vi scrivo per segnalare l'uscita del numero 3 di "Briciole", la rivista che raccoglie i miei scritti inediti. Questo numero si intitola "Mondocane" e contiene un racconto lungo. Gli abbonati la stanno già ricevendo, gli altri possono sempre richiederla e sfruttare la promozione del 3+1 (cioè, chi si abbona ad almeno tre numeri riceverà in omaggio un mio libro a scelta oppure un altro numero della rivista). Il costo è di soli 3 euro a numero più un euro di spese di spedizione.

Un'anteprima della rivista si può leggere gratis qui

Vi segnalo inoltre il mio nuovo blog di informazioni culturali
www.lamelapistoia.altervista.org
Fateci una visita, e magari cliccate su qualche banner, così mi date una mano :)
Saluti e a presto,
Simone

BRICIOLE

11 aprile 2013 ore 10:52 segnala
E' uscito il primo numero di BRICIOLE!

Rivista personale, aperiodica, autoprodotta, senza fini di lucro. Chi si abbona ad almeno tre numeri riceverà in omaggio un libro a scelta di Simone Piazzesi oppure un numero della rivista.

Per info www.simonepiazzesi.it


E' uscito "BONSAI" !

16 aprile 2012 ore 17:32 segnala
BONSAI: racconti per bambini che si sentono grandi.


Sul mio sito a questo indirizzo
http://www.simonepiazzesi.it/bonsai.html
potete leggere gratuitamente un racconto per farvi un'idea.
Se avete amici o conoscenti che insegnano nelle scuole elementari o medie, vi chiederei la cortesia di segnalare questo mio libro. Essendo dotato di schede didattiche è infatti adatto per farci lavorare i bambini a scuola, oltre che per la normale lettura "dei grandi".

Dalla quarta di copertina:

• Otto racconti per bambini dagli otto ai dodici anni che, con fantasia e ironia, fanno riflettere su temi importanti come il lavoro minorile, la disabilità, la discriminazione, l'identità, i rischi della tecnologia. Ogni racconto è provvisto di schede didattiche per approfondire aspetti linguistici e tematici.

• I bonsai sono piccole piante in miniatura che riproducono esattamente le caratteristiche delle piante originali. In giapponese bon significa "vaso, contenitore" e sai vuol dire "coltivare" e, in senso generale, "educare". Coltivare un bonsai significa quindi educare la pianta a crescere e dare il meglio di sé, compresi fiori e frutti, nonostante la difficoltà di vivere con pochissima terra a disposizione.

• Un bambino non è forse un uomo in miniatura che racchiude già tutto quello che esprimerà da grande? Per poter fruttificare anche un bambino ha bisogno di molte attenzioni, buone letture, buoni amici, buone esperienze. E poi l'amore di chi lo circonda, lo stesso che i maestri giardinieri mettono nella cura di un bonsai. Quell'amore sarà fondamentale per affrontare le difficoltà che la vita, facendosi stretto vaso, a volte ci mette davanti.

Per ogni curiosità e informazione non esitate a contattarmi :)
Simone

Onde e Fronde, favole di mare e di bosco

01 febbraio 2011 ore 11:49 segnala
Onde e fronde, favole di mare e di bosco e' una raccolta in tiratura limitata e numerata. Queste le otto favole illustrate: - I racconti della pioggia - L'orca Garcia - Il cervo superbo - Storia di una rondine e del Grande mare - Renato, il drago raffreddato - Cielo e Terra - Riccio Lino e ghira Landa - Picchio Filippo e criceto Anacleto Come le classiche favole che abbiamo imparato ad apprezzare da bambini, anche queste hanno una morale finale. Questa pero' e' spesso "aggiornata" ai giorni nostri, con riferimenti a tematiche moderne come il disarmo, l'inquinamento, la caccia e la pesca sfrenata. Non mancano poi ovviamente tematiche tradizionali come l'amicizia, l'amore, i vizi e le virtu'.

 
Per maggiori informazioni vai su www.simonepiazzesi.it

Onde e Fronde, favole di mare e di bosco

30 gennaio 2011 ore 11:09 segnala
Onde e fronde, favole di mare e di bosco è una raccolta autoprodotta in tiratura limitata e numerata. Queste le otto favole illustrate: - I racconti della pioggia - L'orca Garcia - Il cervo superbo - Storia di una rondine e del Grande mare - Renato, il drago raffreddato - Cielo e Terra - Riccio Lino e ghira Landa - Picchio Filippo e criceto Anacleto Come le classiche favole che abbiamo imparato ad apprezzare da bambini, anche queste hanno una morale finale. Questa però è spesso "aggiornata" ai giorni nostri, con riferimenti a tematiche moderne come il disarmo, l'inquinamento, la caccia e la pesca sfrenata. Non mancano poi ovviamente tematiche tradizionali come l'amicizia, l'amore, i vizi e le virtù.

Il giorno che vidi il tuo volto

27 gennaio 2011 ore 20:04 segnala
Questa raccolta poetica, edita da Tespi, contiene 45 poesie scritte nel corso di più di dieci anni. I testi non sono esposti in ordine cronologico ma in capitolo tematici: l'amore, la natura, la serenità esistenziale, le "perturbazioni" dell'animo. Proprio a causa del lungo arco temporale che coprono, le poesie mostrano una chiara eterogeneità stilistica in cui si può riscontrare l'evoluzione poetica: dai componimenti più lunghi, articolati, quasi prosastici degli anni '90, a quelli concisi e sintetici di oggi, forse influenzati dalla scoperta degli Haiku giapponesi.

Il libro è impreziosito da un'introduzione del poeta-filosofo Roberto Carifi che ha dato un'originale e affascinante lettura Zen delle mie poesie

Per tutte le info
vai qui

Sette Storie

26 gennaio 2011 ore 18:37 segnala
Un adolescente dallo strano odore, un africano coraggioso, una nonna troppo arzilla, un carcerato in fuga, un edicolante sbandato, un'anziana signora con un ricordo terribile... tutti in cammino sulle strade di questo mondo. E non solo. Questo volumetto, in edizione limitata e numerata, ospita racconti ormai di difficile reperibilità o introvabili che, dal 2002 a oggi, sono usciti in antologie, riviste o edizioni speciali. I testi sono stati per l'occasione rivisti e corretti. Come in ogni raccolta che si rispetti, l'ultimo racconto è una bonus track del tutto inedita.

per info:
sette storie

Intro

25 gennaio 2011 ore 21:51 segnala
Quando mi chiedono:
"Perchè scrivi?"
la prima cosa che mi viene da rispondere è:
"Perchè è l'unica cosa che so fare"

[continua qui...]
11892206
Quando mi chiedono: "Perchè scrivi?" la prima cosa che mi viene da rispondere è: "Perchè è l'unica cosa che so fare"
Post
25/01/2011 21:51:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1