PROLOGO

10 luglio 2018 ore 16:11 segnala



Nella spiaggia a est del paese c'è un'isola sulla quale sorge un gigantesco tempio con tante campane," disse la donna.
Il bambino notò che lei indossava strani abiti e che un velo le copriva i capelli. Non l'aveva mai vista prima.
"Hai mai visto questo tempio?" gli domandò lei. "Vai fin laggiù e dimmi cosa ne pensi."
Affascinato dalla bellezza della donna, il bambino si recò nel luogo indicato. Si sedette sulla spiaggia e guardò
l'orizzonte, ma non vide null'altro se non quello che era solito vedere: il cielo azzurro e l'oceano.
Deluso, si avviò verso un gruppo di case abitate da pescatori e domandò loro di un'isola con un tempio.
"Sì, c'era, ma tanto tempo fa, quando qui vivevano i miei bisnonni," disse un vecchio pescatore. "Poi ci fu un terremoto,
e l'isola sprofondò nel mare. Eppure, anche se non possiamo più vedere l'isola, riusciamo ancora a sentire le campane
del suo tempio, quando il mare le fa ondeggiare, laggiù sul fondo."
Il bambino ritornò alla spiaggia, e aspettò di udire le campane. Vi pass tutto il pomeriggio, ma riuscì a sentire
soltanto il rumore delle onde e le strida dei gabbiani.
Quando giunse la sera, i suoi genitori andarono a prenderlo. Il mattino dopo, il bambino tornò alla spiaggia. Non poteva
credere che una donna così bella potesse raccontare delle bugie. Se un giorno lei fosse tornata, avrebbe potuto dirle di
non avere visto l'isola, ma di avere udito le campane del tempio, che rintoccavano per il movimento dell'acqua.
Così trascorsero alcuni mesi. La donna non tornò, e il ragazzino la dimenticò. Adesso era intenzionato a scoprire le
ricchezze e i tesori del tempio sommerso. Se avesse udito le campane, avrebbe potuto localizzarlo e recuperare il tesoro
nascosto.
Ormai non lo interessavano più n‚ la scuola n‚ la combriccola di amici. Si tramutò nel divertimento preferito degli altri
bambini, che solevano dire: "Lui non è più come noi. Preferisce starsene a guardare il mare, perché‚ ha paura di
perdere quando giochiamo.
E, vedendo il bambino seduto in riva al mare, tutti ridevano.
Benché‚ non riuscisse a sentire le campane del tempio, il bambino apprendeva ogni giorno cose diverse. Si accorse che,
dopo avere ascoltato a lungo il rumore delle onde, lo sciabordio non lo distraeva più. Pass qualche tempo, e si abituò
anche alle strida dei gabbiani, al ronzio delle api, al vento che sibilava tra le palme.
Sei mesi dopo l'incontro con la donna, il bambino era ormai capace di non lasciarsi distrarre da nessun rumore. Ma le
campane del tempio sommerso non le aveva ancora udite.
Alcuni pescatori andavano a parlare con lui, e insistevano. "Noi le abbiamo sentite!" dicevano.
Ma il ragazzino continuava a non sentirle.
Qualche tempo dopo, i pescatori cambiarono tono: "Sei troppo concentrato sul suono delle campane laggiù. Lascia
perdere, e torna a giocare con i tuoi amici. Forse soltanto i pescatori riescono a sentirle."
Dopo quasi un anno, il bambino si disse: "Forse hanno ragione loro. É meglio crescere, diventare pescatore e tornare
tutte le mattine su questa spiaggia, perché‚ ho cominciato ad amarla." E pensò anche: "Forse è soltanto una leggenda.
Con il terremoto le campane si sono spaccate e non rintoccheranno mai più."
Quel pomeriggio decise di tornare a casa.
Si avvicinò al oceano, per congedarsi. Guardò ancora una volta lo spettacolo della Natura, e allora, siccome non era
più concentrato sulle campane, poté sorridere al canto dei gabbiani, al rumore del mare, al vento che sibilava tra le
palme. Sentìì in lontananza la voce dei suoi amici che giocavano, e si rallegrò al pensiero che ben presto sarebbe
tornato ai giochi dell'infanzia.
Il bambino era contento. E, come soltanto un bambino sa fare, ringrazi di essere vivo. Sapeva di non avere perduto il
proprio tempo, poiché‚ aveva appreso a contemplare e a rispettare la Natura.
A quel punto, sentendo il mare, i gabbiani, il vento, le foglie delle palme e le voci degli amici che giocavano, udìì
anche la prima campana.
E un'altra.
E poi un'altra ancora, finché‚ tutte le campane del tempio sommerso rintoccarono, riempiendolo di gioia.
Anni dopo, ormai adulto, ritornò al paese e alla spiaggia dell'infanzia. Non voleva più recuperare alcun tesoro in fondo
al mare: forse era stato solo un frutto della sua fantasia, forse non aveva mai udito le campane sommerse in quel
lontano pomeriggio della sua infanzia. Decise comunque di passeggiare sulla spiaggia, per ascoltare il rumore del vento
e le strida dei gabbiani.
Fu profondamente sorpreso nel vedere, seduta sulla sabbia, la donna che gli aveva parlato dell'isola con il tempio.
"Che cosa fai qui?" le domandò.
"Aspettavo te," rispose lei.
Lui notò che, sebbene fossero passati tanti anni, la donna aveva ancora lo stesso aspetto: il velo che le copriva i capelli
non sembrava affatto sgualcito dal tempo.
Lei gli porse un quaderno azzurro, con le pagine bianche.
"Scrivi: 'Un guerriero della luce presta attenzione agli occhi di un bambino. Perché‚ quegli occhi sanno vedere il mondo
senza amarezza. Quando desidera sapere se chi sta al suo fianco è degno di fiducia, cerca di vedere la maniera in cui lo
guarda un bambino."
"Che cos'è un guerriero della luce?"
"Credo che tu lo sappia," rispose lei, sorridendo. "È colui che è capace di comprendere il miracolo della vita, di lottare
fino alla fine per qualcosa in cui crede, e di sentire allora le campane che il mare fa rintoccare nel suo letto."
Lui non si era mai ritenuto un guerriero della luce. La donna parve indovinare il suo pensiero: "Di questo sono capaci
tutti. E nessuno ritiene di essere un guerriero della luce, benché‚ in effetti lo sia."
Lui guardò le pagine del quaderno. La donna sorrise di nuovo
"Scrivi," disse lei infine.

Dal "Manuale del guerriero della Luce" - P.Coelho
55ef857b-bafa-4824-8e89-178a7e8ab751
Nella spiaggia a est del paese c'è un'isola sulla quale sorge un gigantesco tempio con tante campane," disse la donna. Il bambino notò che lei indossava strani abiti e che un velo le copriva i capelli. Non l'aveva mai vista prima. "Hai mai visto questo tempio?" gli domandò lei. "Vai fin laggiù e...
Post
10/07/2018 16:11:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. 60oSTOPo09 17 luglio 2018 ore 09:09
    …. La natura ci purifica!

    Il mare ci innonda i pensieri portando via la negativitá, riordina tutto e lascia solo serenitá…! E solo in quel modo si riescono a vedere le cose fondamentali di noi e di cosa ci circonda… !
    Le cose inutile perdono importanza….si cominica a vedere davvero, non con gli occhi, ma col anima!

    Quante volte… quante ore ho passato sulla spiaggia, non per farmi il bagno! non per abbronzarmi ! non per divertirmi!
    Ma per purificarmi… fissando l`orizzonte! Ascoltando il suono delle onde…!
    Cercavo me stessa, e mi trovavo sempre!
    E mi emoziono… Quest`emozione io la chiamo la vera felicitá!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.