Er còre è ‘n muscolo

20 settembre 2017 ore 14:18 segnala
Augusto, ch’era n’omo bello duro
Vedendom’esse triste, moggio moggio
Me chiese quale mal pensiero oscuro
Rendesse er muso fisso all’orologio

Ma io nun je risposi propriamente
Giravo er cucchiaino ne ‘a tazzina
Intanto me se ‘ntorcinava er ventre
Ma a questo mal non v’era medicina

“Che hai fatto?” m’arichiede er fustacchione
Mentre ‘ncantato a questo mondo escluso
Tornai per dare all’uomo spiegazione
De tanta spossatezza e alquanto muso

“Vedi Augusto amico muscoloso
‘Na cosa sola rende ‘n omo inerme
Dar più fregnone a quello più orgojoso
Che pensa d’esse cobra ‘nvece è verme

L’amore, caro mio, c’ha ‘n gran potere
è ‘na pozzione maggica potente
Te fa’ vola’ fra ‘e nuvole leggere
Ma riesce a fatte scenne con un niente

Abbasta ‘na parola detta male
‘Na litigata, a vorte anche er marchese
Pe’ trasforma’ l’amore in un pugnale
Pe’ fa’ parla’ lo stomaco in cinese

E a te che pensi d’essete sarvato
Che vòi fa’ l’omo duro, prorompente
Te dico che chi mai s’è ‘nnammorato
De ‘sto pianeta nun ha visto niente”

Er Pinto

5797204e-224e-440a-b465-76c9c6d49893
Augusto, ch’era n’omo bello duro Vedendom’esse triste, moggio moggio Me chiese quale mal pensiero oscuro Rendesse er muso fisso all’orologio Ma io nun je risposi propriamente Giravo er cucchiaino ne ‘a tazzina Intanto me se ‘ntorcinava er ventre Ma a questo mal non v’era medicina “Che hai fatto?”...
Post
20/09/2017 14:18:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

[E Rido]

11 novembre 2016 ore 11:52 segnala


Se pe’ ‘n giorno nun ridessi?
Chissà che succederebbe.
Chissà se me guarderesti.
Chissà ‘a gente che direbbe.

Se pe’ ‘n giorno ‘sto soriso
che m’hai visto fisso ‘n faccia
lo tojessi, senza avviso,
come porpa da’a vinaccia?

Se poi ‘n giorno me dicessi
quello che nessuno dice
e pe’ strada me chiedessi:
“Te soridi, sei felice?”

T’arisponnerebbi, franco,
che io ‘r destino così ‘o sfido.
Po’ esse nero o po’ esse bianco,
ma ‘n me frega niente. E rido.

Er Flama – Ottavo Poeta
b88b26ef-968b-4f2c-8827-d73d3755bccd
« immagine » Se pe’ ‘n giorno nun ridessi? Chissà che succederebbe. Chissà se me guarderesti. Chissà ‘a gente che direbbe. Se pe’ ‘n giorno ‘sto soriso che m’hai visto fisso ‘n faccia lo tojessi, senza avviso, come porpa da’a vinaccia? Se poi ‘n giorno me dicessi quello che nessuno dice e pe’ s...
Post
11/11/2016 11:52:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Roma

25 ottobre 2016 ore 14:25 segnala
È popo ‘na bella ciaciona
cor sole dritto ‘n fronte.
Je piace er vino e magná bene
ma smezza sempre er conto
che sa che je conviene.

C’ha lunghi ricci biondi
che er vento je accarezza
e quanno piove e se fracica
je cola tutto er trucco e ‘n po’ s’encazza.

Su ‘n fianco c’ha Trastevere
su ‘n seno er cuppolone
e quanno ha tanticchia sete
s’abbevera ar nasone
a lato d’a strada.

E gira co’ mezzi da ‘n par d’anni
che ha sfonnato ‘r motorello
planando su ‘na bbuca
dai pizzi der Tufello.

Quanno ride se sganascia
e quanno piagne è ‘na traggedia
e canta bbene anche se mpó urla
ma du spicci e ‘n bacio li rimedia.



OttavoPoetaRoma

eaec1e88-ddc7-40ae-9326-d1b833bb636c
È popo ‘na bella ciaciona cor sole dritto ‘n fronte. Je piace er vino e magná bene ma smezza sempre er conto che sa che je conviene. C’ha lunghi ricci biondi che er vento je accarezza e quanno piove e se fracica je cola tutto er trucco e ‘n po’ s’encazza. Su ‘n fianco c’ha Trastevere su ‘n seno...
Post
25/10/2016 14:25:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Segnali metropolitani: il tergicristallo alzato

18 marzo 2016 ore 10:08 segnala
Mi confermate che
i tergicristalli alzati
stanno per "stronzo
maleducato vaffanculo"?




Quello di alzare il tergicristallo altrui è un gesto ambiguo e di dubbia efficacia, eppure molto diffuso in città. Vi fa ricorso il pedone che trova ostruito il passaggio, o ancora più spesso il motorinista quando un'auto occupa il parcheggio riservato ai motocicli. È la reazione di chi, sapendo di avere ragione, decide di trattenersi prima di passare dalla parte del torto. Possiamo anche interpretarlo come il messaggio di colui che ha rinunciato a farsi giustizia da solo, o meglio ancora come un avvertimento mafioso, una specie di “sappiamo dove vanno a scuola i tuoi tergicristalli” (ed è risaputo quanto a ogni automobilista sono cari, nel vero senso della parola, i suoi tergicristalli). Tutti questi significati riusciamo a decifrare in un parabrezza con le spatole sollevate.

L’uomo della foresta sapeva leggere i segni della natura, riconosceva un pericolo da un ramo spezzato o da un rumore sospetto, seguiva le tracce di una preda, anticipava i cambiamenti meteorologici; così l’uomo contemporaneo decodifica i segni della giungla metropolitana. Quando incontriamo un passante che cammina con le chiavi in mano, intuiamo al volo che un parcheggio si sta per liberare. Quando notiamo un giovane malvestito che trascina un carrellino della spesa, sappiamo che la sua intenzione è di aprire il cassonetto e rovistare tra i rifiuti. E quando vediamo spuntare per le strade i venditori di ombrello capiamo che sta per arrivare il temporale, pure se in quel momento in cielo splende il sole.
È la semiotica urbana, un codice linguistico che apprendiamo, senza rendercene conto, sin dagli anni dell’infanzia.

di Pietro Piovani
e5af5d5b-4aa0-470b-a765-54c742d60766
Mi confermate che i tergicristalli alzati stanno per "stronzo maleducato vaffanculo"? « immagine » Quello di alzare il tergicristallo altrui è un gesto ambiguo e di dubbia efficacia, eppure molto diffuso in città. Vi fa ricorso il pedone che trova ostruito il passaggio, o ancora più spesso il...
Post
18/03/2016 10:08:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Rinascimento

25 settembre 2015 ore 10:35 segnala



Parli sempre de te stesso
ma non parli co’ te stesso.
C’è qualcosa che hai sepolto,
non ha nome, non ha volto,
ma se nutre der tuo tempo.
Te trascina più der vento.

Forza, prennilo de petto.
Trova er filo, tiello stretto.
Farà male, ma si sa,
è così la verità:
un serpente ch’avvelena
se pe’ lui non te dài pena
ma te renderà più saggio
se l’affronti co’ coraggio.

Sarai solo, sarai nudo.
Sarà ‘mpervio, sarà crudo.
Ma se superi er momento
sarà il tuo Rinascimento.

ER QUERCIA
c1309c1f-c8cf-4a64-84e7-e5b1a74742da
« immagine » Parli sempre de te stesso ma non parli co’ te stesso. C’è qualcosa che hai sepolto, non ha nome, non ha volto, ma se nutre der tuo tempo. Te trascina più der vento. Forza, prennilo de petto. Trova er filo, tiello stretto. Farà male, ma si sa, è così la verità: un serpente ch’avvele...
Post
25/09/2015 10:35:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Ricordi dei tempi lontani

17 giugno 2015 ore 13:57 segnala
“I Castelli, diciamo, romani…
so’ un ricordo dei tempi lontani”

De quanno, bambino, mi nonna,
de fiori rigonfia la gonna
dar vento de periferia,
me porta a magna’ ‘n osteria.

‘Na musicassetta pe’ ‘l viaggio,
Nonna se gode er paesaggio.
La musica è de Gabriella,
de Roma amica e sorella.

E Nonna che canta, che strilla,
e l’occhio d’amore je brilla
pe’ me che so’ un regazzino,
pe’ me che so’ er nipotino.

Conduce l’asfarto ‘n omone,
poeta, a tratti ‘mbriacone.
Omero se chiama, difatti,
dai tratti arquanto coatti.

Quanno arivamo a Priora,
scejemo un ber posto de fòra,
sotto a ‘n bell’arbero grosso,
chiedemo ‘n fiaschetto de rosso.

Ma Nonna nun me fa beve…
– Sei candido come la neve,
e ‘a neve sporcalla è peccato.
Nun cresce, pupo adorato. –

Ariva er tramonto e tornamo,
sull’Appia poi parcheggiamo.
Nei pressi de zona Frattocchie
rubbamo ‘n po’ de pannocchie.

C’è Nonna che ride, se piega
e poco o niente je frega
se mo se stamo a ‘nsozza’
de terra e de libbertà.

“I Castelli, diciamo, romani…
so’ un ricordo dei tempi lontani”

De quanno, bambino, mi nonna,
de fiori rigonfia la gonna
dar vento de periferia,
me ‘nsegna cos’è la poesia.



Inumi Laconico
93c08034-2602-4ea3-b3b8-437473a86721
“I Castelli, diciamo, romani… so’ un ricordo dei tempi lontani” De quanno, bambino, mi nonna, de fiori rigonfia la gonna dar vento de periferia, me porta a magna’ ‘n osteria. ‘Na musicassetta pe’ ‘l viaggio, Nonna se gode er paesaggio. La musica è de Gabriella, de Roma amica e sorella. E Nonna...
Post
17/06/2015 13:57:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    13

LA MIA SCOMMESSA

21 maggio 2015 ore 12:18 segnala


Sei un’idea che m’accarezza, scorri lieve come brezza
Non esisti? Non importa, non vivrei comunque senza
Tu sei come una scommessa, che se perdo… beh, pazienza
Se nemmeno provo a farla so che ho perso già in partenza

E allora non mi fermo al primo incrocio del destino
La voglia del momento sembra solo un gran casino
Col rum che fa su e giù, due estranei, due animali
Ci svegliamo la mattina ancora soli e più banali

Meglio il letto mezzo vuoto, meglio solo il mio sudore
Perché basta che ti penso… ed è come far l’amore
Tutto il tempo che non perdo se una storia non è te
Posso dedicarlo a un sogno, il nostro sogno… Sai qual è?

Sto disegnando un regno dove vivere con te
Balleremo sopra il mare, sarai un’onda su di me
Sapremo cos’è il male… per non saperlo più
A serpenti e ragnatele impareremo a dar del tu

Mano nella mano dormiremo tra le ortiche
Alle luci del mattino… già saranno nostre amiche
Ogni volta che cadremo, nascerà un girasole
Ti seguirà dovunque… a te che sei il mio sole

Non sono uno di quelli che sa sempre dove andrà
Che sa prima e con certezza quando si divertirà
Passo il tempo con me stesso, forse troppo, ma chissà
Se un giorno capirai questa mia necessità

Intanto il tempo passa, porta il gelo, ma non te
È un freddo che indurisce, ma si scioglierà con me
Ogni sera soffio… piano forte sul mio cuore
“Resta al caldo”, gli sussurro, “Non dimenticar l’amore”

Sto inventando un mondo dove perdermi con te
Dove basta darsi un bacio per rispondere a un perché
E ogni volta che sorridi si fermerà il rumore
E sull’arcobaleno… s’aggiungerà un colore

Un giorno sarai nuvola di zucchero filato
Tu che cambi forma, io che resto senza fiato
Un giorno sarai stella e su di me potrai brillare
E quando sarai stanca… ti potrai addormentare

Er Quercia
1ce36bdd-f032-476e-8945-c0be20311f51
« immagine » Sei un’idea che m’accarezza, scorri lieve come brezza Non esisti? Non importa, non vivrei comunque senza Tu sei come una scommessa, che se perdo… beh, pazienza Se nemmeno provo a farla so che ho perso già in partenza E allora non mi fermo al primo incrocio del destino La voglia del ...
Post
21/05/2015 12:18:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    5

NON AVERE NE' ARTE NE' PARTE

14 aprile 2015 ore 10:40 segnala
NON AVERE NE' ARTE NE' PARTE

Quanno c'erano le Corporazzioni,
dove l'artiggiani se iscrivevano,
c'era lavoro pe' le generazzioni
perchè dai parenti l'apprendevano.
Pe' avè anche le debbite pressioni
nei Partiti tutto ce facevano.
C'erano, è vero, ma nun ce sò più:
chi se'mpara er mestiere? Dimme tu.

683b1daf-5c5a-4df7-a2b0-d532fc84717d
NON AVERE NE' ARTE NE' PARTE Quanno c'erano le Corporazzioni, dove l'artiggiani se iscrivevano, c'era lavoro pe' le generazzioni perchè dai parenti l'apprendevano. Pe' avè anche le debbite pressioni nei Partiti tutto ce facevano. C'erano, è vero, ma nun ce sò più: chi se'mpara er mestiere? Dimme...
Post
14/04/2015 10:40:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Annà all'arberi pizzuti - Annà a ffa' terra pe cceci

23 marzo 2015 ore 10:28 segnala



Stirà le cianche
Annàssene all'antri carzoni
Tirà er cazzo ar pettirosso


Se il romanesco si preoccupa di non menzionare la malattia, figuriamoci quando è l'ora di fare i conti con la commare secca (ovvero la morte): le perifrasi sono ancora più numerose e variopinte.
Fra quelle usate ancora oggi c'è "l'andare agli alberi pizzuti" cioè "ai cipressi" (albero notoriamente ...cimiteriale, almeno nella nostra cultura). Ma anche "l'andare a far terra per i ceci", un legume peraltro tipico della cucina locale, testimonia come persino di fronte agli eventi più ineluttabili il vero romano non rinuncia mai ad assumere una posizione distaccata e beffarda. E l'espressione "stirà (cioè distendere) le cianche (gambe)" ne è un ulteriore esempio.
Il quarto modo di dire, divenuto abbastanza infrequente, si trova nei testi di Giggi Zanazzo, e probabilmente si riferisce all'uso di vestire la salma col "vestito bbòno", quindi anche con un paio di calzoni che in vita non indossava spesso.
Resta invece dubbia l'interpretazione del quinto (e purtroppo estinto) modo di dire, assai colorito, che si ritrova nei sonetti di G.G.Belli.
f894e024-e584-4348-9d77-4c36cba66edc
« immagine » Stirà le cianche Annàssene all'antri carzoni Tirà er cazzo ar pettirosso Se il romanesco si preoccupa di non menzionare la malattia, figuriamoci quando è l'ora di fare i conti con la commare secca (ovvero la morte): le perifrasi sono ancora più numerose e variopinte. Fra quelle usa...
Post
23/03/2015 10:28:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Una piccola introduzione.....

20 marzo 2015 ore 10:07 segnala
arimané (restà) com'e ddon Farcuccio

L'espressione per esteso è arimané (o restà) com'e ddon Farcuccio: co 'na mano davanti e n'antra de dietro, e fa riferimento ad un ipotetico prete di nome Falcuccio il quale, privato degli abiti, rimase per l'appunto ignudo, e dunque costretto a coprirsi le pudenda "con una mano davanti e un'altra dietro".

In genere, dell'espressione si usa solo la prima metà, essendo il seguito fin troppo noto.

Vuole indicare un frangente, una situazione, uno stato delle cose in cui il soggetto a cui è riferita (cioè chi viene paragonato a don Falcuccio) si ritrova preso tra due fuochi, o subisce danno in tutti i casi, sia che le cose vadano in un certo modo che nel modo opposto, ecc.

Ad esempio, chi acquista un'automobile a rate che però viene rubata prima di essere stata pagata del tutto, o chi viene scoperto dalla propria moglie mentre si ha una tresca con la sua migliore amica ed entrambe decidono di lasciarlo, rimane proprio com'e ddon Farcuccio.
7e8f1cb6-5e34-4f3a-aafa-88a4ae051987
arimané (restà) com'e ddon Farcuccio L'espressione per esteso è arimané (o restà) com'e ddon Farcuccio: co 'na mano davanti e n'antra de dietro, e fa riferimento ad un ipotetico prete di nome Falcuccio il quale, privato degli abiti, rimase per l'appunto ignudo, e dunque costretto a coprirsi le...
Post
20/03/2015 10:07:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1