Baci di dama

28 febbraio 2018 ore 10:07 segnala


I baci di dama sono biscotti della tradizione pasticcera piemontese.
Due friabili cupolette alle mandorle unite da uno strato di cioccolato fondente: pressoché impossibile resistervi.
Sono perfetti come pasticcini per il tè ed esaltano, in qualunque momento della giornata, una tazza di caffè.
Vi stupirà scoprire che la ricetta per realizzarli è anche facile e veloce nella preparazione.

INTRODUZIONE

I baci di dama sono una specialità dolciaria della cucina piemontese.
Piccoli biscotti friabili e golosi costituiti da biscottini di frolla al burro e farina di mandorle, che una volta cotti vengono uniti a coppia da uno strato di cioccolato fondente fuso, come due labbra serrate in un dolcissimo bacio, appunto.

L'origine dei baci di dama risale alla metà dell’Ottocento, per quanto non sia certa la reale provenienza della ricetta.
Secondo alcune fonti si tratta di pasticcini originari della città di Tortona, secondo altre fu inventata da un cuoco di casa Savoia.
Sembra che Vittorio Emanuele II una sera avesse chiesto al cuoco un dolcetto diverso dal solito e poiché nella dispensa c’erano al momento solo mandorle, mandorle armelline (cioé le minuscole mandorle amare che costituiscono il seme interno al nocciolo di albicocca) nocciole, zucchero e burro, il pasticcere inventò per sua maestà questi biscottini.

La ricetta dei baci di dama non è difficile ma per una sicura riuscita è fondamentale seguire con scrupolosità alcune accortezze.
È importante che la temperatura del forno sia quella indicata, e cioè 140°. Altrettanto importante è rispettare scrupolosamente i tempi di riposo della pasta al freddo, soprattutto l'ora prevista in congelatore prima del passaggio in forno, altrimenti i biscotti si appiattiranno inesorabilmente, rendendo impossibile ottenere la classica forma del pasticcino finito.
I baci di dama si conservano per 1 settimana in una scatola di latta.

ESECUZIONE RICETTA: FACILE
TEMPO PREPARAZIONE: 30 MIN
TEMPO COTTURA: 15 MIN-17 MIN
TEMPO RIPOSO: 3H
PORZIONI: 8 PORZIONI

INGREDIENTI PER CIRCA 40 BISCOTTI:

• 150 g di farina 00
• 150 g di mandorle spellate
• 150 g di zucchero semolato
• 150 g di burro freddo
• cioccolato fondente qb

COME PREPARARE: BACI DI DAMA

1
Disponete le mandorle su una teglia e lasciatele tostare nel forno già caldo a 180° fino a leggera doratura.
Non dovranno brunire troppo altrimenti risulteranno amare. Fatele raffreddare e trasferitele, insieme a metà dello zucchero semolato, nel boccale di un mixer. Tritatele alla massima velocità procedendo in più riprese, per evitare che le mandorle rilascino un'eccessiva quantità del loro olio.
Dovrete ottenere una farina fine e omogenea.





2
Raccogliete il composto all'interno della ciotola della planetaria insieme alla farina, al burro a cubetti e allo zucchero restante.
Montate il gancio K e lavorate il composto a bassa velocità fino a ottenere una pasta omogenea.





3
Datele la forma di un panetto, avvolgetela nella pellicola per alimenti e ponete in frigorifero per almeno 2 ore.
Trascorso questo tempo prelevate la pasta dal frigorifero e, con le mani, formate delle palline della misura di 1 cm circa.
Disponetele a mano mano su più teglie foderate di carta forno distanziandole opportunamente.
Fatele raffreddare nel congelatore per almeno 1 ora.
Trascorso questo tempo cuocete i biscotti nel forno già caldo a 140° per 15-17 minuti.





4
Sfornateli e fateli raffreddare lasciandoli all'interno delle teglie.
Nel frattempo sciogliete il cioccolato nella maniera che preferite (a bagnomaria o nel microonde) e, aiutandovi con un cucchiaino, prelevatene una piccola quantità necessaria ad accoppiare i biscotti.
Lasciate solidificare il cioccolato e i baci di dama sono pronti da servire.



c0e903c9-c514-40b9-91da-78fd3d958e88
« immagine » I baci di dama sono biscotti della tradizione pasticcera piemontese. Due friabili cupolette alle mandorle unite da uno strato di cioccolato fondente: pressoché impossibile resistervi. Sono perfetti come pasticcini per il tè ed esaltano, in qualunque momento della giornata, una tazz...
Post
28/02/2018 10:07:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.