.

16 settembre 2018 ore 16:34 segnala
Perdonami @zanzo94 se dopo l'entusiasmo che il post che avevo copiato da @penadimorte666 ha suscitato dentro tè ,scoprendo che non era farina del mio sacco ti ha provocato l'attacco d'ira,ma a mia difesa ho ancora quella regoletta dei blog che non è ricordata mai da nessuna piattaforma,e cioè che il blog principalmente serve perché i post che contiene hanno un senso per chi li scrive prima,e se poi non lasciano un segno per i lettori malcapitati,beh………………….,ci sono i libri di carta per vivere emozioni intense,scritti da autori certificati e internazionalmente riconosciuti.
Qua….e solo fango e detriti di MIPIACE che scorrono e vanno via nel nulla.



Antony Yarranton La Lamp

.

16 settembre 2018 ore 14:46 segnala
Hai ragione a dirmi che non ho alcun diritto e nessuna conoscenza specifica per criticare le alte sfere e chi sta al di sopra dei dogmi ma quegli scritti se hanno trovato un posto qui lo hanno trovato dovuti alla mia ancora ingenua credenza che un giorno a leggerli e confutarli sarebbe (o fosse ?)passato il diretto interessato.
Infantile,lo so,troppo infantile,ma è umano che poi ogni cosa prima o poi trova il suo termine.

.

16 settembre 2018 ore 13:12 segnala

La bella sperduta nel bosco perseguitata da tutte le manifestazioni della jella :hell giunta proprio al precipizio della disperazione stava per commettere l'atto estremo di aprire il suo blog per versarci dentro tutte le lacrime e la disperazione ;-( quando per caso ad incuriosirla sboccia all'ombra dell'albero della vita un corpo inerte che lievita a metà aria :nono1 .
Hmm,che strano pensa lei,sarà un mago? :batahalloween Si avvicina e puntando la torcia che le aveva prestato un ferramenta poco prima che si perdesse scopre con meraviglia e timore che altri non è che il Rocco nazionale :slurp .Allora Rocco si sveglia dal sonno fatato e la donzella jellata gli chiede con stupore "ma come fai a star a mezz'aria?" e Rocco fa "Non vedi che dormo a pancia in giù e c'è il piedistallo a tenermi sospeso?",allora sposta la torcia e......Ah! :scream dice la donzella,ma Rocco la interrompe e la interroga "ma perché giri nel bosco dei disperati?
Perché sono perseguitata dalla jella. :pipistrello
Allora Rocco le dice "senti,hai due alternative,star con me ed io col mio mestiere scaccio via tutta la jella :coppia oppure continuare a girare per cercare @vagarsenzamazza che coi scritti e le poesiole ti tenta di esorcizzare :amen ….la donzella ci pensa un po' su e decide di star con Rocco,ma sapendo bene di quali armi era in possesso Rocco gli fa "e se mi viè la panza?" e Rocco la rassicura "nde preoccupà,se te viè la panza scrivi a @vagarsenzamente che lui è buono e ti si sposa subito" e lei "vabbè,però dopo che me se sposa condinui a cacciamme via sta jella cjhe me perseguiita??"......si,ma per limare le corna a @vagarsenzameta :renna poi rivolgiti all'esorcista :-) .
O.K.



Diversium Momentum

Me la hanno spedita e dedicata ed io la ripibblico tale e quale,thank you :-)))
32762afe-57ad-401c-a276-71727440a149
La bella sperduta nel bosco perseguitata da tutte le manifestazioni della jella giunta proprio al precipizio della disperazione stava per commettere l'atto estremo di aprire il suo blog per versarci dentro tutte le lacrime e la disperazione quando per caso ad incuriosirla sboccia all'ombra...
Post
16/09/2018 13:12:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

.

16 settembre 2018 ore 11:39 segnala
Eh vagava vagava vagava senza fine alla ricerca di Ady ed Evy,ma non c'era nessuno,così chiese al serpente dove fossero andati perché li voleva avvisare di non mangiarne di quel frutto ed il serpente gli disse che se ne erano già andati annoiati da tutto per conto loro.
Si guardarono in faccia e pensarono all'unisono "E' passato Vasco prima di noi"

Eh? :sbong

.

16 settembre 2018 ore 09:23 segnala
Ho attaccato la jella ai ganci come un filo e ci ho steso il vento usando le chele di una aragosta così che adesso in questa calma di aria piatta io e te ci possiamo godere il sole di tutti i giorni perduti a combattere i morsi del tempo.
Purtroppo non avevamo le sdraie così abbiamo spaccato in due un cocomero e abbiamo usato le due metà per sederci. :nurse


Vi avevo detto di non toccare quel frutto :pipistrello



Ma veramente ci era stato raccomandato di non mangiarne se lei non ricorda bene 0:-)


Io ricordo tutto,io so tutto :hell


Noi non sappiamo nulla,come è possibile allora che è il frutto della conioscenza eh,su,ce lo spieghi un po? :angel



Uhff così mi costringete a cacciarvi da qui senza la scusa del frutto (scherzo :-) )


Va,beh,ce ne andiamo di nostra volontà,buon divertimento a te e quel serpentone amico tuo



Nora en Pure You make me float
5351578f-03cf-4eb1-bf0a-e8bba8a11c2c
Ho attaccato la jella ai ganci come un filo e ho steso il vento con le chele di una aragosta così che adesso in questa calma di aria piatta io e te ci possiamo godere il sole di tutti i giorni perduti a combattere i morsi del tempo. Purtroppo non avevamo le sdraie così abbiamo spaccato in due un...
Post
16/09/2018 09:23:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

.

16 settembre 2018 ore 08:57 segnala
Sprigionate parole si allungano per una disperata carezza
l'uso del loro significato rimane un mistero anche per me
pensare che la ragione del loro nascere è ben stampata sul centro
e non argineranno mai i ruscelli che alimentano i fiumi del dolore
dove la coppa è sempre in alto a brindare alla mia caduta.
Uhfff

.

14 settembre 2018 ore 06:48 segnala


Il sole allunga una cascata di fini raggi biondi legati a coda da un fiocco di cielo azzurro.
E' l'alba che illumina profili di nuvole con l'intnesità dei fili dei bulbi.
Scopppia lo spettacolo del nuovo giorno.
Mi ubriaca il profumo dei legni di finestre della vecchia soffitta.
Mi colpisce come un pugno allo stomaco il mistero del mondo mentre cammino pensoso nel piccolo corridoio dai muri stuccati di memorie.
La radiolina accesa e i poster appesi al muro segnano un canestro sul tabellone delle emozioni
mentre una poesia fa da telecronaca ai tocchi di un carboncino su un foglio telato.
Lente ombre si spostano e senza lasciare orme lungo il percorso lasciano però interrogativi sullo scopo della vita ed una scia di domande colora un pensiero di rassegnata solitudine.
E' così forte il senso dell'esserci che sfiorando con un dito un alone di pulviscolo su una mensola provo i brividi tanto è il valore anche di un solo piccolo istante della vita.
L'etrnità non può che essere di tutti,nessuno escluso,mi rassegno a questa idea.
Prendiamoci un caffè và.

@lamennulara


a3d06a71-bbb3-46ac-964d-737a6d8335bd
« immagine » Il sole allunga una cascata di fini raggi biondi legati a coda da un fiocco di cielo azzurro. E' l'alba che illumina profili di nuvole con l'intnesità dei fili dei bulbi. Scopppia lo spettacolo del nuovo giorno. Mi ubriaca il profumo dei legni di finestre della vecchia soffitta. Mi c...
Post
14/09/2018 06:48:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1

.

13 settembre 2018 ore 23:03 segnala
Due amanti leggeri dei loro stessi passi almentati dagli sguardi addolciti che si scambiano reciprocamente (ma non reciPORCAmente :ok :ok ) fuggono lontani dalla città che li ha generati e come inghiottiti dalla libertà propria degli dei si innalzano un tempio a loro stessa adorazione,ed al centro di esso una vasca esagonale che però riempiono di foglie di fico e vite e dentro cui giacendo attorcigliati tra loro sfidano gli orizzonti del mondo immaginandosi di essere Sparta ed Atene in persona.Si carezzarono la pelle anziché usar le mani per lucidare le colonne di granito e marmo che lo stato gli imponeva.
Si sussurrarono e soffiarono parole dolci sotto la fresca ombra di un albero ed una magica ambra racchiuse in cristalli il loro stesso respiro,e quando il loro tempo finì fulmini affondarono in un cratere il loro giaciglio e come fiori notturni ora la loro passione riemerge come un fiore notturno nei sogni degli stanchi viandanti che nei paraggi van cercando ristoro.
7f7f201c-211c-4f16-977c-2f44b681ebf7
Due amanti leggeri dei loro stessi passi almentati dagli sguardi addolciti che si scambiano reciprocamente (ma non reciPORCAmente :ok :ok ) fuggono lontani dalla città che li ha generati e come inghiottiti dalla libertà propria degli dei si innalzano un tempio a loro stessa adorazione,ed al centro...
Post
13/09/2018 23:03:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

.

13 settembre 2018 ore 22:39 segnala
Verrò da tè mascherato da notte plumbea per indurti in sonno e come una gabbia sentire i tuoi sogni volare come pipistrelli dentro di me.
a526675f-4384-40bb-a53b-c2cece2df498
Verrò da tè mascherato da notte plumbea per indurti in sonno e come in una gabbia sentire i tuoi sogni volare come pipistrelli dentro di me.
Post
13/09/2018 22:39:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

.

13 settembre 2018 ore 21:36 segnala
E bello alzare gli occhi come se stessimo bevendo birra a garganella e scoprire per caso che il numero delle stello in fondo è grande come le occasioni mai contate che la vita ci ha offerti da bambini.
e9211957-78ab-4e04-9bc4-2f0149694d32
E bello alzare gli occhi come se stessimo bevendo birra a garganella e scoprire per caso che il numero delle stello in fondo è grande come le occasioni mai contate che la vita ci ha offerti da bambini.
Post
13/09/2018 21:36:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment