Le Spiagge di Inghilterra

13 novembre 2015 ore 13:15 segnala


“La realtà di una notte, e anzi neppure quella di un'intera vita umana, non significano, al tempo stesso, anche la loro più profonda verità" - Arthur Schnitzler



Ricordo bene quel giorno ma lo ricordo ora ed è ora lo devo fissare, prima che svanisca.
A questo d'altronde serve la scrittura, no? A tenere ricordo di cose che altrimenti andrebbero perdute, dal tempo sbiadite, modificate.

Giornata grigia, contorni sbiaditi, come una foto in bianco e nero ingiallita dal tempo.
Sono solo, sono in compagnia. Lui è un mio vecchio amico, ex compagno di squadra. Da un po' non ci vedevamo ma decidiamo di fare insieme questo viaggio.

Destinazione Inghilterra, spiagge. Naturalmente ci andiamo con l'aereo. Abbiamo tutto, le creme, gli asciugamani, qualche vestito e soprattutto l'uovo, il nostro bell'uovo di struzzo.

Lui, il mio amico intendo, che per comodità chiamerò Erasmo, non sembra preoccuparsene, lo maneggia con dimestichezza, probabilmente per lui non è la prima volta. Io invece ne ho timore, paura che si rompa, mi dispiacerebbe rovinare il mio uovo.

Partiamo, finalmente. Il viaggio è veloce, così lo ricordo, in realtà poco ricordo, devo avere dormito parecchio. Dormito e probabilmente russato. Sono terribile quando russo, tanto da rischiare il soffocamento da parte altrui.
C'è chi ha odiato il mio russare, c'è chi sorprendentemente lo tollera, la mia rosa.

Lei tollera molte cose di me, ci vede del buono. Speriamo sia sempre così.
Ed invece c'è chi mi odia, mi ha odiato. Beh, è normale no? Non si può mica piacere a tutti. E non si è nella stessa maniera con tutti.

Scusate, sto divagando.

Fatto sta che nel frattempo siamo arrivati a destinazione. Poca è la distanza tra aeroporto e spiagge: la spiaggia di Inghilterra.
Avete mai visto una spiaggia inglese? No?
Beh, nemmeno io prima di allora. Ve la descrivo nel miglior modo che riesco da quello che ricordo.

La spiaggia di Inghilterra la trovi al termine di una parete scoscesa, ripida, pericolosa perché resa scivolosa dell'erba che cresce sul terreno, mista alla sabbia. La spiaggia si alterna tra rocce, scogli e sabbia, poca in realtà e la fredda acqua che la lambisce diventa subito profonda, pericolosa.

Il mare è mosso e la giornata è nuvolosa, classica giornata britannica, più da ombrelli che da ombrelloni.

Non so se è stato il paesaggio, non so se mi sono distratto, non ricordo perché, fatto sta che senza volerlo "rompo il mio uovo".... No, cazzo, il mio uovo di struzzo, rotto, a pezzi.
Guardo il tuorlo, spappolato, guardo Erasmo, guardo gli altri, ognuno con il proprio uovo... Ed io più niente, solo un uovo rotto.
Mi guardano tutti con austera serietà. Mi allontano.

Cazzo, come cazzo faccio ora?
Cammino ed ecco che la fortuna mi sorride, ecco un pappagallo. Un pappagallo con un uovo. Felice lo prendo e torno forse velocemente verso la spiaggia.

Ho scritto" forse" perché veramente mi pareva di essere stato veloce ma qui, nelle spiagge di Inghilterra, probabilmente il tempo scorre più rapidamente..... Ormai le uova si sono schiuse ed è tempo di rientrare.

Non so se son tornato da solo, non ricordo dove sono atterrato. Ricordo che era buio, era freddo, c'era tristezza. O forse solo io ero triste, forse solo mi sentivo "solo".

Il caldo fresco umido delle spiagge di Inghilterra è ormai lontano, sono a casa ora, io ed il mio uovo di pappagallo.
Son partito con un uovo di struzzo e torno con uno di pappagallo, la gente mi guarda con aria ipocrita, non capisce.....

Lascio che sia così e sorrido..... Basta che siano in pochi a capire, capire me e io a capire loro.

In fondo solo io ho il mio meraviglioso uovo di pappagallo!


ad4bf302-1c80-48e8-940b-65823836ad7d
« immagine » “La realtà di una notte, e anzi neppure quella di un'intera vita umana, non significano, al tempo stesso, anche la loro più profonda verità" - Arthur Schnitzler Ricordo bene quel giorno ma lo ricordo ora ed è ora lo devo fissare, prima che svanisca. A questo d'altronde serve la s...
Post
13/11/2015 13:15:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.