S'abbenedica, don Andrea.

17 luglio 2019 ore 15:49 segnala

E’ successo di nuovo. La prima volta che mi accadde fu dopo la notizia della scomparsa di Gabriel Garcia Marquez. Senso di smarrimento e ottundimento dei sensi, ma soprattutto attacchi di silenziosa lacrimazione incessante, un pianto muto e improvviso, diluito durante tutto il giorno. Deve essere questo il modo in cui elaboro il lutto per la morte dei miei autori letterari preferiti, quelli con cui ho davvero intessuto un rapporto di amore attraverso le loro opere.
Non sono un estimatore del post luttuoso in occasione delle morti di cosiddetti vip, come genere letterario. Non me ne frega un bel niente, quasi sempre. Fino ad ora queste due sono le uniche eccezioni. E provo a ipotizzare che la cosa identica potrebbe succedere in futuro solo con altre due figure celebri, il più tardi che sia possibile.
Oggi però lo sgomento è tutto per voi, don Andrea. Vi portate via anche tante cose che non sapete. Tante responsabilità, come il mio amore per il romanzo storico, per i dettagli di vita nascosti nelle pieghe della cronaca, per l’invenzione ricamata attorno al fatto reale. Mi avete stupito col “Birraio di Preston” o “Un filo di fumo”, mi avete divertito con il “Nipote del Negus”, mi avete insegnato con “Le pecore e il pastore”, mi avete fatto sanguinare l’anima con “La presa di Makallè”… Ma chissà quante altre persone ve lo staranno dicendo. Allora vi dico un’altra cosa. Volevo che leggeste il mio primo romanzo; non dico farmi anche una piccola prefazione, ma almeno sapere che cosa ve ne pareva, dato che è scritto anche grazie ai vostri silenziosi insegnamenti. E’ un romanzo che non ho ancora terminato, forse proprio in virtù di questo sogno proibito. Ora invece è diventato un sogno impossibile, e spero di avere la forza di terminarlo. Vossia m’aiutasse. Grazie don Andrea.
8addba63-e754-4a32-91ef-ae0012cbf764
« immagine » E’ successo di nuovo. La prima volta che mi accadde fu dopo la notizia della scomparsa di Gabriel Garcia Marquez. Senso di smarrimento e ottundimento dei sensi, ma soprattutto attacchi di silenziosa lacrimazione incessante, un pianto muto e improvviso. Deve essere questo il modo in cu...
Post
17/07/2019 15:49:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. VirPaucisVerbo 18 luglio 2019 ore 08:55
    E io mi auguro che il Maestro, ovunque sia, ti sproni a finirlo il romanzo. Per te, per lui e per tutto ciò che ci ha lasciato.
  2. Un.Romanziere 18 luglio 2019 ore 09:02
    Grazie infinite a te per l'augurio.
  3. s.hela 24 luglio 2019 ore 11:39
    Complimenti per la tua scrittura.
    Bellissimo squarcio di vita.

    Giulia
  4. Un.Romanziere 24 luglio 2019 ore 13:20
    Grazie mille per i complimenti che mi onorano Giulia.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.