Il Segno Arancio Del Potere. Che Cosa Ci Nascondono? Pt. II.

17 novembre 2018 ore 00:00 segnala
Anastarja Valli, giovane ricercatrice presso la statale di Urbino ha recentemente pubblicato un piccolo lavoro autobiografico sul percorso di scoperta della propria interiorità, "Il Risveglio" Carocci 2017; una giovane attraente dallo sguardo malinconico di chi ha dovuto lottare per emanciparsi in primo luogo da se stessa; parlava sommessamente e calibrava le parole nella birreria chiassosa frequentata da studenti in libera uscita in cui decidemmo di incontrarci.
"Ho avuto chiaro il mio legame con la carota verso i sedici anni, ora lo posso dire senza averne paura: io sono una coniglia, questo è ciò in cui credo".
Sorrido mentre ricordo la frase promozionale del capolavoro di Salvatore Samperi "La Sbandata", "Lei, sua nipote, non aveva nemmeno bisogno di sculettare per far notare quelle natiche di coniglia figliarda"; di nuovo la cultura popolare ed i suoi messaggi occulti.
"Da quando ho accettato il legame tra la mia anima e la carota sono una persona diversa, non temo più il futuro, ho definitivamente superato qualsiasi tipo di condizionamento esterno, mi sento collegata ad un sistema cosmogonico di una natura altra, nessuna nevrosi, nessuna ansia. La carota mi ha salvato."
E non stentai a crederci vedendola uscire, l'armonia l'avvolge.

-Professor Heikkilen, che cos'è realmente la carota? Qual è il suo valore essenziale? Perché proprio la carota e non un cetriolo od uno zucchino? Sono simboli genitali anch'essi. E' questo il valore della carota? E la patata? Somigliare ad un fallo?-

"Veda, il valore della carota non è paragonabile a quello degli altri ortaggi. Mi fa sorridere la sua ingenuità su questo punto. Simbolici fallici o vaginali sono costitutivi del nostro mondo, tanto quello naturale quanto quello delle creazioni umane, se ne possono rintracciare ovunque... ma no, non è questo il valore della carota.
Prenda l'esempio della patata, è semplice analogia, puro richiamo goliardico, affettuoso se vogliamo.
Per quanto riguarda zucchini e cetrioli... sono i modelli surrogati che Loro vogliono proporci per nascondere il potere della carota.
Parlavamo poco fa di recente cultura popolare, ecco, prendiamo l'esempio di due icone della recente storia americana: Hugh Hefner e Bugs Bunny.
Non sottovaluti mai i segni della cultura popolare mio giovane amico.
Perché un fine intellettuale quale Hugh Hefner avrebbe scelto per le sue pin ups la dicitura di "conigliette"? Perché il coniglietto è un animale che induce alla tenerezza ed alla lascivia? E perché non "castorine" allora? O "lontrine"? Sono anch'essi animali altrettanto provocanti... ma no, glielo dico io perché.
I conigli sono ghiotti di carote.
E Bugs Bunny?
Non è esso un coniglio che sbocconcella costantemente una carota?
Osservi le sue caratteristiche: è brillante, aderisce alla vita in modo assertivo, domina gli eventi e mai da essi è dominato.
E' un caso? Ovviamente no.
La carota, l'accettazione del potere della carota, rende tali ma Loro non vogliono che ce ne rendiamo conto.
Ma ricordi che il potere dell'Ortaggio s'impone nonostante qualsiasi tipo di tentativo oscurantista.
Recentemente due documenti involontari ne hanno testimoniato l'invisibile certezza: una serie di interviste a campione tra giovani donne e giovani uomini europei, tra i venti ed i trent'anni, condotta dal periodico online "VICE", ripresa successivamente per un ampliamento dell'Huffington Post, ha dimostrato che ben il settantanove per cento degli intervistati ha associato un sentimento di profonda gioia alla carota, l'ottantasei per cento delle intervistate ha dichiarato di aver pensato ad un cespo di carote durante il primo rapporto sessuale, l'ottantanove per cento degli intervistati ha dichiarato di aver portato con sè una carota durante momenti importanti della vita (esami universitari, colloqui di lavoro, nascite, funerali, matrimoni, operazioni chirurgiche, ecc.)"
d3f0382e-a729-4cb8-8bbd-4f00c766745d
Anastarja Valli, giovane ricercatrice presso la statale di Urbino ha recentemente pubblicato un piccolo lavoro autobiografico sul percorso di scoperta della propria interiorità, "Il Risveglio" Carocci 2017; una giovane attraente dallo sguardo malinconico di chi ha dovuto lottare per emanciparsi in...
Post
17/11/2018 00:00:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. kamiokande 17 novembre 2018 ore 00:16
    Divino.
    "Veda" (lol)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.