Lentamente ....

02 agosto 2012 ore 23:03 segnala

E difficile cancellare le tracce profonde
che gli avvenimenti lasciano lasciano nella nostra anima.
Siamo il risultato del nostro passato, siamo
la vita stessa che ci è cresciuta dentro con i colori , profumi ....

Noi siamo il nostro passato e dimenticarlo è impresa difficle ....
Sta in noi però, scegliere se diventare uomini nuovi o ...
rimanere vecchi con i nostri anni ed i nostri ricordi.
(r.Battaglia)

..lentamente muore chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna ...
8c055203-8c2f-4dff-9a8f-2dcbbcf8f5b2
« immagine » E difficile cancellare le tracce profonde che gli avvenimenti lasciano lasciano nella nostra anima. Siamo il risultato del nostro passato, siamo la vita stessa che ci è cresciuta dentro con i colori , profumi .... Noi siamo il nostro passato e dimenticarlo è impresa difficle .... St...
Post
02/08/2012 23:03:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    19

Commenti

  1. Jasmine.78 02 agosto 2012 ore 23:08
    :rosa il passato è ciù che ci accompagna per non ricadere negli stessi errori,vivere il presente e proiettarci nel futuro....buona serata,Unposto :fiore :fiore
  2. Edelvais63 02 agosto 2012 ore 23:10
    Lentamente muore

    Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni
    giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non
    rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

    Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su
    bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,
    proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno
    sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti
    all'errore e ai sentimenti.

    Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul
    lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un
    sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
    consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi
    non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente
    chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i
    giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

    Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non
    fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli
    chiedono qualcosa che conosce.

    Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
    richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
    respirare.
    Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida
    felicità.

    (P. Neruda)


    Scusami è lunga..ma mi sembrava giusta x il post...è bellissima :bye
  3. xxAnyaxx 02 agosto 2012 ore 23:23
    :rosa :rosa :rosa :bacio
  4. VioladelCasale 02 agosto 2012 ore 23:32
    Battaglia è un grande scrittore e poeta, spesso sottovalutato, spesso dimenticato.
    Condivido: noi siamo il risultato di ciò che abbiamo vissuto sino ad oggi. Poi c'è l'adesso, il come siamo in questo momento, in questo presente. Credo capaci di viverlo, grazie alle esperienze fatte, siano state esse felici o difficili, ma da tutte indistintamente abbiamo appreso e ci siamo appresi.
    Perciò il passato dovrebbe essere una spinta verso il futuro. E' la nostra strada, un pezzo alle spalle, un pezzo davanti, che via via impariamo a tracciare.
  5. astilelibero 03 agosto 2012 ore 05:26
    :fiore .....

    quell'albero del passato che si ramifica avanti
    .....nulla va perduto anche se si crede di ricominciare sempre da capo...

    felice week end
    :fiore
    sorriso
  6. idiosyncrasy 03 agosto 2012 ore 22:45
    probabilmente dovremmo imparare ad accettare il passato e trasformarlo in esperienza per non ripeterci nelle stesse ed inconcludenti abitudini...
    :rosa
  7. Szidi 03 agosto 2012 ore 23:15



    :rosa
  8. dbDonnadb 04 agosto 2012 ore 11:05
    ...non puoi iniziare un nuovo capitolo nella tua vita se continui a rileggere l'ultimo...il passato non si puo' dimenticare, ma puo' essere d insegnamento fortificando. sono scelte di come si decide di voler VIVERE ^_^ uno splendido fine settimana
  9. dbDonnadb 05 agosto 2012 ore 11:44
  10. Torinesescic 06 agosto 2012 ore 17:56
    Dal mio post dell 8/9/2011, così tanto per fare un po' di pubblicità al mio blog: "Dopo LENTAMENTE MUORE, una poesia a effetto scritta da un’anonima poetessa ma attribuita a Pablo Neruda da una incredibile folla di persone ( tutte donne) che intasano i blog con i loro copia-incolla, facendone una bufala planetaria non inferiore a quella per esempio delle false teste di Modigliani livornesi, è la volta di LE DONNE DIFFICILI, un pezzo disgustosamente apologetico su un campione della ritrosia femminile messo su come un vero e proprio alibi da qualcuna che evidentemente non riesce a trovare un compagno..."
  11. NycteaScandiacus 07 agosto 2012 ore 11:17
    ciao, si è vero, siamo il risultato del nostro passato, ma bisogna attivarsi perchè il presente, quando passera', ci renda qualcuno del quale essere orgogliosi..ciaooooooooooooooooooo
  12. NycteaScandiacus 07 agosto 2012 ore 15:40
  13. NycteaScandiacus 07 agosto 2012 ore 15:43
  14. parnassius2 07 agosto 2012 ore 15:55
    Il passato nessuno lo può cancellare, bello o brutto che possa essere stato. Ma vivere sempre il presente e non lasciarci mai sfuggire nessuna opportunità. Il classico "Treno" che se lo perdi, non sai se ne può passare un'altro.....
    Sereno pomeriggio UnPostosullaTerra :flower
  15. a.Qa 04 luglio 2013 ore 18:02
    ..lentamente muore chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna ...

    a lamentarsi sono sempre quelli ''gli annoiati'' che non sanno che sia il vero dolore,
    quando ci sono ''eventi'' dentro di me ho imparato a lasciarli li come foto che poi ingialliscono e guardo ''oggi'' il tempo della vita è cosi breve
    che non mi va di sprecarlo...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.