Volevo cambiare il mondo

26 aprile 2014 ore 21:53 segnala
Quand'ero giovane e libero e la mia fantasia non aveva limiti, sognavo di cambiare il mondo. Diventato più vecchio e più saggio, scoprii che il mondo non sarebbe cambiato, per cui limitai un po' lo sguardo e decisi di cambiare soltanto il mio Paese.

Ma anche questo sembrava immutabile.

Arrivando al crepuscolo della mia vita, in un ultimo tentativo disperato, mi proposi di cambiare soltanto la mia famiglia, le persone più vicine a me, ma ahimé non vollero saperne.

E ora mentre giaccio sul letto di morte, all'improvviso ho capito: se solo avessi cambiato prima me stesso, con l'esempio avrei poi cambiato la mia famiglia.

Con la loro ispirazione e il loro incoraggiamento, sarei stato in grado di migliorare il mio Paese e, chissà, avrei anche potuto cambiare il mondo.


Perché un pensiero cambi il mondo, bisogna che cambi prima la vita di colui che lo esprime.


c8b7c16d-0472-4d7a-a20f-2962f9229169
Quand'ero giovane e libero e la mia fantasia non aveva limiti, sognavo di cambiare il mondo. Diventato più vecchio e più saggio, scoprii che il mondo non sarebbe cambiato, per cui limitai un po' lo sguardo e decisi di cambiare soltanto il mio Paese. Ma anche questo sembrava immutabile. Arrivando...
Post
26/04/2014 21:53:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Sunrise

20 gennaio 2014 ore 09:40 segnala


La luce dei ricordi

12 gennaio 2014 ore 22:31 segnala
Lei era lì puntualmente nei suoi sogni.
Non sapeva del suo amore, per lei era uno come tanti,
un ragazzo a modo, ma uno come tanti.
Tutte le sere la cercava, sperava in un suo sguardo,
un suo cenno, anche solo un "ciao come stai?"
che purtroppo e per troppo tempo non arrivò.

Era presa da altro, dai suoi amici, dalle sue passioni,
da tutto ciò si potesse immaginare, tranne che da
quel ragazzo a modo.

Lui rinunciò a quella "donna" ambita da molti,
inarrivabile e irraggiungibile, e che poco e nulla
aveva capito dei sentimenti così profondi, veri ed intensi
di quel ragazzo di cui nulla le importava.

Molto tempo passò, lei iniziò a chiedersi dove fosse finito,
lui che tutte le sere era presente ma distante,
lui così schivo e mai impudente,
lui che aveva fatto non uno ma mille passi indietro.

Senza capirne il motivo iniziò a cercarlo
ed a chiedersi perchè si fosse allontanato in modo
così palese da lei. Non vi furono risposte,
lui era pur sempre un ragazzo a modo.
Le risposte arrivarono con il tempo da sole,
quelle risposte che le fecero finalmente capire
che quel ragazzo non era solo "un ragazzo a modo",
ma colui di cui non avrebbe fatto più a meno ogni giorno della sua vita.


0b000b6b-07ca-4e3f-98e5-31568b3a30c2
Lei era lì puntualmente nei suoi sogni. Non sapeva del suo amore, per lei era uno come tanti, un ragazzo a modo, ma uno come tanti. Tutte le sere la cercava, sperava in un suo sguardo, un suo cenno, anche solo un "ciao come stai?" che purtroppo e per troppo tempo non arrivò. Era presa da altro,...
Post
12/01/2014 22:31:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Valori

08 dicembre 2013 ore 21:27 segnala
Un professore mostra un biglietto da 20 €
e chieda ai suoi studenti: "Chi vuole questo biglietto? "
Tutte le mani si alzano. Allora comincia a sgualcire il biglietto
e poi chiede di nuovo: "Lo volete ancora?"
Le mani si alzano di nuovo. Getta per terra il biglietto sgualcito, lo pesta con i piedi e chiede: "Lo volete sempre?"
tutte le mani si rialzano. Quindi dice:
"Avete appena avuto una dimostrazione pratica!
Importa poco ciò che faccio con questo biglietto,
lo volete sempre, perché il suo valore non è cambiato.
Vale sempre 20 €”. Molte volte nella vostra vita,
sarete sgualciti, rigettati dalle persone e dagli avvenimenti. Avrete l'impressione di non valere più niente,
ma il vostro valore non sarà cambiato agli occhi delle persone che vi amano davvero. Anche nei giorni in cui sentiamo di valere meno di un centesimo il nostro vero valore è rimasto lo stesso.
42345ce0-5795-4ec1-b6d2-fafb10e27edd
Un professore mostra un biglietto da 20 € e chieda ai suoi studenti: "Chi vuole questo biglietto? " Tutte le mani si alzano. Allora comincia a sgualcire il biglietto e poi chiede di nuovo: "Lo volete ancora?" Le mani si alzano di nuovo. Getta per terra il biglietto sgualcito, lo pesta con i piedi e...
Post
08/12/2013 21:27:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Una storiella su cui meditare.....

28 settembre 2013 ore 11:34 segnala
Una ragazza stava aspettando il suo volo in una sala d’attesa di un grande aeroporto.
Avrebbe dovuto aspettare per molto tempo poichè il volo era in ritardo, decise allora di comprare un libro per ammazzare il tempo. Compro’ anche un pacchetto di biscotti.

Si sedette nella sala VIP per stare piu’ tranquilla. Accanto a lei c’era la sedia con i biscotti e sulla sedia successiva un signore che stava leggendo il giornale.
Quando lei comincio’ a prendere il primo biscotto, anche l’uomo ne prese uno, lei si senti’ indignata ma non disse nulla e continuo’ a leggere il suo libro.
Tra sé penso’: “ ma tu guarda, se solo avessi un po’ piu’ di coraggio gli avrei già dato un pugno….” Cosi’, ogni volta che lei prendeva un biscotto, l’uomo accanto a lei, senza fare un minimo cenno ne prendeva uno anche lui. Continuarono fino a
che non rimase che un solo un biscotto e la donna penso’: “ ah, adesso voglio proprio vedere cosa mi dice quando saranno finiti tutti !!”

L’uomo prese l’ultimo biscotto e lo divise a metà! “AH, questo è troppo” penso’ e comincio’ a sbuffare indignata, si prese le sue cose, il libro, la sua borsa e s’incammino’ verso l’uscita della sala d’attesa.

Quando si senti’ un po’ meglio e la rabbia era passata, si sedette su una sedia lungo il corridoio per non attirare troppo l’attenzione ed evitare altri dispiaceri. Chiuse il libro e apri’ la borsa per infilarlo dentro quando……nell'aprire la borsa vide che il pacchetto di biscotti era ancora tutto intero nel suo interno.

Senti’ tanta vergogna e capi’ solo allora che il pacchetto di biscotti uguale al suo era di quell’ uomo seduto accanto a lei che pero’ aveva diviso i suoi biscotti con lei senza sentirsi indignato, nervoso o superiore, al contrario di lei che aveva sbuffato e addirittura si sentiva ferita nell’ orgoglio.


ea5bce45-7a94-45ad-a0ef-87f5c27cb56e
Una ragazza stava aspettando il suo volo in una sala d’attesa di un grande aeroporto. Avrebbe dovuto aspettare per molto tempo poichè il volo era in ritardo, decise allora di comprare un libro per ammazzare il tempo. Compro’ anche un pacchetto di biscotti. Si sedette nella sala VIP per stare piu’...
Post
28/09/2013 11:34:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    23
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Una storia commovente.

08 aprile 2013 ore 15:05 segnala
Il proprietario di un negozio di animali stava affiggendo alla vetrina un cartello con scritto VENDITA CUCCIOLI, quando comparve un bambino.
"A quanto li vende i cuccioli?" chiese.
L'uomo rispose al ragazzino che non intendeva lasciarli per meno di 50 dollari l'uno.

Il ragazzo si frugò nelle tasche, estrasse qualche moneta, guardò il proprietario del negozio e disse: "Ho due dollari e trentasette centesimi. Posso vederli?".
Il padrone del negozio sorrise e fischiò. Dal canile, una cagnolina di nome Lady arrivò correndo lungo il corridoio, seguita da cinque batuffoli pelosi. Uno dei cuccioli era rimasto indietro.

"Cos'ha che non va quel cagnolino?"
"Il veterinario ci ha detto che ha dei problemi all'articolazione dell'anca" spiegò il negoziante "Zoppicherà sempre così".
"Voglio comprare quello" disse subito il ragazzino.
Il padrone del negozio replicò : "No, quel cane non lo devi comprare, se davvero lo vuoi te lo regalo".

Il bambino si avvicinò al viso dell'uomo e gli disse rabbioso : "Io non voglio che me lo REGALI, quel cagnolino vale quanto gli altri cuccioli e pagherò il prezzo intero. Adesso le dò 2 dollari e 37, e le darò 50 centesimi al mese finchè avrò
raggiunto tutta la cifra!".
Il proprietario del negozio insistette: "NO,no,no. Non puoi volere quel cane. Non sarà mai capace di correre e saltare e giocare come gli altri cani".
Per tutta risposta il bambino sollevò il pantalone sinistro, per mostrare una gamba deforme e sostenuta da due tutori d'acciaio.
"Vede signore", disse "nemmeno io corro molto bene e quel cucciolo ha bisogno di qualcuno che lo capisca".


fb21b4bc-6cfe-44c9-956b-9b0c74d819ad
Il proprietario di un negozio di animali stava affiggendo alla vetrina un cartello con scritto VENDITA CUCCIOLI, quando comparve un bambino. "A quanto li vende i cuccioli?" chiese. L'uomo rispose al ragazzino che non intendeva lasciarli per meno di 50 dollari l'uno. Il ragazzo si frugò nelle...
Post
08/04/2013 15:05:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    33
  • commenti
    comment
    Comment
    19

Tu nei miei sogni...

02 febbraio 2013 ore 21:55 segnala
Non conosco il tuo nome. Non so nemmeno se esisti,
da qualche parte vicino o lontano.
Non conosco ancora il tuo nome, ma non importa,ora.
Magari avrai le bende per le ferite profonde
che ti ha lasciato un vecchio amore.
Stai tranquillo perchè so bene cosa si provi,
io adesso sono una mummia! ma ne guariremo insieme.
So che sarai bellissimo, avrai il volto di un dio greco,
e non importa cosa penseranno gli altri di te
o se avranno un'opinione diversa. Per me sarà così.
In quanto unico custode delle chiavi del mio cuore
potrai entrare dentro tutte le volte che vorrai.
Troverai la mia serenità, la mia pazienza,
la mia fedeltà, la mia dedizione, le mie passioni.
Troverai anche un angolino buio con le mie paure
ed i miei spettri. Ma li terremo a bada.
E quando un pò di sole entrerà in quell'angolino,
questi fantasmi faranno decisamente meno paura,
e ci rideremo anche sopra.
Ho diverse cose da insegnarti, ma molte di più
da impararne da te. Ho molto da raccontarti,
ma ho ancora più tempo per ascoltarti.
Ed avrò molto tempo, per te, per noi, per i nostri sogni.
Avrai il mio aiuto ed io chiederò il tuo,
e quando sarai triste, non solo sarò triste
ma saremo tristi insieme.
E quando sarai felice, non solo sarò felice
ma saremo felici insieme.
Non so dove tu sia, e se un giorno arriverai ma
nel frattempo non smetterò un istante di sognare,
perchè i sogni possono essere lo specchio della cruda realtà.
bc1fe613-9413-4072-bce4-c13efd8f6027
Non conosco il tuo nome. Non so nemmeno se esisti, da qualche parte vicino o lontano. Non conosco ancora il tuo nome, ma non importa,ora. Magari avrai le bende per le ferite profonde che ti ha lasciato un vecchio amore. Stai tranquillo perchè so bene cosa si provi, io adesso sono una mummia! ma ne...
Post
02/02/2013 21:55:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    17
  • commenti
    comment
    Comment
    9

Un silenzio assordante

24 dicembre 2012 ore 13:09 segnala
La voce del silenzio, quando la ascoltiamo intimamente, è molto forte, quasi un urlo. Il silenzio ci mette impietosamente di fronte a noi stessi, alle nostre ansie, paure, desideri, insicurezze, ed è per questo che spesso siamo intimoriti dal silenzio, perchè silenzio equivale a riflessione, a viaggio all'interno di noi stessi, che è il viaggio più difficile in assoluto, perchè ci mette a nudo e fa emergere la parte più vera di noi stessi, quella che a volte vorremmo ignorare.
La voce del silenzio a volte coincide con il silenzio dell'anima, quel silenzio che veramente ci fa sentire soli e senza parole, incapaci di comunicare.

Il silenzio racchiude molte più parole di un intero discorso, racchiude le parole non dette,forse le più belle.

Il silenzio è il rumore dell’anima;è più assordante di un frastuono perché in esso ci sono tutte le cose che si vorrebbero dire, ma non ne si ha il coraggio.



5aea5b33-6c2b-4d7f-ad51-fb6f9762449d
La voce del silenzio, quando la ascoltiamo intimamente, è molto forte, quasi un urlo. Il silenzio ci mette impietosamente di fronte a noi stessi, alle nostre ansie, paure, desideri, insicurezze, ed è per questo che spesso siamo intimoriti dal silenzio, perchè silenzio equivale a riflessione, a...
Post
24/12/2012 13:09:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Parole inutili....

24 novembre 2012 ore 13:50 segnala
E ho visto. Ho visto che le persone possono lasciarti,

mandarti via con una facilità incredibile.

Ho visto che per loro e sempre più semplice,

perchè ti sbattono la porta in faccia ridendo,

mentre tu piangi ripetendoti a mente i loro

"ci sarò" i loro "ti voglio bene".

Se uno rimane lo si capisce quando ti guarda

e intanto ti sorride, ma non dice nulla
.

0678c1d6-5aad-40b8-8b89-575a5e23bceb
E ho visto. Ho visto che le persone possono lasciarti, mandarti via con una facilità incredibile. Ho visto che per loro e sempre più semplice, perchè ti sbattono la porta in faccia ridendo, mentre tu piangi ripetendoti a mente i loro "ci sarò" i loro "ti voglio bene". Se uno rimane lo si...
Post
24/11/2012 13:50:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Gli amici della 35 e dintorni....grazie di esserci.

28 aprile 2012 ore 13:08 segnala
Quel pò che vi posso dimostrare
è tutto qui...in questo video.
Magari il tempo e lo spazio potranno cancellare
le parole di questa dedica, ma non potranno
mai cancellare l'affetto che in questi mesi
mi avete saputo dare e che io ho per Voi.

Grazie a tutti di cuore :cuore :-)
0a97ea11-b091-4887-8804-5ed6e217da9a
Quel pò che vi posso dimostrare è tutto qui...in questo video. Magari il tempo e lo spazio potranno cancellare le parole di questa dedica, ma non potranno mai cancellare l'affetto che in questi mesi mi avete saputo dare e che io ho per Voi. Grazie a tutti di cuore :cuore :-) « video »
Post
28/04/2012 13:08:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    15