L’AMERICA TI USA !

27 giugno 2018 ore 13:23 segnala


Americani, un giorno pagherete:
per gli indiani nativi d’America,
per i coreani, per i vietnamiti,
per i medio orientali.
Per tutto il male che avete fatto al pianeta
mascherandovi dietro apparenti missioni umanitarie.



Per aver propagandato valori sbagliati.
Per aver diffuso uno stile di vita grottesco
e innaturale, dove la competizione
ha soppiantato l’umanità.
Per aver imposto la vostra mediocrità
che deriva dal vostro essere un paese senza Storia.



Per come avete reso il mondo
un posto più falso,
dove l’unico valore è il denaro.
Per aver aumentato il potere dei potenti,
e aver rovinato la cultura di paesi come l'Italia
con la vostra squallida decadenza!



Ma quando si arriverà a capire che l’America ci USA ?
7178fe70-0ae0-4f79-a9eb-7d4c5226d24a
« immagine » Americani, un giorno pagherete: per gli indiani nativi d’America, per i coreani, per i vietnamiti, per i medio orientali. Per tutto il male che avete fatto al pianeta mascherandovi dietro apparenti missioni umanitarie. « immagine » Per aver propagandato valori sbagliati. Per aver...
Post
27/06/2018 13:23:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. leonardo2018 27 giugno 2018 ore 22:39
    Beh, una visione un po' manichea la tua. E' tutto vero quello che hai scritto e molto altro ci sarebbe ancora da dire sulle grandi ombre degli USA, però se dovesse riscendere l'E.T. spielberghiano sulla terra e dovesse leggere il tuo post - perché no? - penserebbe che gli Usa siano il male assoluto. Invece se non ci fossero stati loro, oggi parleremmo tutti tedesco. Inoltre la loro costituzione è stata da tutti copiata, perché contiene per la prima volta le basi di una vera democrazia. Hanno centinaia di premi Nobel, noi appena una ventina. Un altro paio di cose e finisco: L'Italia culturale si è persa nel 1700, non certo per gli americani, al limite per Berlusconi… Infine, last but not least, ci hanno dato la musica country: scusa se è poco.
    Quando E.T. telefonerà a casa sarà così un po' più equilibrato.
    Bel post comunque
  2. twin.soul 27 giugno 2018 ore 23:42
    @leonardo2018 Sarebbe un discorso molto ampio, per questo mi limito a riflettere sulle tue osservazioni:

    - Gli americani non ci hanno liberato, ma ci hanno reso una loro colonia permanente da tutti i punti di vista.
    - Hanno centinaia di premi Nobel perché sono 50 stati e 325 milioni di cittadini e peraltro nessuno di essi si può definire “americano” perché gli unici veri americani li hanno sterminati da tempo (e questo vale, molto probabilmente, anche per chi ha redatto la Costituzione).
    - certamente Berlusconi ha affondato la nostra cultura, ma ti sei chiesto a chi si ispira il suo impero?
    - Adoro tutta la musica, ma della country farei volentieri a meno se questo mi potesse liberare di tutto il lavaggio del cervello pseudo culturale che ci impongono spacciando per dei capolavori delle cose mediocri che si affrettano a premiare per renderle più credibili e quindi vendibili.

    Grazie comunque per il commento.
  3. leonardo2018 28 giugno 2018 ore 08:40
    Sono d'accordo che il discorso è molto ampio e, ribadisco, Gli USA hanno grandi ombre però, per essere una colonia non siamo messi così male, siamo sempre tra le prime 6 potenze mondiali. Immagina se fossimo stati dentro il patto di Varsavia. Ricordo solo l'enorme differenza nell'89 tra le due Germanie. Per quanto riguarda i premi nobel, se togliamo la Germania e l'Inghilterra, tutti i paesi del mondo, quindi miliardi di persone, non riescono a raggiungere il numero dei premi nobel americani. E' vero che i veri americani sono stati sterminati: sono stati sterminati da noi europei. Il massacro di Sand creek fu attuato da figli di europei, se non europei essi stessi. Per non parlare dei genocidi commessi in australia, in canada, in africa e nell'america centrale e del sud. Sulla musica, De gustibus…
    Per essere precisi, non sono un filoamericano, credo però che staremmo peggio senza loro.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.