Quiet shout-out

19 settembre 2015 ore 02:29 segnala

Non racconto più a nessuno di come mi sento, è qualcosa che ormai non riesco più a fare. Le mie insicurezze e paranoie stanno raggiungendo nuove vette, i canali di sfogo ormai sono tutti arrugginiti o rotti, quindi tutto quanto resta dentro di me.
Vedo delle nuvole scure all'orizzonte, so già che sarà un inverno di pioggia fitta.
Sento che sto scivolando verso quello stato di torpore mentale che mi è odiosamente familiare. Ho l'impressione che questa volta ci resterò insabbiata più a lungo. Chissà...

Forse alcuni di noi, semplicemente, non sono fatti per stare bene.
Credo che sia un modo che ha l'universo per bilanciarsi... stupidaggini karmiche, ma guardando fuori a volte sembra proprio così.
Non vorrei essere così negativa, ma non vorrei essere neanche tante altre cose, che invece sono.
E non si tratta di scelte.
E' un po' strano scrivere certe cose, e forse un po' stupido... un incidente di frasi slegate, poco comprensibile; un po' il ritratto di come mi sento.

Quindi... non so. Spero esista qualcuno che, leggendo, pensi di aver capito.
A chi, ogni volta che ci prova, sembra ritrovarsi in una situazione peggiore.
A chi non ha la forza per staccarsi dai suoi pensieri e andare a vivere sul serio, a fare qualcosa di concreto.
A chi non ha più un'autostima e odia lo specchio, a chi sta male da solo e in silenzio.
A chi è depresso in qualsiasi forma e modo, perché non si possono davvero fare grandi distinzioni.
Proverò a dormire. Non vedo l'ora di svegliarmi e odiare me stessa anche domani.
f9d03e09-f68f-4f64-ac80-2ca729b53190
« immagine » Non racconto più a nessuno di come mi sento, è qualcosa che ormai non riesco più a fare. Le mie insicurezze e paranoie stanno raggiungendo nuove vette, i canali di sfogo ormai sono tutti arrugginiti o rotti, quindi tutto quanto resta dentro di me. Vedo delle nuvole scure all'orizzonte...
Post
19/09/2015 02:29:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. LuceOscura2015 19 settembre 2015 ore 21:27
    Siamo esseri umani, a volte siamo animati da buone sensazioni mentre, altre volte, da cattive. Personalmente, dovessi fare un resoconto di ciò è prevalso nella mia vita, direi che le sensazioni cattive, di quel malessere che ti fa sentire inadatto a tutto e che ti fa sentire la mancanza di qualcosa, hanno prevalso. Personalmente, posso comprendere bene il tuo stato d'animo e la tua voglia di darvi sfogo, anche se a inizio post accenni al fatto di volerti tenere tutto questo per te. E' lo stesso che accompagna me in questi anni e a cui, sinceramente, non sono mai riuscito a porre rimedio. Chissà, forse perchè non ho mai avuto davvero qualcuno per parlarne.. Purtroppo, spesso alla gente non importa del benessere altrui e stai tranquilla che, per queste persone, anche se sprofondi in quel malessere, non gliene importa nulla. Ed è molto brutto da dire. Io non ti conosco però voglio darti un consiglio: continua a scrivere su questo blog e, personalmente, posso garantirti che una persona che ti leggerà e comprenderà in questi stati d'animo ci sarà. Anch'io ho aperto un blog con la stessa intenzione di sfogarmi, se ti fa piacere passa pure, ne sarei onorato. Detto ciò, quando avrai bisogno di ascolto, per parlare di qualsiasi cosa ti passi per la testa e a cui vuoi dare voce, una persona l'hai trovata. Un forte abbraccio per te.
  2. Alcest1974 20 settembre 2015 ore 00:59
    ci sono solo rovine..per non vederle bisogna essere "blindati"..drogati da una positività irreale..ed è quello ciò che ci circonda,il festante belato di un mondo di morti che gioca alla finzione di sentirsi vivo...
  3. Vincent.law7 06 ottobre 2015 ore 02:23
    Sinceramente sono commosso.
    E non è facile per me sentire queste emozioni in cosí poche righe, sono incredulo è esattamente ció che sto vivendo io in questo momento.
    Vado a periodi e questo è uno dei peggiori che io abbia mai vissuto, spero di uscirne come ho sempre fatto, ma ho il terrore che resteró "insabbiato" sempre piú a lungo fino a non riuscire ad avere la meglio su questo mio stato d'animo.
    Un abbraccio, grazie di tutto
  4. Alf.15 29 ottobre 2015 ore 03:39
    La poesia del male oscuro. Affascinato dall'oscurità mi faccio condurre per mano laddove le tenebre non avranno fine. Non so quanto tempo ci resterò ma so che forse ci rimarrò un minuto di più e non vorrò più uscire per contemplare il sole. Fascino dell'oscurità, fascino della notte. Ma forse le amo perché domani mi inonderà la luce.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.