Politici dalle parole avvelenate...

26 giugno 2018 ore 05:03 segnala
Salvini e la compagnia bella europea in questi giorni si sono lanciate tante parole avvelenate simili a frecce con le punte al veleno. Grandi personaggi che sono alla vista di tutto il mondo invece di stare attenti a cosa esce dalla loro bocca litigano come bambini e accendono un turpiloquio senza fine. Qual'è la causa di queste guerre di parole? Si chiama EGOISMO. Il non volere dare ospitalità a chi fugge da guerre e fame si chiama EGOISMO, nient'altro che EGOISMO.

Qualche secolo fa alcuni uomini risolvevano le loro questioni sfidandosi a duello con spada o pistola. Fortunatamente oggi si litiga con parole che tagliano come una spada ma non causano spargimento di sangue, ma questi attacchi verbali feriscono e rovinano la reputazione altrui. I politici dalle parole avvelenate non solo sminuiscono cosi facendo la loro reputazione, ma causano danno agli innoccenti che stanno dietro di loro.

E noi cosa dovremmo fare se qualcuno cerca di trasportarci a fare turpiloquio? Eviteremo di rispondere per le rime aspramente lasciando le porte della pace aperte? Non rendiamo a nessuno male per male. Cerchiamo di compiere il bene. Se possibile, per quanto dipende da noi, dovremmo vivere in pace con tutti.

Certo i politici sentono il peso di adempiere le promesse fatte ai loro elettori. Il fatto che molti italiani abbiano votato Salvini applaudendo il motto Salviniano "prima gli italiani" conferma ancora una volta come questa societa è permeata di tanto EGOISMO.
40469bf9-eeac-4fa0-a3b4-8213ee7ab24d
Salvini e la compagnia bella europea in questi giorni si sono lanciate tante parole avvelenate simili a frecce con le punte al veleno. Grandi personaggi che sono alla vista di tutto il mondo invece di stare attenti a cosa esce dalla loro bocca litigano come bambini e accendono un turpiloquio senza...
Post
26/06/2018 05:03:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. cuspides 26 giugno 2018 ore 07:28
    non condivido
  2. sinceropreciso 26 giugno 2018 ore 15:02
    @cuspides
    libera di pensarla diversamente.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.