Respect

19 settembre 2017 ore 21:12 segnala
Il fumo della sigaretta disegnava strani intrecci grigi nel buio di quella stanza illuminata soltanto dai fari delle auto di passaggio che si riflettevano sui vetri dell'appartamento.
Nella penombra, sulla sua poltrona, Mr Dark ripercorreva gli ultimi anni. Non era la notte di San Silvestro quando abitualmente si fanno certi pensieri, ma lui era una persona per nulla comune.
Negli ultimi anni aveva avuto modo di frequentare diverse donne. Con alcune aveva condiviso molto della sua vita e parte della sua oscurità.
Tutte in qualche modo avevano saputo entrare nei meandri della sua mente. Chi con estrema dolcezza, chi con sensualità, chi poco a poco con pazienza, chi con intelligenza, chi con ironia, chi con astuzia, chi con arguzia. Tutte caratteristiche che aveva sempre cercato senza trovarle in un'unica persona.
Ripensava a colei che lo aveva sedotto con intelligenza, arguzia e dolcezza, che era riuscita anche ad arrivare al suo cuore di pietra e che l'aveva deluso nel profondo, dimostrandosi alla fine un'ottima bugiarda traditrice. Dopo qualche tempo era venuto in contatto con colei che tra dolcezza ed ironia l'aveva conquistato, concedendosi più volte, attirata dalla sua passionalità. Ottenuto ciò che desiderava e non aveva più da tempo, aveva mostrato la sua vera acida essenza, facendo addirittura la puritana che si scandalizza con certi doppi sensi che prima erano motivo di gioco ed ilarità tra loro.
Un'altra si era avvicinata con molto tatto, in punta di piedi, con una pazienza degna di una santa. Nonostante avesse assaggiato la sua oscurità non era fuggita, ma anzi, l'aveva condivisa con lui. Peccato avesse dimostrato che aprirsi a quel modo era cosa comune al mondo, non solo dedicata a loro due.
Poco prima del suo compleanno il caso aveva voluto che tornasse ad incrociare il cammino della persona più sensuale e sexy che avesse mai conosciuto. Acida, ironica, dolce, arguta al punto giusto. Inizialmente le aveva nascosto la sua identità, le aveva fatto capire così che aveva dato un giudizio affrettato molti anni prima. Tra loro c'era un feeling pazzesco, si capivano al volo e bastava che si guardassero negli occhi per accendere un desiderio profondo. Fuoco allo stato puro. Nonostante la loro intesa profonda aveva dovuto lasciarla andare quando la sua incoerenza l'aveva portata ad un allontanamento.
Non era trascorso nemmeno 1 mese da quell'evento quando aveva incontrato quella che lui definiva "la sua follia". Lo faceva impazzire letteralmente e lo attirava come il miele attira gli orsi. Purtroppo non era in grado di dimostrargli il suo affetto (se mai lo avesse provato) nè l'eventuale appartenenza a quello che definiva "il suo uomo".
Pensava e ripercorreva, con un cinico sorriso sulle labbra, quelle storie, quegli istanti, ricordava quelle voci, quelle risate, quei respiri e quei sospiri vissuti con tanto ardore.
Non bastava parlare la stessa lingua oppure avere le stesse note dentro per essere in sintonia. Una cosa avevano in comune quelle persone: non erano in grado di dare rispetto a colui con cui condividevano la loro intimità. Ci sarebbero stati altri incontri, altri sorrisi, altre intese...Non era sufficiente però avere tutte le caratteristiche intellettuali e fisiche che lui desiderasse. Solo colei che fosse stata in grado di dimostrargli lo stesso riguardo che lui era avvezzo dare alla propria donna (o a colei che considerava tale) avrebbe potuto avere la sua stima ed il suo amore eterno.



Aretha Franklin - Respect (Original Version)
e57151a8-626b-4ebc-94f6-e25bb9827279
Il fumo della sigaretta disegnava strani intrecci grigi nel buio di quella stanza illuminata soltanto dai fari delle auto di passaggio che si riflettevano sui vetri dell'appartamento. Nella penombra, sulla sua poltrona, Mr Dark ripercorreva gli ultimi anni. Non era la notte di San Silvestro quando...
Post
19/09/2017 21:12:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.