le parole non dette

24 marzo 2012 ore 10:34 segnala
Cerco di salvare parole...
cerco di salvare parole poco...
cerco di salvare parole poco prima che...
Cerco di salvare parole poco prima che muoiano in bocca
al loro battesimo sotto il morso dell'asma
L'ennesimo discorso che non si plasma nato rigido
l'ennesimo fantasma di silenzio liquido
NO non mi limito alle percezioni sonore
riconosco anche il colore ed il calore di un rumore
un pasto un nome Dargen d'amico l'occhio vitreo
sappi che il resto l'assorbe la spugna del micro
E dal micro uscirà un silenzio infinito al posto di un grido
Tracceremo parole muovendo il dito vi avviso
un muro del suono costruito da Vigo
fa di un boato un vagito e di un discorso un desaparesido
Io rido guardando stolti dai tratti sconvolti
che rinunciarono a parlare causando le loro stesse morti
Storie di torti irrisolti
bloccati da parole morte rese schiave d'orgoglio legate ai polsi
Come chiami qusta senzazione
che tra noi ha messo fine alla conversazione
silenzio ci siamo persi
non lo dici ma lo pensi
Quando è diventata una finzione
che cos'è cambiato nell'evoluzione
tutte quelle premesse
e le parole non dette
Azione consumo la scena uno è sera fumo lumo
le cameriere aspettando da bere
è il mio copione fin quando il nemico seduto accanto
secondo e un santo posso dire o morire soltanto
EMOZIONE le mie labbra in mozione ma il film è muto
sputo il silenzio parole in fuga all'ultimo minuto
inseguimenti tra i passanti scomparse
con te davanti le ho perse a volte i pianti le hanno sommerse
SCENA SECONDA è una bomba
rivelazione manda relazione in cenere dalla culla alla tomba
per nulla rimbomba, molto rumore lo schermo mi fissa
mi vuole fermo labbra incollate come una rizla
La mia milizia parole di lama
milizia taglia gole ma posso tacere ore
oro mille kappa valore
intanto la verità alziamo uso guanti d'amianto
mentre il mondo ruotando al contrario non parlerà, eperanto
Non più un lamento quando un uomo piange
non più un rumore quando un uomo ride nonostante
un grande amore adesso ha unito le loro vite
ora ferita è rimasta a terra una voce che grida perchè l'amore la uccide
ma il silenzio aumenta la distanza e con un affondo
uccide le parole trasportandole a miglia al secondo
Gli uomini si sentono soli guardandosi attorno
accendono un cero per ogni parola e guardano bruciare il mondo
si sentono soli e accendono un cero per ogni parola guardandosi attorno
vedono bruciare il mondo
come meno di un secondo luce dalla luce
e il sole dopo di che rimarrano senza parole
Se le parole lecite ci terrorizzano ma le persone negano normalmente
frasi silenziose sentenziano dove verità tacciono nobilmente

amore e odio

24 marzo 2012 ore 10:30 segnala
Mi trovo a camminare solo e pensarti ore
ore e ore sui miei passi finchè mi reggono gli arti
il cielo è bianco come ieri
le nuvole veloci si susseguono e si scontrano come i pensieri
riguardo ai nostri destini intrecciati come intestini dopo fuggiti e poi nascosti come clandestini
non saprei fare una stima ti sento nel mio sistema stereo
che dischi ascoltavamo fuori orario
e quando brucio e inalo, respiratorio
circolatorio, scrivo col sangue in pagine d'avorio
le metto in rima col flow di Neruda
le dita sulla pelle nuda nei tuoi occhi m'immergo in profondo tipo scuba
il tuo respiro di notte crea sette note io ci rimo sopra se il tuo cuore pulsa e percuote
non saprò mai se mi pensi o se menti sui sentimenti
ho ripensamenti e risentimenti
Amore e odio li confondo
il bene e il male sullo sfondo
il loro scontro antico più del mondo
sei tutto ciò di cui ho bisogno
e nello stesso tempo ciò che infrange ogni mio sogno
Per te ho perso i miei affari ora atttraverso i sette mari in cerca dei preziosi più cari e più rari
per farti una collana unica nell'universo
se mi ami siamo pari è tempo di amori avari
il sole illumina la tua figura io ne ricalco l'ombra per fissarla sulla sabbia ma ho paura
che la rabbia di un'onda la renda insicura e ti porti via con lei in maniera duratura
ho gli occhi come una fessura sono sopseso in vuoto tu per me sei scnvoltura e il profumo del fior di loto
ma non mi fido del tuo sguardo Medusa
se vuoi puoi lasciarmi di pietra dentro una stanza chiusa
sui satelliti non ancora scoperti dove vorrei portarti, non riesco a trattenerti non posso averti
ti sogno ad occhi aperti i miei orizzonti incerti ma sono io quello che cerchi.

ti amo...pablo neruda

24 marzo 2012 ore 10:09 segnala
Ti amo senza sapere come, nè quando, nè da dove. Ti amo direttamente, senza problemi nè orgoglio. Così ti amo perchè non so amare altrimenti...
In questo modo in cui non sono e non sei.
Così vicino che la tua mano sul mio petto, è mia. Così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno
f513303b-5b83-41dc-a04c-9911e17cf598
Ti amo senza sapere come, nè quando, nè da dove. Ti amo direttamente, senza problemi nè orgoglio. Così ti amo perchè non so amare altrimenti... In questo modo in cui non sono e non sei. Così vicino che la tua mano sul mio petto, è mia. Così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno
Post
24/03/2012 10:09:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

amore infame

23 marzo 2012 ore 19:29 segnala
In città l’aria è sporca e il mio cuore va in fiamme
Questa vita va sempre più storta e l’amore è un infame
Tu la faccia da bambina e io la faccia da rapina e
Insieme come adrenalina e dopamina e
Attratti come i poli opposti strafatti nei brutti posti
Un fiore se non lo disseti e lo calpesti muore
Ti ho comprato tacchi e orecchini
Guardandoti negli occhi ti ho insegnato a vivere tra i meschini
A fare meglio, a farti fare gli inchini
mentre demoni mi hanno trascinato sotto come becchini
torno a casa fuso il cervello in palla fuori c’è l’alba
zero calma problemi a galla paranoia e cardiopalma
vorrei toccarti salvarmi ma tu ora non ci sei
e se ci fossi non saresti più come vorrei
le bugie mi uccidono le follie dividono
la realtà fa male il mio bacio ti lascia un livido
ma tutto torna indietro il guaio mi pretende
l’innocenza è morta ti ho sporcata per sempre
In città l’aria è sporca e il mio cuore va in fiamme
Questa vita va sempre più storta e l’amore è un infame
Quest’aria sporca preme, tu serra i denti e stringi,
fra più la respingi e più si attacca alle meningi e spreme
io odio non voglio male io amo non voglio bene
col cuore in fiamme brucia il sangue cherosene
io grido e dialogo fango fiore santo e diavolo
ti vorrei così non come ti cambio se ti amo
io in mezzo a una strada con la faccia in giù
salvati e scappa ma se vuoi che combatta
ti ho cambiata e non sei più tu bruciavo
ora spento il fuoco d’amore ora spendo poco
puoi annegare dentro a un mare di lacrime o torni a nuoto
vedo cicatrici dentro allo specchio delle mie brame
ma non è una favola il mio mondo di lame e collane
mamma chi sa chi ti ama con la pelle di porcellana
sei una bambina che gioca a far la puttana
vedi questo amore è ancora più infame, già ti mangia è ha ancora più fame,
si gioca tutto e si pente quando fa male
In città l’aria è sporca e il mio cuore va in fiamme
Questa vita va sempre più storta e l’amore è un infame
A questo punto dovrei dirti mi spiace ma no
Non dico che mi spiace so di cosa sei capace
E questa storia non ha il lieto fine non c’è tempo per pentirsi
l’amore è un infame buca come un piercing
A questo punto dovrei dirti mi spiace ma no
Non dico che mi spiace so di cosa sei capace
L’aria è sempre più sporca il mio cuore va in fiamme
Questa vita va sporca e l’amore è un infame