ERIC CLAPTON

06 giugno 2018 ore 13:49 segnala


Ho sempre amato le biografie. Dalle vicende che hanno segnato la vita di un artista, non parlo del gossip, si può spesso trovare la chiave di lettura delle sue opere. Di Eric Clapton conoscevo qualcosa, in particolare la morte orrenda del figlio, avuto con l’attrice Lory Del Santo, volato giù da un grattacielo all’età di soli quattro anni. Ma non potevo mai immaginare tutto quello che viene rivelato nel film-documentario “Life in 12 bars”



Contrariamente a tanti altri film incentrati sulla vita di un musicista, qui la musica lascia spazio al racconto, quasi una confessione psicanalitica che, andando avanti, assume i toni della tragedia. Il chitarrista bianco più famoso del mondo ebbe il primo impatto con i drammi che avrebbero contraddistinto la sua esistenza a soli nove anni, quando scoprì di essere figlio della sorella maggiore e che coloro che credeva i suoi genitori erano in realtà i suoi nonni.



Ci troviamo di fronte a chi ha scritto la storia del rock e del blues, eppure è sempre la pista emozionale a prendere il sopravvento nel corso della narrazione. Si passa dalla tormentata storia d’amore con colei che era la moglie dell’amico George Harrison, alla morte dell’anima gemella musicale, Jimi Hendrix, al tunnel dell’eroina fino al già citato dramma del figlio Conor.



La carriera musicale e la vita privata di Clapton vengono ricordate anche grazie a materiale amatoriale messo a disposizione dell’artista. Si raccontano gli inizi con i Cream e le successive collaborazioni con i più grandi del rock a cominciare dai Beatles, fino ai successi da solista. Il tutto intervallato dall’abbrutimento per la dipendenza dall’alcool e dal rapporto conflittuale con la madre con scontri ed umiliazioni indescrivibili subite anche in età adulta.



Fortuna che nel finale si vede un barlume di speranza con la sua iniziativa di creare un centro di recupero per tossicodipendenti.



La musica ha ancora bisogno di Slow Hand !
8747c8d0-0026-4146-b510-6817650e4d03
« video » Ho sempre amato le biografie. Dalle vicende che hanno segnato la vita di un artista, non parlo del gossip, si può spesso trovare la chiave di lettura delle sue opere. Di Eric Clapton conoscevo qualcosa, in particolare la morte orrenda del figlio, avuto con l’attrice Lory Del Santo, vola...
Post
06/06/2018 13:49:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. Logan02 06 giugno 2018 ore 18:31
    Grandissimo e lo e' tuttora,nonostante l'età,"slowhand,col tempo,Secondo me e' migliorata.Saluti
  2. twin.soul 06 giugno 2018 ore 21:37
    @Logan02 Concordo con te e ti ringrazio perchè mi dai l'occasione per aggiungere questa splendida "After midnight" che non aveva trovato spazio nel post.

  3. Logan02 06 giugno 2018 ore 23:24
    twin soul,amo la musica e Clapton e' uno dei miei preferiti,ottima scelta
  4. evergreen1960 19 agosto 2018 ore 01:11
    Bello il blog su Eric Clapton,bravo.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.