PUZZLE DI PAROLE

12 agosto 2018 ore 21:14 segnala
Salvo rarissime eccezioni, sia sulla carta stampata che in televisione, ci stiamo ormai abituando ad un giornalismo d’assalto che ha come obiettivo non quello di informare lo spettatore, ma quello di impressionarlo, di shockarlo, di trasmettergli ansia, angoscia, insicurezza.
L’allarmismo è allargato anche alle previsioni meteo! Infatti arrivano a sorprendersi perfino che in estate faccia caldo o che in inverno possa nevicare!
Inoltre sembra che facciano a gara a chi parla più veloce. Quello che dicono è un dettaglio irrilevante. L’importante è inondare lo spettatore di parole.



E fanno interminabili tavole rotonde per dissertare su tutto. Il ricorso a frasi fatte e luoghi comuni è sempre più frequente. Il linguaggio dei cronisti rivela, anzitutto, esagerazione ed un uso monotono e ossessivo di poche espressioni.
Nell’aggressività verbale, nell’eccessivo uso di figure retoriche, nell’esagerata drammatizzazione, nell’ipocrisia di tutto ciò si cela il tentativo di spiazzare lo spettatore, di manipolarlo a piacimento.



Fra le vicende di cronaca e il dibattito politico, le parole utilizzate sono sempre più ricorrenti. Ecco alcune fra le espressioni usate più di frequente:
Voto di fiducia,
Bicameralismo perfetto,
Ballottaggio,
È giallo su,
Shock,
Al vaglio degli inquirenti,
Consulta,
Spread,
Bolla cinese,
Al secolo,
Italicum,
Allarme,
Lavoro,
Economia,
Impresa,
Sviluppo,
Mercato,
Crescita,
Crisi,
Disoccupazione,
Trasparenza,
Federalismo,
Criminalità,
Femminicidio,
In ginocchio,
Mette in luce,
Grido di allarme,
Non ha dato esito,
Cdm,
Cda,
Csm,



Sembra quasi un puzzle di parole. Non è difficile immaginare il notiziario di oggi composto dalle stesse identiche parole di quello di ieri, ma in ordine differente.
Ma quello che è più grave, è la pretesa di supportare le cazzate che stanno sostenendo, con presunte testimonianze di qualche sprovveduto passante che si limita a poche espressioni monosillabiche e sgrammaticate che dovrebbero rappresentare l’opinione della “maggioranza” degli italiani sull’argomento trattato !



Ti sei mai chiesto se non diffondano allarmi e complottismi a cazzo, proprio per nascondere gli allarmi e i complottismi reali?
22723ed0-b2e3-4e17-93e1-4c1dbbdf7725
Salvo rarissime eccezioni, sia sulla carta stampata che in televisione, ci stiamo ormai abituando ad un giornalismo d’assalto che ha come obiettivo non quello di informare lo spettatore, ma quello di impressionarlo, di shockarlo, di trasmettergli ansia, angoscia, insicurezza. L’allarmismo è...
Post
12/08/2018 21:14:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.