MEA CULPA ?

10 settembre 2018 ore 01:38 segnala


Il recente mea culpa recitato dal Papa in Irlanda, in merito agli innumerevoli casi di pedofilia all’interno di ambienti ecclesiastici d’oltre manica, dove ha constatato un’omertà ancora molto radicata, sa tanto di ritornello già sentito.
Certo non basterà a placare la rabbia, l’indignazione, lo smarrimento e il disgusto che si manifestano in larga parte del mondo cattolico ma anche tra i diversamente credenti, che guardano con attenzione alla figura di Bergoglio.



Non si era ancora spenta l’eco della sua condanna per lo scandalo in Pennsylvania, dove oltre 300 sacerdoti americani si sono resi protagonisti di abusi sessuali su più di mille bambini, coperti sistematicamente da vescovi che hanno insabbiato tutto per decenni.
O la risonanza per lo sconcerto causato nell’opinione pubblica in Cile per la drammatica lettera di un abusato, indirizzata proprio al Papa e pubblicata sulle pagine del New York Times quasi a voler ridicolizzare la “tolleranza zero” in tema di pedofilia, propugnata da Francesco sin dalla sua elezione. Nella lettera si accusava un grosso prelato di aver baciato in bocca e palpeggiato i genitali a ragazzi minorenni della sua comunità anche in presenza di altre persone.



“Non c’è uno straccio di prova contro di lui. Sono tutte calunnie”. E’ la frase che spingerà un cardinale americano, presidente della commissione abusi, a prendere le distanze dal pontefice. Cosa che spinse il Papa ad una imbarazzante ritrattazione quando precisò che “Non ci sono evidenze” cioè prove legali sufficienti per una condanna.
O lo scalpore per il moltiplicarsi di testimonianze sullo scandalo di altri preti predatori protetti, sempre in Cile, dall’arcivescovo con la vecchia tecnica del trasferimento e quindi dell’insabbiamento.



O lo stupore suscitato quando Bergoglio nomina vescovo un monsignore che era stato uno dei pupilli del prete-predatore Karadima. Varie testimonianze indicano proprio in lui una persona, che era fisicamente presente, quando Karadima si permetteva atteggiamenti lascivi con i ragazzi che lo circondavano. Può essere vescovo chi ha visto e taciuto? Eppure le violente contestazioni che accompagnano il suo insediamento vengono liquidate da Bergoglio come una manovra di “sinistrorsi”.



A chi non ha la memoria corta, forse tornerà in mente il gesto clamoroso di Sinead O’Connor, datato 1992, quando strappò in diretta tv la foto di Papa Giovanni Paolo II al grido “Fight the real enemy!” proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica sugli innumerevoli casi di pedofilia avvenuti nel corso di più decenni nella chiesa irlandese. (da ragazzina, era stata vittima di abusi personalmente) Gesto che pagò caro con l’emarginazione ed ottenendo come unico risultato un danno notevole alla propria carriera.

Si, una rock star contro il Vaticano !

Fino a non molti anni fa succedeva anche questo. Prima dell’avvento degli “artisti” demenziali, i personaggi del rock più dotati di senso civico e con una sensibilità più spiccata, mettevano la propria popolarità al servizio delle cause in cui credevano. Lo hanno fatto in tanti. I migliori. Nella speranza di contribuire a costruire una società più civile, più decente di questa.



Le risposte che dovranno arrivare dal Vaticano saranno decisive per la credibilità della strategia di “tolleranza zero” così tanto sbandierata. Non si può non avere il timore che si tratti solo di un atteggiamento di facciata, secondo la tradizione della chiesa cattolica. Queste risposte le attende l’opinione pubblica sia cattolica che quella laica fiduciosa nel pontificato di Francesco.

Grazie a Vauro per le vignette.
12a11ffe-e84b-466d-8b09-9c4638c25390
« immagine » Il recente mea culpa recitato dal Papa in Irlanda, in merito agli innumerevoli casi di pedofilia all’interno di ambienti ecclesiastici d’oltre manica, dove ha constatato un’omertà ancora molto radicata, sa tanto di ritornello già sentito. Certo non basterà a placare la rabbia, l’ind...
Post
10/09/2018 01:38:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. s.hela 11 settembre 2018 ore 13:57
    Un post incredibilmente realistico , sei molto bravo a scrivere .
    Sai , sara' che sono mamma e non esiste per me alcuna "tolleranza" per chi compie questi atti osceni verso i bambini , siano essi preti , vescovi e quant'altro , che siano persone normali .
    Mi spiace ma io condanno senza assoluzione per quel che penso .
    Poi Dio è buono ...non aggiungo altro.

    Un caro saluto

    Giulia :bye
  2. twin.soul 13 settembre 2018 ore 02:29
    @s.hela Già. E’vero che non siamo più ai tempi delle torture, dell’inquisizione e della caccia alle streghe, ma se uno è in cerca di motivazioni per diventare ateo, questi preti gliene danno in abbondanza, ti pare?
  3. s.hela 13 settembre 2018 ore 08:21
    @twin.soul
    Penso che al di la' dal diventare ateo , per colpa di una Chiesa (tutta) se ne salvano ben pochi , io condanno la pedofilia nei bambini in qualsiasi modo essa venga abusata . Credere in Dio , pregarlo nulla ha a che fare con questo scempio.
    Un caro saluto buona giornata .
    Grazie del pensiero .

    Giulia :ok
  4. twin.soul 13 settembre 2018 ore 12:56
    @s.hela Infatti !
    Non ho trovato conferma su Google, ma se ricordo bene era Woody Allen a dire; "Non ho niente contro Dio, ma è il suo ufficio stampa che mi preoccupa..."

    P.S. Perchè non hai accolto il mio invito a sorridere di te stessa col mio post intitolato: “a……........…..” Era chiaramente scherzoso, ironico, e poi, per quanto ti riguarda, era riferito solo al colore nero dello sfondo e non ai contenuti.
  5. s.hela 13 settembre 2018 ore 14:25
    @twin.soul
    Ho accolto il tuo invito e sono andata a leggere il post che mi hai segnalato ma non ho commentato.Certo l'ironia e' una gran bella qualità' nelle persone ad averne , invece la maggior parte è troppo seriosa .

    Un caro saluto buona giornata.
    Giulia :bye

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.