DISTRATTI

03 febbraio 2019 ore 17:34 segnala


Quella sera era fine settembre.
L’estate moriva. L’avrei ricordata per sempre.
Prima: gli amici, un abbraccio, uno scherzo, un disco alla radio.
Fingevo di esser serena, ma ero un cane randagio.
Qualcosa mi avrebbe cambiata dentro.
Finalmente con te, avevo il mio baricentro.

Quella sera c’era un vento che stordiva,
mi alzava la gonna e i capelli arruffava.
Ti cercai con lo sguardo. Era il primo incontro.
Fu un momento indelebile. Il nostro riscontro,
dopo tanto immaginarci su Badoo,
già pensavo di non lasciarti mai più.

Se almeno c’avessi la moto,
ti verrei a cercar fin nel vuoto,
per dirti quanto sei stronzo,
tu e la tua faccia di bronzo.



Quella sera, non lo nascondo,
mi sembrasti dolce e profondo.
Quello che scrivevi, era roba da idealisti.
Ci incontrammo alla spiaggia dei surfisti.
A volte sembravi fragile ed insicuro.
Ti chiamavo, il cavaliere oscuro.

Se almeno c’avessi la moto,
ti verrei a trovare nel vuoto.
Per dirti che sei il più stronzo.
Tu e quella faccia di bronzo.

Quella sera ti vidi con la mia amica.
Si, proprio lei, Scodalupi Nausica.
Ne sono certa, non stavate parlando,
perché tu la stavi baciando.
Poi chiudesti l’alzacristallo
e lei si occupò del tuo fallo.

Se almeno c’avessi la moto,
ti verrei a cercare nel vuoto.
Per dirti quanto sei stronzo,
tu e la tua faccia di bronzo.

Quella sera mi hai tradita, calpestata.
Non so che farmene della tua scenata.
Sono stanca di aspettarti qui sola,
non riesco più a volare fuori da quest’aiuola.
E’ vero, tu non mi hai messo le catene,
ma le mie notti non sono più serene.

Se almeno c’avessi la moto,
ti verrei a trovare nel vuoto.
Per dirti che sei il più stronzo.
Tu e quella faccia di bronzo.

Questa sera dimentica il mio cuore.
Eri la bussola, ogni mio pensiero. Sei solo un adulatore.
Ero concentrata sulle emozioni che mi regalavi.
Dov’è l’uomo che adoravo, che mi donava momenti soavi?
Non ti riconosco, ma sei davvero tu ?
Ormai siamo distratti, non mi meriti più.


© Tutti i diritti riservati.
ff155821-1299-4777-ab01-6c060ec99c0d
« immagine » Quella sera era fine settembre. L’estate finiva. L’avrei ricordata per sempre. Prima: gli amici, un abbraccio, uno scherzo, un disco alla radio. Fingevo di esser serena, ma ero un cane randagio. Qualcosa mi aveva cambiata dentro. Finalmente con te, avevo il baricentro. Quella sera c...
Post
03/02/2019 17:34:20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. vagarsenzameta 03 febbraio 2019 ore 20:19
    Ha la forza di un monologo,bellissimo.
  2. lovecinema 03 febbraio 2019 ore 21:51
    Gli uomini, tranne poche eccezioni, provano una forte simpatia per la migliore amica della propria partner. E' quasi un fatto epidermico. Se poi l'amica si chiama Nausica, nome che evoca pulsioni ancestrali, il gioco è fatto.
  3. twin.soul 03 febbraio 2019 ore 22:22
    @vagarsenzameta Ti ringrazio, spero che si riesca ad immaginare la scena anche a prescindere dalle foto. Se è così, sono soddisfatto.
  4. twin.soul 03 febbraio 2019 ore 22:27
    @lovecinema In effetti la situazione è più che scontata, lo riconosco. Ma il nome Nausica è volutamente accostato a Scodalupi per lasciare il dubbio se fosse un tradimento a cui non ci si può sottrarre.
  5. lovecinema 03 febbraio 2019 ore 22:38
    La scena si immagina, ma le foto danno un tocco in più. Sono la classica ciliegina sulla torta.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.