POSSESSIVITA’ – e gelosia -

18 aprile 2019 ore 02:37 segnala
La difficoltà di tante persone ad amare i gatti, dimostra la loro incapacità di amare anche una persona senza dominarla. Preferiscono i cani che ti pendono dalle labbra e si lasciano portare al guinzaglio perché è così che vorrebbero trattare anche il partner ! Un gatto si potrà assentare per giorni, ma non si dimenticherà mai di te. E’ semplicemente libero. Ma è così difficile da accettare?



Lo stesso vale per le relazioni di coppia: unione non significa fusione ma rispetto dell’altrui individualità. La più alta forma di amore è essere capaci di amare qualcuno lasciandolo libero di essere se stesso. Non volendolo tenere sotto il proprio controllo morboso! Ma riuscendo a far crescere ed evolvere entrambi i partner, all’interno della coppia.
L’amore inteso come possessività è forse il frutto di una serie di messaggi sbagliati che giungono a noi da film, romanzi ed anche da certe fantasie ancestrali che vedono nell’essere amato una sola cosa con noi stessi. Qualcosa di fantastico da rincorrere a tutti i costi. Si crea, in questo modo, un distacco dal reale.

In una relazione sana, durevole, gratificante si dovrebbe trovare il giusto equilibrio fra il riconoscimento dell’altro e un auspicabile scambio reciproco. La peggior forma di falso amore è proprio la diffusissima possessività, spesso camuffata per gelosia che sfocia nella negazione dell’altro e della sua libertà. Ma la libertà è quella fiducia indispensabile, che permette di vivere una vita di coppia felice. Il voler controllare l’altro è il manifestarsi di una profonda insicurezza relazionale che ha origini antiche. Chi è possessivo è fragile, insicuro, e si definisce con l’altro e nell’altro.



La possessività è uno stato profondamente infantile. Ogni bimbo vuole possedere tutte le attenzioni e l’affetto della madre. Ma è patologico se questo stato si mantiene anche nella fase adulta, quando si creano legami morbosi che nulla hanno a che vedere con l’amore. La conseguenza diretta di ciò, è una sensazione di soffocamento ed oppressione che l’altro è costretto a respirare e dalla quale, ovviamente, non può che fuggire !

Certo, la fase di innamoramento un po’ somiglia alla possessività, ma è assolutamente naturale che all’inizio si abbia voglia di condividere tutto con l’altro, serve infatti a far crescere il sentimento e ad avvicinarsi e conoscersi. Il pretendere di voler mantenere questo tipo di rapporto oltre la fase dell’innamoramento determina la rottura inevitabile della relazione.

Se ami davvero qualcuno, lascialo libero!
Ti sorprenderà ritornando sempre da te, esattamente come fa un gatto.
E la soddisfazione sarà doppia, perché non l’avrai obbligato, ma ti avrà scelto!

af5c935d-e9f8-456f-83b3-2d24a3ea6067
La difficoltà di tante persone ad amare i gatti, dimostra la loro incapacità di amare anche una persona senza dominarla. Preferiscono i cani che ti pendono dalle labbra e si lasciano portare al guinzaglio perché è così che vorrebbero trattare anche il partner ! Un gatto si potrà assentare per...
Post
18/04/2019 02:37:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. crenabog 18 aprile 2019 ore 16:19
    va be' ho provato a metterti la foto del mio gatto ma niente, nè col link, nè con tutti questi cosi qui sopra per inserirla, si vede che preferisce stare sotto il letto...
  2. twin.soul 18 aprile 2019 ore 17:24
    @crenabog ahahahah anche tu amante dei gatti? Allora saprai meglio di me che non puoi decidere cosa fargli fare. Se ha deciso di stare sotto il letto…..
  3. crenabog 19 aprile 2019 ore 12:55
    ovviamente, e quando dormo sta sopra il letto. sopra me, ma era implicito eheheh (comunque se fai un salto alle foto del mio profilo lo vedi, poi mi dici se ti piace, ci ho fatto pure il post VITA COL GATTO) eheheh
  4. crenabog 22 aprile 2019 ore 14:09
    ahah il mi piace te l'ho messo lo stesso, dai

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.