PICCOLI MIRACOLI PER IL MONDO

13 giugno 2018 ore 02:57 segnala










Lo svezzamento è ormai quasi completato.
I nostri micetti sono pronti per avventurarsi nel mondo.
Mamma gatta ha portato a termine il suo compito.
Le sono bastati appena 2 mesi.
Non gli oltre 20 anni necessari
per rendere autonomo un cucciolo di uomo.
Il palcoscenico della vita li attende.



Vi troveranno tanta cattiveria.
Gente che gli offrirà polpette avvelenate.
Altri che li abbandoneranno senza cuore.
Dovranno combattere e stare sempre in guardia!
E, per questo, si stanno già allenando….



Ma fortunatamente troveranno anche
qualcuno che li rispetta
e riusciranno a rinnovare ancora
il miracolo del ciclo della vita.
Buona fortuna!



La natura non ha bisogno dell’uomo.
E’ l’uomo che ha bisogno della natura!
834dc054-b021-4a58-8601-aadb4777af6d
« video » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » Lo svezzamento è ormai quasi completato. I nostri micetti sono pronti per avventurarsi nel mondo. Gli sono bastati appena 2 mesi, non gli oltre 20 anni necessari ad un cucciolo di uomo. Il palcoscenico della vita li atten...
Post
13/06/2018 02:57:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. leonardo2018 13 giugno 2018 ore 08:31
    Posso avvertire i topolini di strada che ci sono altri pericoli in giro, pericoli mimetizzati con faccette angeliche?
  2. twin.soul 13 giugno 2018 ore 12:29
    @leonardo2018 Ogni essere vivente è un pericolo per un'altra specie.
    Sai per quante, noi umani siamo i peggiori nemici?
  3. leonardo2018 13 giugno 2018 ore 14:24
    Beh, il mio gatto è sicuramente un pericolo per il mio pesciolino rosso (acqua), per gli uccelli (aria) e per i topi (terra). Adesso che ci penso,anche per le piante: ieri mi ha distrutto la pianta di basilico, maledizione! Non disdegna anche le mosche. Per fortuna che ha dimensioni modeste altrimenti anche il mio cane se la vedrebbe brutta.
    Noi saremo i peggiori, ma anche lui non scherza.
  4. NottediLuna.Piena 13 giugno 2018 ore 18:24
    @twin.soul @leonardo2018 In questo clima di “antagonismo tra specie”, un brano riappacificatore !

  5. leonardo2018 13 giugno 2018 ore 21:56
    Antagonismo? Niente affatto. Ha ragione sul primato degli uomini nella cattiveria, ma gli animali, purtroppo, non sono i buoni.
  6. twin.soul 13 giugno 2018 ore 22:25
    Anche per me non c’è niente da “riappacificare”. Si può benissimo avere opinioni diverse (e mi riferisco alla simpatia per i gatti che, per loro natura, non sottomettendosi a nessuno, a molti non ne ispirano, di simpatia) senza per questo ritenere questa un’offesa personale.
    Quello che è fuori discussione è che l’essere umano ha rappresentato e rappresenta un pericolo letale per tante specie animali e per tutto l’ecosistema. Laddove non è ancora riuscito a sterminare, si sta impegnando a farlo e l’aggravante è che fa tutto questo per calcolo, per interesse o addirittura per svago.
    Mai per necessità!
  7. NottediLuna.Piena 13 giugno 2018 ore 22:44
    @twin.soul @leonardo2018 L’antagonismo tra specie è un concetto dell’ecologia in base al quale [cito la Treccani) si ha un “Tipo di relazione interspecifica nella quale una o ambedue le specie in relazione subiscono un danno. Le principali relazioni antagonistiche sono antibiosi, parassitismo, predazione e competizione.”
    Ciò premesso, e senza voler proseguire ulteriormente, il mio commento mirava a collegare il brano de “La gabbianella e il gatto” (tratto dal romanzo di Sepúlveda, autore che amo molto) quale idilliaca metafora della possibile e auspicabile convivenza tra “specie” diverse (intese non solo come specie animali ma anche come individui di culture ed etnie diverse).
  8. leonardo2018 14 giugno 2018 ore 09:12
    @NottediLuna.Piena
    E' che io non ho la Treccani. Ho l'enciclopedia "I quindici" che, come si sa, si rivolgeva a ragazzi di scuola elementare, ecco perché non so nulla di antibiosi. :-(
  9. NottediLuna.Piena 14 giugno 2018 ore 13:07
    @leonardo2018 Io non l’ho mai avuta “I quindici” e invidiavo enormemente la mia amichetta che l’esponeva in bella mostra nella sua libreria!!! ...ricordo ancora i dorsi dei volumi tutti con un colore diverso e ordinati per nuance...che ricordi ...
    Vabbè ...di antibiosi niente...ma almeno qualcosa di predazione ?!? :-))) ;-)
  10. leonardo2018 14 giugno 2018 ore 14:43
    @NottediLuna.Piena
    Hanno fatto bene i tuoi a comprarti la Treccani, costava quanto un auto però ti dava soddisfazioni. I 15 invece costavano quanto un monopattino e di bello avevano la copertina e i fogli patinati, però non parlavano neanche di Garibaldi, figuriamoci se poteva parlare di Predazione. Però spiegava mirabilmente il gioco della campana: bastava un gessetto, un sasso per ogni giocatore, delle caselle disegnate per terra con numeri fino a dieci e tanta voglia di saltellare. Altro che predazione…

    Twin, perdonaci per aver imbrattato il tuo blog
  11. twin.soul 14 giugno 2018 ore 20:05
    @leonardo2018 @NottediLuna.Piena Scusatemi..... non vorrei disturbare....
  12. NottediLuna.Piena 14 giugno 2018 ore 20:20
    @twin.soul Chiedo venia...
  13. twin.soul 14 giugno 2018 ore 20:22
    @NottediLuna.Piena Scherzavo....

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.