.

14 settembre 2018 ore 06:48 segnala


Il sole allunga una cascata di fini raggi biondi legati a coda da un fiocco di cielo azzurro.
E' l'alba che illumina profili di nuvole con l'intnesità dei fili dei bulbi.
Scopppia lo spettacolo del nuovo giorno.
Mi ubriaca il profumo dei legni di finestre della vecchia soffitta.
Mi colpisce come un pugno allo stomaco il mistero del mondo mentre cammino pensoso nel piccolo corridoio dai muri stuccati di memorie.
La radiolina accesa e i poster appesi al muro segnano un canestro sul tabellone delle emozioni
mentre una poesia fa da telecronaca ai tocchi di un carboncino su un foglio telato.
Lente ombre si spostano e senza lasciare orme lungo il percorso lasciano però interrogativi sullo scopo della vita ed una scia di domande colora un pensiero di rassegnata solitudine.
E' così forte il senso dell'esserci che sfiorando con un dito un alone di pulviscolo su una mensola provo i brividi tanto è il valore anche di un solo piccolo istante della vita.
L'etrnità non può che essere di tutti,nessuno escluso,mi rassegno a questa idea.
Prendiamoci un caffè và.

@lamennulara


a3d06a71-bbb3-46ac-964d-737a6d8335bd
« immagine » Il sole allunga una cascata di fini raggi biondi legati a coda da un fiocco di cielo azzurro. E' l'alba che illumina profili di nuvole con l'intnesità dei fili dei bulbi. Scopppia lo spettacolo del nuovo giorno. Mi ubriaca il profumo dei legni di finestre della vecchia soffitta. Mi c...
Post
14/09/2018 06:48:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. vagarsenzameta 14 settembre 2018 ore 07:51
    Il sole allunga una cascata di fini raggi biondi legati a coda da un fiocco di cielo azzurro.
    E' l'alba che illumina profili di nuvole con l'intnesità dei fili dei bulbi.
    Scopppia lo spettacolo del nuovo giorno.
    Mi ubriaca il profumo dei legni di finestre della vecchia soffitta.
    Mi colpisce come un pugno allo stomaco il mistero del mondo mentre cammino pensoso nel piccolo corridoio dai muri stuccati di memorie.
    La radiolina accesa e i poster appesi al muro segnano un canestro sul tabellone delle emozioni
    mentre una poesia fa da telecronaca ai tocchi di un carboncino su un foglio telato.
    Lente ombre si spostano e senza lasciare orme lungo il percorso lasciano però interrogativi sullo scopo della vita ed una scia di domande colora un pensiero di rassegnata solitudine.
    E' così forte il senso dell'esserci che sfiorando con un dito un alone di pulviscolo su una mensola provo i brividi tanto è il valore anche di un solo piccolo istante della vita.
    L'etrnità non può che essere di tutti,nessuno escluso,mi rassegno a questa idea.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.