TI SOGNO OGNI NOTTE

19 dicembre 2018 ore 21:20 segnala


In pochi gli credevano, eppure Paolo era in grado di sublimare l’amore, l’attrazione fisica. Che tristezza gli mettevano quegli uomini rozzi, triviali, pedestri, che usavano il sesso come solo modo per scaricare le tensioni della giornata. Quelli che lo vedevano esclusivamente da un punto di vista materiale. Guarda che tette! Che culo che c’hai ! Famme ‘na pompa! Aggia chiavà!

Lui, invece, riusciva a crearsi delle fantasie molto articolate, ricche di particolari. Era un osservatore nato. Ad esempio: gli capitava di intravedere una giornalista che leggeva il telegiornale? Subito la analizzava dettagliatamente. Non solo da un punto di vista estetico. E magari si innamorava della sua voce. Calma, bassa, leggermente roca, che trovava estremamente sensuale. Era un tipo auditivo. Per lui, queste sfumature potevano assumere una importanza maggiore della stessa intimità.



Ed infatti anche con lei era stato capace di inventarsi una serie di appuntamenti rituali in cui le notizie che Francesca leggeva non avevano davvero nessuna importanza. Avrebbe potuto leggere qualsiasi cosa, perché l’attenzione di Paolo era tutta concentrata su mille altri dettagli che la riguardavano: le pause, gli ammiccamenti, i momenti in cui sembrava che partecipasse maggiormente alla notizia, gli sguardi rivolti al regista che doveva mandare in onda il filmato.

Ma il momento culmine era quando lei si riavviava distrattamente i capelli, quasi infastidita. Paolo la adorava. Infatti era arrivato a sognarsela ogni notte. Ormai da quasi due mesi ! Per Paolo l’innamoramento era questo, fatto di impalpabili particolari. Ma che per lui potevano diventare davvero molto significativi. Altrimenti, tanto valeva scegliersi una puttana, in tangenziale. Basta un quarto d’ora. Ti sfoghi, la paghi e tutto finisce lì. Invece fra Paolo e Francesca non sarebbe finita lì. Non doveva finire lì. Perché lui voleva incontrarla davvero. Doveva solo riuscire a scavalcare lo schermo di quel maledetto televisore.

E sarebbe stata sua, per sempre!
6719ea2c-41ab-4107-aeb9-ec601f6280eb
« video » In pochi gli credevano, eppure Paolo era in grado di sublimare l’amore, l’attrazione fisica. Che tristezza gli mettevano quegli uomini rozzi, triviali, pedestri, che usavano il sesso come solo modo per scaricare le tensioni della giornata. Quelli che lo vedevano esclusivamente da un pun...
Post
19/12/2018 21:20:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.