La maglietta bianca con la macchia nera...(non giudicate)

27 dicembre 2015 ore 13:21 segnala
Un bravo medico solo vedendo in viso o negli occhi una persona avvolte può indovinare delle diagnosi, questo significa "avere l'occhio clinico".
Alcune persone sono convinte che guardando in faccia una persona sono capaci di indovinare il carattere e la personalità altrui. Siamo sicuri che una tale cosa sia possibile? Probabilmente dalle rughe che ha la persona forse si potrebbe capire se una persona ride spesso o che sia uno studioso, ma ciò che è dentro il cuore, difficilmente lo possiamo leggere. Sapete perchè l'apparenza inganna? Perchè ad ogni viso la nostra memoria ci porta a qualcuno somigliante che abbiamo conosciuto in passato. Vi faccio un esempio, supponiamo che il vostro primo amore aveva gli occhi azzurri; difficilmente valuterete negativamente coloro che hanno gli occhi azzurri. Se assomiglia a Gabriel Garko magari giudicherete la persona cattiva, visto che l'attore in questione spesso ha impersonato personaggi cattivi...non possiamo dire che Gabriel Garko sia cattivo anche in vita privata, non vi pare? Lo stesso dicasi se incontriamo qualcuno che assomiglia ad Adolf Hitler. Ma come mai, qualcuno si chiederà, alcuni anno un brutto carattere?

Penso che alla nascita ereditiamo un DNA che parzialmente influirà sul futuro carattere della persona, e quindi non è colpa nostra se abbiamo delle inclinazioni innate. C'è anche l'educazione, l'ambiente in cui si vive, l'istruzione, le compagnie e tante altre cose che influiranno su come sarà da adulti il nostro carattere. Non è un bene fidarci delle apparenze che abbiamo di una persona, ci possiamo sbagliare del tutto. Per conoscere bene una persona dobbiamo praticarla per un bel po.

Concludendo immaginate che per la via incontrate una persona con una maglietta bianca che al centro ha una macchia nera. Se provate a domandare alle persone come vedono la maglietta, vi diranno che la maglietta ha una macchia nera. Invece la maglietta ha una macchia nera con molto bianco attorno. In modo simile purtroppo le azioni cattive risaltano subito mentre le cose buone delle persone spesse volte non le notiamo perchè le prendiamo per scontate. Attenzione quindi a non giudicare le persone alle prime apparenze.
a1dafcc3-335c-4944-8a02-10e887fec474
Un bravo medico solo vedendo in viso o negli occhi una persona avvolte può indovinare delle diagnosi, questo significa "avere l'occhio clinico". Alcune persone sono convinte che guardando in faccia una persona sono capaci di indovinare il carattere e la personalità altrui. Siamo sicuri che una tale...
Post
27/12/2015 13:21:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. Sospiro76 27 dicembre 2015 ore 19:34
    mah... a volte gli occhi parlano.. e alcuni leggono tra le righe
  2. sinceropreciso 27 dicembre 2015 ore 20:01
    @Sospiro76
    Ci sono persone che dall'espressione facciale e dagli occhi sanno indovinate il carattere di una persona anche fino nel 70% dei casi, quindi anche questi si sbagliano nel 25% dei casi, questi sono quelli che hanno "l'occhio clinico". Leggere tra le righe si può imparare con l'esperienza di vita e l'intendimento.
  3. Sospiro76 27 dicembre 2015 ore 20:06
    30% :D

    Ma tu ti sei sentito giudicato?
    Perchè di solito si vede nell'altro quello che risuona in noi... io me la cavo, ma non mi ricordo una sola performance di Gabriel Garko, un motivo ci sarà :D

    Si fa per scambiare due parole... dicono si usi così quando si passa su un blog.

    Il tuo è un blog morale credo, ma se mi consigli un post lo leggo con piacere... ero tentato da "Hai mai pensato di farla finita?".

    ;)
  4. sinceropreciso 27 dicembre 2015 ore 20:52
    @Sospiro76
    La matematica non è un opinione, hai ragione che 100-70 fa 30 (errore fu)
    Non mi sono sentito giudicato dal tuo commento...la mia risposta era solo un'amplificazione del tuo commento con cui concordo naturalmente. Grazie di aver definito il mio blog "morale". L'indice c'è l'hai a portata di clic, quindi sta a te leggermi o no. Da parte mia ti do il benvenuto. Buona serata, Carmelo
  5. Sospiro76 27 dicembre 2015 ore 20:58
    Oddio ... ma non dal mio commento... e poi uno lo sa se ha scritto una cosa che gli piace o lo rappresenta più di altre.

    Ho letto e commentato anche "Hai mai pensato di farla finita?"

    Buona serata

    Sospiro
  6. tecerco 29 dicembre 2015 ore 15:51
    Penso che non sia neanche un dovere il giudicare le persone, visto che, qualunque sia il loro carattere, alla fine sono loro a pagare o a goderne. Io mi limito a scegliere e sono molto esigente. :bye
  7. sinceropreciso 29 dicembre 2015 ore 20:11
    @tecerco
    Quando pensano alla parola "giudicare" molte persone ripetono le seguenti parole di Gesù:"Non giudicate, per non essere giudicati" (Matteo 7:1). Tuttavia cosa intendeva veramente Gesù lo si capisce da un altro versetto:"Non giudicate secondo le apparenze; giudicate con giusto giudizio!" (Giovanni 7:24). Avere alta stima di una persona o assolverla è anche un giudizio, ma nessuno si offenderebbe sentendo parlare bene di se. Ciò che è sbagliato è il pregiudizio (vedi link del primo commento). Sbagliato è anche parlare male di una persona in sua assenza (dicasi pettegolezzo). Ancor più sbagliato è parlare male di una persona allo scopo di danneggiarlo (dicasi calunnia). Avere un'opinione/giudizio di una persona non è sbagliato purchè non sia frettoloso. Concordo con te che "ognuno raccoglie quello che semina" sia in bene e sia in male. :bye
  8. vagarsenzameta 20 novembre 2016 ore 20:10
    Ogni scritto e come un prisma che se ci punti un fascio di luce si apre in tutta una gamma di colori differenti uno dall'altro,penso questo scritto non fa eccezione,trovo che e una metafora che fa riflettere,poi le reazioni sono tante ,c'e' chi vedendo una macchia subito si guarda per vedere se anche lui ne ha una sulla maglietta,poi c'e' chi pensa che davanti a se ha una persona che cura poco il suo aspetto e magari senza accorgersene ha uno strappo nei clzini o peggio,insomma,siamo quel che siamo,impariamo a essere giudicati,e invece di non giudicare affatto giudichiamo con piu' giudizio e in maniera costruttiva,oppure,a macchia veduta faccaimoci due risate mostrando le nostre mutande bucate.....comunque a parte il mio modo di scrivere da ubriacona,il suo post lo trovo educativo e maturo,tutto qui,non vorrei che la mnia opinione cambiasse ne in meglio ne in peggio il pensiero del prossimo,ma ame piace scrutare il pensiero del prossimo a prescindere se e simile,opposto o semplicemente diverso dal mio.
  9. sinceropreciso 20 novembre 2016 ore 20:51
    @vagarsenzameta
    "Specchi riflettenti" è intitolato il mio blog come puoi ben vedere. Quando ho iniziato quasi due anni fa intendevo e intendo ancora oggi che ognuno di noi ha ricevuto da fonti superiori una luce su qualsiasi argomento. Facendo da specchi possiamo condividere gli uni gli altri come la pensiamo su un certo argomento, ma in quale modo? Il sottotitolo come puoi leggere dice:"Condivisione di punti di vista su svariati argomenti nel rispetto dell'altrui pensiero" Questo è il mio messaggio...purtroppo alcuni pensano che io voglia fare cattedra, non è mia intenzione. La mia intenzione è vagliare i punti di vista e accettare anche un nuovo punto di vista qualora ritengo sia migliore del mio.
  10. bialy 22 novembre 2016 ore 13:20
    La cosa migliore è non giudicare a priori. Né dalle apparenze né dalla sostanza. Astenersi proprio dal giudizio. In questo modo è più facile che le persone si manifestino per ciò che sono realmente :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.