Il male oscuro..

26 maggio 2011 ore 15:46 segnala
In questo momento siede dietro la sua scrivania rivolto verso il pc; il viso crucciato nella tipica espressione di chi sforza la vista per cercare di leggere qualcosa su cui però la stessa vista non l'aiuta...parole troppo piccole persino col supporto degli occhiali da lettura.
Probabilmente si tratta di una delle innumerevoli mail che ogni istante vanno ad allargare i byte della sua casella di posta.
Lo osservo cercando di evitare che se ne accorga; è vicinissimo...eppure così lontano, dentro di lui un tumulto di tempeste tese ad alimentare e contrastare al tempo stesso il suo male...che oggi ho appreso essersi rigenerato facendosi spazio accanto al cervello.
Penso che tutto questo scempio avviene in un silenzio tombale, nella calma apparente della quiete...che quiete però non è.
Qualche mese fa l'intervento, di cui porta evidenti le tracce sul cranio intagliato da interventi estenuanti.
Immediatamente dopo, la fondata speranza che fosse andato tutto bene, tanto è vero che la chemio gli è stata praticata soltanto a scopo precauzionale.
Che strano pensare di aver accanto una persona serena in apparenza, ma nel contempo la consapevolezza che presto forse non ci sarà più. Forse.
Mi chiama per chiedermi di aiutarlo ad eliminare da un documento di WORD un odiosissimo simbolo (che poi altro non è che l'apice di word) comparso ad infastidire i suoi pensieri; un "click" e rimuovo l'intruso...mi ringrazia...gli rispondo un normalissimo "E di che...sig.xxxxx!"; ripercorro l'ufficio e torno al mio posto.
Scrivo i miei pensieri su questa mail per trovare sfogo all'infinita tristezza che mi colpisce con spietata cattiveria.
E' la vita -penso- e tocca andare avanti....si dice sempre così no?
Penso a quante cose vorrei ed avrei ancora da fare se mi trovassi al posto suo...
Pochi mesi fa un uomo di grande potere decisionale in azienda, senz'altro temuto per certi versi....osannato e rispettato; oggi una figura silenziosa...quasi remissiva.
Perdente nella lotta contro il male che logora proprio ciò che conosce meglio di qualsiasi cosa al mondo: se stesso
f5bb7ddf-a7b6-482b-a834-37ce49e800ab
In questo momento siede dietro la sua scrivania rivolto verso il pc; il viso crucciato nella tipica espressione di chi sforza la vista per cercare di leggere qualcosa su cui però la stessa vista non l'aiuta...parole troppo piccole persino col supporto degli occhiali da lettura. Probabilmente si...
Post
26/05/2011 15:46:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. dickygaia 26 maggio 2011 ore 18:49
    sensibile nel notare queste sfumature....
    sicuramente come dici tu...si sente solo...ma chissà quanta voglia di gridare ha dentro di se....chissà quanti perchè....quanti inventari della sua vita....e quanti obiettivi ancora da raggiungere che si vede sfumare davanti...
    forse ha bisogno di una persona che lo ascolti.....ascolti....senza commentare...senza dare consigli...ma che abbia solo la capacità di fargli buttare fuori il rumore lacerante che ha dentro.
    stagli vicino..ma senza pietà...a volte basta solo una mano sulla spalla...o un saluto con un sorriso per far star un pochino bene...queste persone.
    buona serata
    mara
  2. Simongest 26 maggio 2011 ore 23:08
    Ciao dicky, sennsibile tu nel percepirle...e per questo ti ringrazio.
    Il commento è sopraffino, ed il tuo consiglio ripercorre esattamente il mio comportamento con questa persona.
    Fortunatamente sono uno che ha sempre la battuta pronta, scherzo continuamente e non risparmio sorrisi a nessuno....penso sarà un pò d'aiuto.
    La speranza è che si salvi, le premesse ci sarebbero tutte ed è ciò che auguro.
    Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao...tino
  3. azzzzz 07 luglio 2011 ore 13:29
    La vita è dura e spesso trasforma persone,forti, di potere, in esseri, deboli, soli cn se stessi... la malattia è brutta e spesso, ci troviamo a combattere cn mali bruttisimi dall'oggi al domani. Mi piace molto questa tua sensibilità.
    kisss
  4. puntoacapo99 09 settembre 2011 ore 15:30
    Mi piaciono le cose che scrivi amico mio, si sente che nascono da dentro. Non ne dubitavo, ti stimo ancora di più, anche per questo tuo lato :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.