Il bello ed il brutto. E la brutta.

06 settembre 2013 ore 23:46 segnala
Nel pensiero filosofico, ma anche nella vita, a volte, si inizia con il “bello”, ma poi si arriva anche al “brutto”. Ed alla "brutta". E vanno presi provvedimenti.

Nella storia del pensiero dell’ Occidente, sono state date, nei secoli, tante definizioni di bellezza. Fin dall’epoca greca per arrivare a quella moderna, s’è inteso che il bello fosse soltanto un fatto di natura e non il prodotto di una attività umana.
Omero parlava in termini di “luminosità”, significando che ciò che abbaglia colpisce la vista.
Aristotele invece parlava di “simmetria” e di conseguenza di una regola interna di proporzione.
Platone, dal canto suo, vide la bellezza come manifestazione del Bene che permea tutte le cose. Ed affermava che l’arte, che è copia della natura, è al massimo una imitazione della bellezza della natura stessa.
Solo dal Settecento la bellezza smise di essere un problema metafisico, e nacque l’estetica, la branca della filosofia che cerca di spiegare la natura dell’arte dal punto di vista razionale.
Fino alla fine dell’Ottocento, tutte le teorie estetiche hanno presupposto che il fine ultimo dell’arte sia di produrre il bello, per cui l’artista sceglie soggetti di per sé avvenenti, ovvero, se vuole rappresentare soggetti brutti, trova il modo di trasfigurare il soggetto brutto, per natura, in soggetto bello, nel senso artistico.
Una digressione. Qualche brutta persona brutta a volte sogna: “Magari fossi nata tra il 700 e l’800!”
Solo nell’epoca contemporanea, con gli artisti d’avanguardia, non si abbellisce piu’ la realtà, ma la si svela in tutta la sua brutalità. Il fine è “il vero”, non piu’ “il bello”. Arrivando infine all' Espressionismo, nato in Germania agli inizi del Novecento, in cui la bruttezza viene anche enfatizzata.

Si parlava all’inizio dei provvedimenti da prendere. In questo parallelo che facciamo tra filosofia, arte e vita, la vita di relazione porta a volte a chiudere il cerchio all’opposto. Gustatevi questa storiella, confezionata là per lì. Eccovela!

Brutta proprio!

La prima volta che Marco l’aveva vista si era spaventato...Ragazzi, uno schianto di bruttezza! E come fare a dirglielo! Marco non era capace di far restare male una donna...Non glielo disse e continuò a frequentarla. Che errore! La donna lo seguiva dappertutto. Diventò una vita d’inferno. Finchè? Finchè quella donna non incontrò Marco e la moglie, una bellissima signora, a passeggio. Non fu una bella scena. Risolvette tutto la moglie, che già era stata avvisata da Marco e lo aveva perdonato. "Signora, le disse, Lei è una bella donna, forse piu’ bella di me, ma Marco ama me. Se ne faccia una ragione e si allontani dalla nostra vita." Quella donna girò su se stessa e se ne andò per sempre. La morale: Spesso ci vuole l’intervento di una bella moglie per salvare le chiappe ad un marito un po’ fedifrago.

Ma come è uscito 'sto post? Io mica mi ricordo…magari s’è trattato di un sogno…
Platone, Aristotele, un sogno... boh! ;-)

TC :cuore
d88a8de1-912a-49e3-a648-77d445a20508
Nel pensiero filosofico, ma anche nella vita, a volte, si inizia con il “bello”, ma poi si arriva anche al “brutto”. Ed alla "brutta". E vanno presi provvedimenti. Nella storia del pensiero dell’ Occidente, sono state date, nei secoli, tante definizioni di bellezza. Fin dall’epoca greca per...
Post
06/09/2013 23:46:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    25

Commenti

  1. architettodeisogni 07 settembre 2013 ore 09:19
    Aspè...te porto un caffè!! :-) Sveglio!!!!??? Bene!!Allora............a questi mariti, se non ci fossero le mogli!!!Buon fine settimana Tecè :-) :rosa
  2. dolcecarrie 07 settembre 2013 ore 11:10
    No, non finisce così la storia nel reale, la brutta purtroppo riesce a distruggere famiglie e diventa padrona del malcapitato di turno e lo fa suo schiavo.
    Mi hai attaccato il divagare...e se gli uomini imparassero la serietà dei sentimenti? Buon sabatooooo :-)) :rosa
  3. gattina1950 07 settembre 2013 ore 16:24
    Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace.....da saggia tosca.....
    Vedi a volte è meglio raccontare tutto che incorrere in una specie di ricatto....questo vale per l'uomo e per la donna, ma chissà forse stavi davvero sognando, forse non sapevi davvero cosa scrivere e tutti quei personaggi famosi ti hanno offuscato il cervelletto.
    Ciao tecerco :rosa
    :fiore
  4. tecerco 07 settembre 2013 ore 17:00
    architettodeisogni: e si, che moglie quella! ;-) :rosa
  5. tecerco 07 settembre 2013 ore 17:01
    dolcecarrie: Ma la nostra "brutta"...se hai notato il "brutta persona", diverso da "persona brutta"...è pure "brutta dentro".Ce la vedo poco rovinare famiglie. :rosa
  6. tecerco 07 settembre 2013 ore 17:01
    gattina1950: Nella storiella, piu' che "piace"...direi,meglio, "piace a termine". :rosa
  7. dolcecarrie 07 settembre 2013 ore 19:45
    Ma la nostra "brutta"...se hai notato il "brutta persona", diverso da "persona brutta"...è pure "brutta dentro".Ce la vedo poco rovinare famiglie.

    E' la sola bruttezza da temere quella interiore. :rosa
  8. tecerco 07 settembre 2013 ore 20:03
    Dolcecarrie: Il post parte dalla filosofia, passa per l'arte ed approda nella vita. Mentre si parla di bellezza e bruttezza, esteriori, viene fuori, attraverso i commenti e le risposte, quanto voglio anche io comunicare. Ed è proprio quanto tu hai scritto in neretto, che sottoscrivo completamente.

    E'la sola bruttezza da temere quella interiore.

    Essa è quella che adisce al sotterfugio vigliacco, alla furbizia cattiva,alla maldicenza, alla vendetta. A quella bruttezza noi rispondiamo NO. Ma il nostro NO non ci esime dal pensare: "Ahò, 'na punizione l'hai avuta...oltrechè brutta/o dentro, sei pure brutta/o fuori! Tiè!"

    Grazie, Cate. :rosa
  9. dolcecarrie 07 settembre 2013 ore 20:17
    :-)) :bye
  10. Edelvais63 08 settembre 2013 ore 15:36
    La bruttezza in una persona è relativa se il suo carattere,il suo cuore la sua natura è bella,radiosa e si rispecchia anche esteriormente.Molte persone belle..hanno una bruttezza d'animo che traspare tutta,dal volto , dai modi e dagli atteggiamenti.Brutta dentro e fuori???? Rovina completa! :bye
  11. tecerco 08 settembre 2013 ore 16:29
    Edelvais63. Adoro Platone: "quello che c'è di veramente insopportabile nell'ignoranza, è il fatto che una, non bella nè buona e nemmeno intelligente, si immagini di essere adeguatamente dotata: il problema è che chi non pensa di essere sprovvista di qualcosa, non ha nemmeno desiderio di ciò di cui non crede di aver bisogno di essere provvista".Spesso, è anche una questione di Q.I., spacciato per alto, ed invece basso, davvero basso. E quando tu glielo fai notare, scatta la reazione...la "bruttezza" di cui si parla. ;-) :rosa
  12. cavaliererrante66 09 settembre 2013 ore 08:58
    L'aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi. (Kahlil Gibran)
    Un caro saluto a te Tec, e a tutti i tuoi amici... buona settimana
    Max :bye
  13. maly64 09 settembre 2013 ore 16:20
    io penso,che l'essere di aspetto poco piacevole fuori sia un "semi-propblema".. perche volendo si può migliorare..
    penso invece che l'essere brutti dentro è la cosa peggiore che possa esistere.. e con tutta la volontà una persona può pure cambiare.. ma non più di tanto..
    alla bellezza-bruttezza esteriore ci si può abituare una volta innamorati.. ma con la bruttezza interiore bisogna convivere per sempre

    ben ritrovato carissimo!!!!!
  14. DemiMoore68 10 settembre 2013 ore 12:12
    Il Buono,Il Brutto e Il Cattivo -esistono ....e´ brutta la cattiveria interiore,che ahime´,e molto diffusa nell´essere Umano..
    Ciao tecerco:))) :hehe :hehe ;-) :rosa :rosa buona giornata..
  15. tecerco 10 settembre 2013 ore 14:31
    cavaliererrante66: "Alla bellezza ci si abitua, alla bruttezza non ci si rassegna." (Giovanni Soriano).

    L'unico modo di comportarsi
    con una donna è fare l'amore
    con lei se è bella e con un'altra
    se è brutta (Oscar Wilde)

    Mi fermo qui, Max, è meglio! ;-)

    Buona settimana a te, carissimo. :bye
  16. tecerco 10 settembre 2013 ore 14:33
    maly64:..."alla bellezza-bruttezza esteriore ci si può abituare una volta innamorati.. ma con la bruttezza interiore bisogna convivere per sempre"
    Concordo con te, e mi muovo di conseguenza! ;-) :rosa
  17. tecerco 10 settembre 2013 ore 14:37
    DemiMoore68: Tutto parte da come si è cresciuti dentro...anche la cattiveria....Ciao, buona giornata a te. :rosa :fiore
  18. james54 11 settembre 2013 ore 11:55
    Il "sogno", appena ci sentiremo, avrai la cortesia di raccontarlo con dovizia dei particolari... :bye
  19. surgelata 11 settembre 2013 ore 15:42
    Tecè iu sugnu bedda dentru e fori so bedda pure caratterialmenDe eppù a vita è na ruota..iu speru giri pure da parte my :batashyf


    olààà:ola
  20. tecerco 12 settembre 2013 ore 19:26
    james54: No no , lasciamo perdere Giacomo. Quando ci sentiremo parleremo di cose belle. Immagina comunque alcune persone che non si sono subito mostrate, magari in volto, magari nell'anima. Maschere. Che fai tu, quando scopri? Allontani in ogni caso tutte le persone che per un verso o per l'altro, non hai conosciuto completamente prima. Ma, nella storiella di Marco, il personaggio, brutta dentro e fuori, è chiaramente individuato ed è uno solo. Chi è? Parla lo specchio! Il suo. E la moglie di Marco, se non s'è capito, nell'interloquire la tipa, notatane la bruttezza, preferisce dirle che è "bella", pur di liberarsene.
    Un abbraccio, amico mio.
  21. tecerco 12 settembre 2013 ore 19:39
    surgelata: Hai toccato l'argomento "carattere" ed hai colto nel segno.Su tale argomento ho parlato a lungo tempo fa. Certe persone, pessime di carattere,quando uniscono a ciò anche la bruttezza e la cattiveria, sono senz'altro da evitare.
    Non è il caso tuo, amica mia. Bentornata! :rosa
  22. architettodeisogni 12 settembre 2013 ore 20:27
    Passata per salutarti e salutare tutti....Buonaserata :kissy
  23. tecerco 12 settembre 2013 ore 23:13
    architettodeisogni: Buona serata a te e grazie della visita, cara. :bacio
  24. architettodeisogni 12 settembre 2013 ore 23:14
    :bye :bye :bye :bye :bye buonanotte a domaniiiiiiiiiiiiiiiiiii
  25. Edelvais63 13 settembre 2013 ore 15:27
    Ma questo Marco e questa brutta chi sono?:nono1 Ma u'vuò ricere ? :mmm
  26. stregaxamore.VE 13 settembre 2013 ore 17:09
    Hahaha tc. solo noi donne siamo capaci di togliervi le castagne dal fuoco che cosa fareste senza di noi :hehe un bacio al re dei blog
  27. tecerco 13 settembre 2013 ore 17:37
    stregaxamore.VE: Condivido, cara. Oh quanto mi manca Venezia.. :bacio
  28. tecerco 13 settembre 2013 ore 17:45
    Edelvais63: Il post parla di un Marco generico...tipo Cesare...tipo Romoletto...Ma mentre romoletto e cesare li conosco, 'sto marco è proprio tirato fuori dal cappello a cilindro, fa parte della storiella. E' un nome romano e tanto mi basta.
    E la brutta? Te lo dico un'altra volta. Tu, indaga, indaga... ;-) :bye
  29. Paradiso.1965 13 settembre 2013 ore 19:47
    Sai che non ho capito chi era più bella? La moglie? L'amica? Sto diventando vecchietta accipicchiolina :mmm :bacato :mmm
  30. Paradiso.1965 13 settembre 2013 ore 19:48
    Ahhhh....ora ho capito!!! Ho riletto tre volte.... :idea2 :idea2 :idea2
  31. caduceo 13 settembre 2013 ore 21:38
    La bellezza è negli occhi di chi guarda..
    i parametri di bellezza sono diversi...e me ne sto accorgendo col tempo...
    ciao :-)
  32. tecerco 14 settembre 2013 ore 11:34
    Paradiso.1965: vedo la Moglie come un personaggio, oltrechè bello, liberatorio, nel senso che, essendo libera di intervenire, in quanto Moglie, parla in assoluta libertà e liberamente invita la bruttona a darsi alla macchia, magari smacchiando note pelli in gentile compagnia di chi si macchiò e ricevette in cambio lo smacco, smaccatamente mal digerito. Tutto ciò in tautologia doppia e tripla e quadrupla e quant'altro, per la gioia dei sensi di chi, spocchiosa, vive di spocchia.
    Buon we. :rosa
  33. tecerco 14 settembre 2013 ore 11:38
    caduceo: sono d'accordo con te. sembra un luogo comune, ma è la verità: parametri variano! ciao a presto. :rosa
  34. astro42 14 settembre 2013 ore 15:21
    Dai brutti dentro bisogna salvaguardarsi...ma mi chiedevo se chi lo è se ne accorge poiché ognuno ritiene giuste le proprie teorie d'agire.... :bye
  35. tecerco 14 settembre 2013 ore 18:59
    astro42: Nella vita reale, non ci sono problemi: se non ti piace qualcuno tagli e via. Nel virtuale, a volte si va alle lunghe. Ricordo una mia cara attuale amica, piuttosto preparata... che, un paio di anni fa, ebbe la pazienza di risalire alle origini di una discussione e diede il suo responso, in cui affossava con dati di fatto una certa tipetta. Io non consiglio, tuttavia, di fare una cosa del genere. Meglio andare a sensazione, ad intuito, ed evitare di entrare in discussioni altrui... :bye
  36. tecerco 19 settembre 2013 ore 00:04
    Concludo questo post. Con esso ho voluto fare un cenno al caso, raro peraltro, in cui alla bruttezza esteriore si unisce quel qualcosa nel comportamento, per cui tu puoi dire: "quella persona è da evitare!"
    Mi compiaccio con chi ha avuto la giusta intuizione ed ha allontanato da sè la persona molesta.
    Auguri comunque per la sua vita a chi si è lasciata influenzare, rimettendoci di persona.
    Grazie a tutti. :bacio
  37. fogliaa 10 novembre 2013 ore 19:53
    Molti puntano sulla bellezza, trascurando alcuni elementi essenziali, come l'intelligenza, l'ironia, la cortesia e il saper vivere.
    Sarebbe come vedere un bel piatto, la cui vista ci ci fa venire l'acquolina in bocca, ma poi assaggiando ci rendiamo conto ke è troppo salato, ancora nn perfettamente cotto......ha solo una bella confezione.

    Carina la storiella, certo l'epilogo è tipica dell'uomo ke passa la patata bollente alla moglie..... :many :many

    Buona serata

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.