TINDER

02 marzo 2018 ore 00:07 segnala
Qualcuno mi ha segnalato una chat che non conoscevo: Tinder. Ho provato ad informarmi, e mi sono imbattuto in una descrizione delle presunte particolarità del sito, che vorrebbe essere scherzosa e divertente, ma che io ho trovato di una tristezza e di un conformismo agghiaccianti.



Tinder sarebbe “la app di dating online più diffusa e famosa, che consente di conoscere una donna anche il mercoledì sera, mentre guardi la Champions. Funziona in modo maledettamente semplice. Zero sforzo! Non devi stare li a pensare cosa diavolo mettere sul tuo profilo. Puoi addirittura non dare nessuna informazione su di te. Siamo già sommersi di informazioni inutili e superflue, Tinder ti offre la strabiliante possibilità di non scrivere niente. Al massimo una battuta scherzosa ed ironica.”

Queste le indicazioni rivolte ai maschietti. Alimentano quindi, il solito luogo comune che vuole che la donna sia talmente idiota da scegliere solo qualcuno che la faccia ridere e che stia lì ad aspettare di essere corteggiata come nel ‘700, perché fare il primo passo sarebbe davvero troppo indegno ed indecoroso.



Secondo il sito, l’unica informazione utile per quel che riguarda gli uomini, è quella sull'altezza, perchè molte donne sarebbero a disagio con uomini più bassi di loro.
Lo slogan è: “Basta solo qualche foto!” Limitando così la complessità di un essere umano alla sua sola immagine. “E puoi subito cominciare a scorrere le foto delle ragazze con il pollice. A sinistra se non ti interessa, a destra se è la donna della tua vita. Se anche lei ti seleziona (attenzione! Solo in base ad una foto!) e si trova nel raggio di azione prescelto, inizi a chattare. Poi passerete a whatsapp, alle telefonate vere e proprie o a Facebook. E puoi già cominciare ad immaginare i tre figli, il cane e la casa insieme.” (parole testuali, prese dal sito….!)



Sembra studiato apposta per dei decerebrati ! Emerge un affresco sulla contemporaneità più piatto della superficie di un lago ghiacciato. Quasi che si possa codificare il comportamento di due persone, invece di lasciarle libere di interagire. Il sale della vita è proprio sapere che ci possa essere, prima o poi, qualcosa o qualcuno che ci stupirà, quando meno ce lo aspettiamo!

Tinder si permette anche di suggerire i comportamenti ad entrambi i partners ad ogni step della conoscenza, dal primo “swipe” fino all’incontro fisico, rendendo tutto di una tristezza e di una prevedibilità sconcertanti. Dando ovviamente per scontato che perfino il contatto fra due anime debba avvenire distrattamente e in gran fretta. Non viene lasciato neppure uno spiraglio al libero arbitrio, alla possibilità di affermare le rispettive personalità.



Il modo di trovare l'anima gemella oggi sarà pure cambiato. “Rimorchiare” ha preso il posto di “corteggiare”, ma i sogni che si fanno mentre si è alla ricerca del partner ideale credo proprio che siano immutati: comprensione, empatia, ascolto e perché no, intesa sessuale. Riuscire a coltivare un legame vero, profondo, intenso, reale. Che ci siano sintonia ed interessi condivisi. Tutte caratteristiche che l’obbiettivo di una fotocamera non riuscirà mai ad immortalare !

Ora la domanda è capire se è la gente ad essere così limitata da uniformarsi a questi modelli di comportamento suggeriti se non imposti, oppure sia manipolata ad arte da studi di marketing finalizzati a creare virtuali supermercati umani, dove si arriverà ad ordinare una persona, forse anche a tranci !



Si assiste ad un pauroso livellamento verso il basso, dovuto alla moltitudine di coglioni, di entrambi i sessi, presenti sulle chat. Mi viene una nostalgia infinita se penso alla fine degli anni ‘90 quando mi affacciai sul web per la prima volta e mi sentivo onorato di incrociare persone di ogni angolo del globo con le quali entravo in contatto e mi arricchivo della loro compagnia.

Eppure, un consiglio utile l’ho trovato anche su questo sito: le indicazioni su come cancellarmi da Tinder.

Fatto !
2098572b-a9cc-49df-a933-bf6e699fd449
Qualcuno mi ha segnalato una chat che non conoscevo: Tinder. Ho provato ad informarmi, e mi sono imbattuto in una descrizione delle presunte particolarità del sito, che vorrebbe essere scherzosa e divertente, ma che io ho trovato di una tristezza e di un conformismo agghiaccianti. « video »...
Post
02/03/2018 00:07:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. NottediLuna.Piena 02 marzo 2018 ore 00:57
    Dipende tutto da cosa si cerca ... se l’obiettivo è quello di un incontro hot senza impegno, avendo come priorità la compatibilità estetica, questo strumento è certamente adeguato.
    Posso dire che non fa per me... ma non mi sento di demonizzarlo totalmente: anche se l’inizio della conoscenza è basato esclusivamente sull’apprezzamento dell’aspetto fisico, subito dopo si potrà passare alla chat con la quale procedere alla verifica di altri parametri di compatibilità.
    Un consiglio... meglio essere espliciti e dire il motivo reale per cui si è lì: curiosità, voglia di novità, di conoscere gente nuova, trovare una storia seria o semplicemente di "one night stand"... tutto filerà più liscio!
  2. twin.soul 02 marzo 2018 ore 18:52
    @NottediLuna.Piena Infatti la contraddizione sta proprio nel promettere incontri veloci da combinare nel tempo di un caffè (altro luogo comune sfruttato fino alla nausea……. ma è proprio obbligatorio per legge, incontrarsi davanti a un caffè?) e poi di parlare di tre figli, del cane e della casa insieme!
    E poi, sono così ostinatamente contrario di partire dalla visione delle foto, perché la mia esperienza mi dice che raramente un aspetto estetico molto curato si accompagna ad una mente riflessiva, ma si associa più facilmente ad una superficiale. Quindi una foto risulta, per chi la pensa come me, fuorviante!
    E’ un meccanismo perverso: una ragazza che si sente adulata per l’aspetto fisico, finirà per curare solo quello, perché avrà la sensazione che la sola presenza le consenta di spalancare tutte le porte, e trascurerà il suo mondo interiore che, invece, è quello più pregiato e più impegnativo da coltivare.
    Così come difficilmente una persona profonda curerà il suo look in modo maniacale. Perché ha una scala di valori differente.
    Credo proprio che siano due percorsi che non si incontrerebbero neppure all’infinito!
  3. NottediLuna.Piena 02 marzo 2018 ore 19:08
    @twin.soul Condivido...e ti confermo, per esperienza diretta, che l’inserimento di una foto nel profilo aumenta in modo esponenziale il numero dei contatti in entrata, così come, in modo inversamente proporzionale, riduce la qualità e lo spessore degli stessi...
    Segno questo che la maggior parte dei presenti su una chat (ma non solo...) ha una scala di priorità diversa dalla mia!
    Credo non resti altro che dissociarsi e seguire la propria strada, anche a costo di ridurre le eventuali possibilità di incontro...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.