Italia, svegliati!

18 marzo 2013 ore 22:48 segnala


Nell’ultimo anno l’attenzione dei media ed relativo approfondimento politico si sono incentrati sul costo della politica italiana che,pur contrastata dalla crescente ostilità dei cittadini continua, senza alcuna dignità morale, ad essere fortemente ancorata ai propri privilegi di “casta”.
La cortina di silenzio che regna intorno alle grandi manovre finanziarie è di proporzioni ciclopiche, ma sta via via alzandosi:
il salvataggio pubblico di Banca Monte Paschi di Siena;
la chiusura dei contratti derivati con Morgan Stanley;
le quote di partecipazione al Meccanismo Europeo di Stabilità, il Fiscal Compact.
Tutto ciò ha contribuito a far aumentare il debito pubblico.
Per far fronte a tali impegni, i governi succedutisi, compreso l'ultimo hanno aumentato il carico fiscale.
Il vero problema dell’Italia è come questi soldi chiesti ai soliti contribuenti, vengono poi effettivamente utilizzati ad esclusivo vantaggio dei gruppi finanziari internazionali.
Non dobbiamo quindi stupirci se i continui aumenti di tasse e tagli alla spesa per ridurre a monte il deficit pubblico, si riflettano poi a valle in un ulteriore peggioramento del rapporto debito pubblico/PIL, che è passato in un solo anno di governo Monti dal 123% al 127%. Trattandosi di un rapporto, se il denominatore tende a diminuire più rapidamente del numeratore, il risultato finale nel complesso non può che aumentare.
Il problema dell’Italia quindi, non sono solo gli sprechi, la corruzione della politica, gli abusi (fenomeni questi devianti e distorsivi che vanno comunque aspramente combattuti), ma di fondamentale rilevanza è che la politica italiana non ha più gli indispensabili strumenti fiscali e monetari, per agire attivamente nell’economia e invertire il declino in corso, avendo delegato tutte le proprie sovranità ad istituzioni sovranazionali come la BCE e l’Unione Europea che hanno invece le idee molto chiare su come utilizzare i poteri acquisiti: salvaguardare le rendite di investitori e speculatori, i privilegi della finanza privata, gli interessi di grandi gruppi industriali e multinazionali, anche a costo di affamare i cittadini e distruggere lo stato sociale.
Il problema dell’Italia è che, se si continua su questa strada, verranno aperte le porte ad una progressiva ma inesorabile deindustrializzazione del nostro Paese con la conseguente colonizzazione da parte dei grandi gruppi industriali e finanziari stranieri.
Nei primi giorni di questa legislatura, il dibattito tra le forze politiche si va accendendo.
Il Movimento 5 stelle continua il suo martellare su quelli che, nel Palazzo vengono definiti "costi della politica", mentre noi cittadini li chiamiamo con il loro vero nome: "i privilegi della casta". Perciò, dopo aver chiesto al Pd di rinunciare ai 45 milioni del rimborso elettorale, ora chiede agli eletti del Pd di dimezzarsi lo stipendio e le indennità parlamentari. Nessuno, a cominciare da Grillo, si aspetta un si. Io credo che i parlamentari tutti che si sono insediati in Parlamento, dovrebbero riflettere su quanto ci costano ed anche sul singolare gesto di papa Francesco il quale, appena eletto, è andato a pagare il conto dell'albergo. Di tasca sua.

TC :cuore
2f8dea97-6d05-4eaa-83a1-508536ac2cd5
« immagine » Nell’ultimo anno l’attenzione dei media ed relativo approfondimento politico si sono incentrati sul costo della politica italiana che,pur contrastata dalla crescente ostilità dei cittadini continua, senza alcuna dignità morale, ad essere fortemente ancorata ai propri privilegi di “ca...
Post
18/03/2013 22:48:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    22

Commenti

  1. dealma 18 marzo 2013 ore 23:00
    "di fondamentale rilevanza è che la politica italiana non ha più gli indispensabili strumenti fiscali e monetari, per agire attivamente nell’economia e invertire il declino in corso, avendo delegato tutte le proprie sovranità ad istituzioni sovranazionali come la BCE e l’Unione Europea che hanno invece le idee molto chiare su come utilizzare i poteri acquisiti".
    E' questo il vero problema, ma non c'è alcun tipo di informazione di massa su queste questioni di primaria importanza.
    Bellissimo post
  2. Alanya 19 marzo 2013 ore 00:54
    Purtroppo l'italia è in mani di potenti che hanno il controllo dell'intera economia, e che fanno il buono e il cattivo tempo.
    Ci stanno schiacciando per arrivare a degli obiettivi a monte segreti.
    Questo mondo è tutta una bugia globale.
  3. rivolUZI.ONE 19 marzo 2013 ore 00:55
    "La cortina di silenzio che regna intorno alle grandi manovre finanziarie è di proporzioni ciclopiche"

    20 MILIARDI di euro per il tunnel in Val Di Susa


    " avendo delegato tutte le proprie sovranità ad istituzioni sovranazionali come la BCE e l’Unione Europea che hanno invece le idee molto chiare su come utilizzare i poteri acquisiti"

    E il problema è che continueranno a farlo.
    Perchè come dici i loro "privilegi di casta" continueranno ad averli.

    Bravo.
  4. idiosyncrasy 19 marzo 2013 ore 01:13
    credo che la maggior parte degli italiani abbia compreso la situazione, ma, come giustamente affermi, c'è ancora chi abusa e ruba in modo vergognoso.
    condivido il tuo pensiero tc.
    ciao
    :rosa
  5. Evelin64 19 marzo 2013 ore 07:06
    ehm...fate un Referendum, come gli Svizzeri, per far abbassare il tetto degli introiti a coloro che occupano un posto statale :-) ...ma la Svizzera ha un'altra politica, un'altra mentalità a partire dagli Svizzeri stessi, per cui ovviamente i cittadini hanno votato SI' !! :-)
    Vedi TC, secondo me in Italia non è solo lo spreco dei potenti a prosciugare le tasche degli Italiani, ma tutta quanta la mentalità, permettimi, un po' retrograda, a far si che non si riesca a far comprendere che i tagli andrebbero fatti li' dove lo spreco sussiste e non tassare i lavoratori...per quest'ultimi vi sono già i problemi con un Euro debole, ahime' :-(
    Bonjourrrrrr...Evelin :bye
  6. albaincontro 19 marzo 2013 ore 09:18
    Fra l'altro si potrebbe cominciare con il chiudere gli enti inutili,nati per motivi di clientela,di voti di scambio.
  7. didi71 19 marzo 2013 ore 12:02
    io me trasferisco in svizzera :ok però prima devo di' 'na cosa!

    questo è il primo stroxZx della lista!!

    ps.nun me censura' pe' lo stroxxxx che vengo a roma co' 'na bomba così co 'na fava 2 piccioni :clava
    tatatuatebacia
  8. Aljsja 19 marzo 2013 ore 14:32
    decisamente un bel post, speriamo che l'esempio di Francesco Primo possa smuovere le coscienze della casta, ma ho il presentimento che non sarà così...perché dietro la casta ci sono i vampiri che non hanno nessuna intenzione di mettersi a dieta e una volta spolpati ben benino (compresa la casta) sai dove andranno a mangiare? Si proprio lì dove c'è tanto sangue da succhiare.....
    Svegliarsi, si sarebbe ora, anziché continuare con le propagande politiche che non portano a nulla di fatto. :rosa
  9. gattina1950 19 marzo 2013 ore 17:41
    Bello il tuo post, vere le cose che dici, abbiamo votato per il referendum contro i finanziamenti ai partiti, lo abbiamo vinto e cosa hanno fatto....si sono fatti una legge per continuare a prenderli.
    Io non so cosa potremmo fare, ma è umiliante guardare anche così, vedere questo scempio di soldi, vedere che a pagare siamo sempre i soliti, e come hai messo nell'immagine chi crea il debito guadagna assai di più.
    Ciao tecerco. :rosa
  10. malenaRM 19 marzo 2013 ore 22:59
    Resta il fatto che il potere metastatizza ed ingloba nelle proprie maglie anche chi parte con principi onesti.
    Penso che: la casta non rinuncerà ai privilegi che gli italiani avevano già deciso di eliminare; il potere decisionale economico del nostro paese è di fatto nullo; chi ha fatto di tutto per raggiungere una posizione che gli consenta il vantaggio di poterne usufruire gratis, mai e poi mai si pagherà l'albergo, ma anzi ci inviterà anche parenti, amici e conoscenti.
    Papa o non papa.
    Abbiamo la classe politica che ci siamo meritati?
    Ognuno di noi pensa di no, ma qualche responsabilità l'abbiamo anche noi che li abbiamo eletti.
    Gran bel post, TC.
  11. Evelin64 20 marzo 2013 ore 07:05
    :neteye :neteye ....che s'è svegliata l'Italia? :ronf
    No eh...vabbè, fatemi sapere .... :hihi
    La confedetatachesiportaanchel'altraTata 0:-) Evelin
  12. Edelvais63 20 marzo 2013 ore 22:28
    :bye buona serata Tec...
  13. DemiMoore68 22 marzo 2013 ore 13:50
    Ciao tecerco....
    Un Caro Saluto:)) :rosa :rosa :bye
  14. Evelin64 23 marzo 2013 ore 14:25
    TC....e mo' che facessero quello che dice il Bersani tuo :ok :-)))
    ehm...si dice facessero no? o faccino? o facesseranno? boh....delucidami pliiiiis 0:-)
  15. tecerco 23 marzo 2013 ore 14:38
    Evelin64: Bersani? Italiano si! Mio no!, eve cara...Cri...Cri ;-)
  16. Evelin64 23 marzo 2013 ore 14:43
    'nzomma...ora dovete parlare come il Bersani pe' farvi capire dagli Svizzeri? :hihi Lo facessero gli altri TC...tu sei al di sopra...Bersani è un alberghetto...tu a 5 stelle !! 0:-)
    La confedetatacricricomel'alatratata x:-)
  17. tecerco 23 marzo 2013 ore 14:50
    Evelin64: Ebbrava, con l'appoggio confederato della confedetata e della tata, annamo sicuramente lontano! Dove, lo decidiamo nel durante....
    'ntanto me vado a sorbettare un coffee :bacio
  18. Evelin64 23 marzo 2013 ore 14:53
    uff...mai che ci sia n'invito per me....che ingiustizia pero'... :-(

    Tu discrimini TC...essi', solo perchè so' piccola e confederata ecco !! :-(
  19. Niky.09 23 marzo 2013 ore 23:06
    Sono completamente d'accordo! Complimenti un post favoloso!
    Un abbraccio :rosa
    Fiore
  20. dolcecarrie 09 ottobre 2017 ore 16:00

    "i privilegi della casta" :bye :rosa
  21. tecerco 09 ottobre 2017 ore 16:19
    dolcecarrie: ho notato i loschi figuri che pesano ahimè sulla nostra povera Italia...grazie Cate! :rosa :rosa
  22. tecerco 09 ottobre 2017 ore 16:20
    Niky.09: Un saluto affettuoso a te, Fiorenza cara.. :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.