... perchè? ...

04 agosto 2004 ore 20:41 segnala
Per quale motivo litighiamo sempre?:batabox Forse è colpa mia.. penso troppo a quella cretina che sta sul culo a tutta la popolazione... (come ci godo :batayesyes ) Comunque voglio dirgli che mi dispiace, che gli voglio una marea di bene e che gli mando tanti bacini :kissy

..

03 agosto 2004 ore 17:27 segnala
mi sto perdendo.. sento che nn mi controllo più. Le miei emozioni vanno per i cavoli loro e nessuno mi conosce. E nessuno sa chi sono in realtà forse nessuno ne avrà l'onore.. :batacoppia Questo mi dispiace.. ma ho bisogno di tempo e alcune persone nn hanno molto tempo da dedicarmi.:batapiange

Solo per te

02 agosto 2004 ore 12:19 segnala
Un fiume di parole che non sanno dove andare, ruffiane come un gatto che si fa accarezzare, mi nuotano nella testa e poi mi scendono nella gola e vogliono essere sentite da una persona sola, una persona sola che le sappia capire, che sappia catturare tutto quello che hanno da dire, qualcuno che le prenda per poterle conservare, qualcuno a cui poterle dedicare. Di certo non importa quanto tempo é durato, ma é sembrato abbastanza, non hai mai pensato a quante cose abbiamo fatto e a quanto si é parlato, e a quante notti in bianco che abbiamo passato, notti di discorsi, notti di stronzate, di sesso e di rimorsi, di litigate, al sapore di birra, nutella e biscotti, di sudore, di letti bagnati e disfatti. Mi piacevi, sai, quando ridevi, mi piaceva anche il modo in cui fottevi e godevi, ma adesso é tutto lontano, finito diciamo, ho avuto un paio di storie da quando non ci sentiamo, sono ritornato alle mie vecchie convinzioni, e le donne le uso solo come svuotacoglioni, girando, parecchio arrapante, con un DJ per amico e un microfono per amante. Ma ricordo quella volta quando il meglio abbiamo dato, alla fino ero distrutto e ti ho cercato, é stato automatico, non lo capisco ancora, non avevo più pensato a te prima di allora, ed é stata quella notte che ho pensato a questo testo, non capivo il motivo, ma sentivo che farlo era giusto perchè ti sono grato di ciò che hai insegnato e di ciò che hai imparato, l’ho creato, e forse non é un granché, ma é fottutamente vero ed é solo per te....solo per te. ...solo per te. Solo per te, credimi é un fatto strano, dedichiamo, limitiamo questo brano stai attenta, non fraintendere il mio intento: non sto piangendo, sto solo riflettendo. Uso questo ritmo lento come accompagnamento al mio commento, a differenza di quei senza palle che in un componimento piangono perchè han perso la donna, o ciò che chiamano amore. Che cos’é questo amore se non uno scambio di interessi, che pone le fondamenta su una serie di compromessi, già, e tu lo sai bene che questa non é una di quelle cantilene tanto care alla nostra tradizione di italiana sfigata canzone, fatta di smielate spremute di cuore, che quelli come noi fanno solo vomitare. Quelli che hanno preso troppi calci in culo, quel tipo di calci che ti rende il cuore duro, e ti insegna a prendere senza dare, a offendere e ad usare, e poi a picchiare, ed ecco la differenza che ho notato: con te ho preso, ma ho anche dato, e così solo per te sto parlando adesso, solo per te rimo questo pezzo. ...solo per te ...solo per te. Le cose importanti sono difficili da dire, le parole le rendono stupide e piccole, e poi non sono bravo a descrivere cio che sento, specialmente su questo argomento, mi conosco e so che mi sarei dimenticato di quello che c’é stato il segno ho lasciato una cosa che di fare non mi sarei mai sognato e di cui tempo fa mi sarei vergognato, ma non capita tutti i giorni d’incontrare una tipa che ti ascolta prima di parlare, che ama quello che ami, che odia quello che odi, che non passa la vita davanti allo specchio, che non te la fai in un momento, che non gli frega del tuo aspetto ma che ti guarda dentro e che ha una faccia da gatta quando ti guarda, ma se s’incazza sa essere crudele e bastarda, che in tutto quello che fa é stilosa e originale, che se stai con lei ti fa sentire un po’ speciale, che quando si da lo fa con calore, che non scopa mai ma fa solo l’amore, così ecco il mio segno, il mio ricordo ritmato, sputato, su questo giro di basso, e qui lo lascio per ogni volta che lo vorrai sentire ed é solo per te e per chi lo sa capire
2088484
Un fiume di parole che non sanno dove andare, ruffiane come un gatto che si fa accarezzare, mi nuotano nella testa e poi mi scendono nella gola e vogliono essere sentite da una persona sola, una persona sola che le sappia capire, che sappia...
Post
02/08/2004 12:19:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

LO SAPEVATE...

29 luglio 2004 ore 18:47 segnala
:batashym L'ASTINENZA è UNA BUONA COSA MA VA APPLICATA CON MODERAZIONE :batashyf :batacoppia

buona notte farfa

27 luglio 2004 ore 23:03 segnala
:angel questa notte sognerai reami incantati mentre il vento accarezzandoti i capelli ti sussurrerà il mio nome... Gripen

DIARIO DI TENERA

27 luglio 2004 ore 15:08 segnala
qst è il diariuccio della mia galbanina... chiunque legga ste pagine è pregato di sentirsi altamente onorato altrimenti gli spacco le gambe... è severamente proibito la lettura dello stesso ai minori di 18 anni... l'uso eccessivo dello stesso può causare gravi danni cerebrali limitati nel tempo o permanenti. usare con cautela (io vi ho avvertiti) by Mike :punk