Romani da sette? Naaaa!!

02 febbraio 2015 ore 12:48 segnala


"Io sono romano da sette generazioni". Ogni tanto qualcuno se ne vanta. Pare che il vero cittadino indigeno sia solo quello che può dichiarare l'integrità genetica capitolina fino all'ultimo sestisavo(così in italiano si chiama il nonno del nonno del bisnonno). Questa delle sette generazioni è un'immagine che fa sempre effetto, ma se ci fermiamo a riflettere ci rendiamo conto che la frase si scontra con la logica ed il senso comune. Proviamo a fare due conti. Ogni persona ha due genitori e quattro nonni, poi ci sono otto bisnonni e, salendo ancora per l'albero genealogico, si arriva a sedici trisnonni, o arcavoli come tecnicamente si chiamano in italiano(ma a Roma nessuno userebbe mai la parola "arcavolo", anche perchè arriverebbe subito lo spiritoso pronto a precederla con un "grazie")! E ancora ci sono trentadue quadrisavi(o bisarcavoli che dir si voglia),sessantaquattro quintisavi(o quintavoli),e infine centoventotto sestisavi(altrimenti detti arcibisavoli). Totale, una tribu' di 254 persone che, secondo il presunto romano di sette generazioni, sarebbero nate tutte nella stessa città. In mezzo a loro neanche un marchigiano, un viterbese, un frascatano, una guardia svizzera. Una tesi poco credibile e anche piuttosto temibile, perchè in un'ascendenza così omogenea sarebbe inevitabile trovare parentele incestuose e consanguineità azzardate, come succedeva un tempo nelle famiglie reali. Molto meglio allora il sangue misto. Il popolo romano nacque da un incrocio tra latini,sabini,etruschi, a cui nei secoli successivi si mescolarono greci,galli,sassoni,iberici,africani e ancora molte altre etnie. Per questo conquistò il mondo! P.Piovani
Io non ho ancora fatto una indagine puntuale sui miei avi,bisavi,trisavi...ma certamente non sono romano di sette generazioni tant'è che, nel calcio tifo Lazio e Reggina. Quest'ultima, squadra di Reggio Calabria, la città dei miei genitori. Della Roma nun se ne parla proprio, dunque!! :ok

TC :cuore

P.S. Chi entra da Google, per leggere i commenti deve cliccare sul titolo del post.
7b26d26e-3ea0-4188-b01d-b198cdfb0ee6
« immagine » "Io sono romano da sette generazioni". Ogni tanto qualcuno se ne vanta. Pare che il vero cittadino indigeno sia solo quello che può dichiarare l'integrità genetica capitolina fino all'ultimo sestisavo(così in italiano si chiama il nonno del nonno del bisnonno). Questa delle sette gen...
Post
02/02/2015 12:48:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13

Commenti

  1. salyma 02 febbraio 2015 ore 19:15
    Vuoi vedè che uno degli arcavoli miei è anche l'arcavolo della Presidente della Camera, visto che portiamo lo stesso cognome....visto mai? :-))) No mi' cugino ex Colonnello dell'E.I. e che tra l'altro abita a Roma ma originario di Pontedera da due anni sta facendo ricerche araldiche per cercare le origini della nostra famiglia ......per ora è arrivato in Austria :-))) ma non vuole smettere, andrà ancora avanti!
    Comunque dalle nostre parti siamo tutti belli :-))) tanti sangui misti.......figurati da ora in poi con tutta sta gente che sta a arrivà, neri marroni gialli......come saranno belli i nostri discendenti :-)))
    Ciaoooooo
  2. julia.pink 03 febbraio 2015 ore 10:28
    ma a Roma nessuno userebbe mai la parola "arcavolo", anche perchè arriverebbe subito lo spiritoso pronto a precederla con un "grazi
    :hoho :hoho

    Ciao Gaetano :-p :bacio
  3. Edelvais63 03 febbraio 2015 ore 17:51
    Figurati a Napoli..con tutte le invasioni che abbiamo avuto..altro che mixer di generazioni :many
    Che forte sto post Tec :bacio..misto ;-)
  4. dolcecarrie 03 febbraio 2015 ore 20:32
    Molto meglio allora il sangue misto.
    Certamente... :ok condivido :-))

    Dolce serata tc :bye :fiore
  5. mannesman 04 febbraio 2015 ore 17:40
    IO non dico nulla ma anche la Sicilia non scherza per invasioni vari, ma credo io di origine Greco ahahahahaha una bella sera a chi passa da sti posti :ciao

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.