SFATIAMO I MITI SUL LATTE

24 luglio 2015 ore 13:49 segnala
SFATIAMO I MITI SUL LATTE

Questo decalogo è tratto da un articolo pubblicato da VegSource (qui l’originale: 10 Reasons to Ditch Dairy, 20 novembre 2010) e spiega 10 buoni motivi per smettere di consumare il latte e i suoi derivati:

1. Il prodotti caseari distruggono le ossa. I paesi del mondo in cui si beve più latte hanno PIU’ osteoporosi e fratture del bacino. Di pari passo con l’aumento del consumo di latte/latticini e di calcio aumentano anche i fattori di rischio per l’osteoporosi e le fratture ossee. Gli alti livelli di sodio e proteine animali procurano all’organismo acidosi metabolica (in pratica il sangue diventa acido). Per compensare questo, l’organismo estrae i minerali dalle ossa (tra cui il calcio, appunto) – per sfruttare il loro grande effetto alcalinizzante – e poi li elimina nell’urina. In sintesi: più latte e latticini si assumono, più si hanno perdite ossee.

2. Ci sono eccellenti fonti vegetali di calcio che non provocano acidosi metabolica; anzi, sono alcalinizzanti e aiutano la salute delle ossa. I broccoli, il cavolo, gli altri ortaggi a foglia verde, i semi di sesamo, il tahini, il tofu con aggiunta di calcio e i latti vegetali e succhi di frutta fortificat

TEORIA DELL'ESISTENZA DI DIO

23 luglio 2015 ore 09:39 segnala
TEORIA DELL'ESISTENZA DI DIO
MICHIO KAKU: Il fisico Michio Kaku sviluppa la teoria che indica l'esistenza di Dio come creatore dell'universo"

Uno degli scienziati più rispettati ora dice di aver trovato la prova dell'azione di una forza che " governa tutto".

Il fisico teorico Michio Kaku afferma di aver creato una teoria che potrebbe indicare l'esistenza di Dio . L'informazione ha creato scalpore nella comunità scientifica perché Kaku è considerato uno degli scienziati più importanti di oggi , uno dei creatori e degli sviluppatori della revoluzionaria Teoria delle stringhe.

Per raggiungere le sue conclusioni , il fisico ha utilizzato un "semi - radio primitivo di tachioni " ( particelle teoriche che sono in grado di " decollare " la materia dell'universo o il contatto di vuoto con lei , lasciando tutto libero dalle influenze dell'universo intorno a loro ) , nuova tecnologia creata nel 2005 .

Anche se la tecnologia per raggiungere le vere particelle di tachioni è ben lontano dall'essere una realtà , il semi- radio ha alcune proprietà di queste particelle teoriche , che sono in grado di creare l'effetto del reale tachyon in una scala subatomica .

Secondo Michio , viviamo in un " Matrix": "Sono arrivato alla conclusione che ci troviamo in un mondo fatto di regole create da un'intelligenza , non molto diverso del suo videogioco preferito , ovviamente , più complesso e impensabile . Analizzando il comportamento della materia a scala subatomica , colpiti dalle primitive tachioni semi- radio , un piccolo punto nello spazio per la prima volta nella storia , totalmente libero da ogni influenza dell'universo , la materia, la forza o la legge , è percepito il caos assoluto in forma inedita . Credetemi, tutto quello che fino a oggi abbiamo chiamato caso, non avrà alcun significato . Per me è chiaro che siamo in un piano governato da regole create e non determinati dalle possibilità universali " , ha detto lo scienziato .

LA COSCIENZA DEGLI ANIMALI

23 luglio 2015 ore 09:35 segnala
LA COSCIENZA DEGLI ANIMALI https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xpt1/v/t1.0-9/11202083_656547681148902_3178833948796296553_n.jpg?_nc_eui=AWj8lC2WHjQwsaytB_p9Ut4zFfEmEBL5XK_iRw&oh=89ea75bacd7913cc133e82ea3ffb67fd&oe=5648D56A
Fino all’esperimento di Joshua Plotnik, Frans de Waal e Diana Reiss, nel 2006, avevano superato il test solo le scimmie antropomorfe e cetacei come i delfini. Ed è stato un passo ulteriore negli studi che stanno portando gli scienziati a capire molto di più sulla mente degli animali, ribaltando una vecchia visione che li considerava come automi guidati solo dall’istinto. Gli etologi hanno scoperto comportamenti niente affatto automatici e che molte specie hanno una complessa vita sociale ed emotiva. Si è fatta strada l’idea che gli animali siano esseri senzienti, consci di ciò che accade attorno a loro, e coscienti di sé come individui.

Tanto che nel 2012 alcuni ricercatori si sono riuniti per stendere la “Dichiarazione di Cambridge sulla coscienza” degli animali prendendo in esame le prove a favore, prima di tutto per mammiferi e uccelli. Del resto, diversi passi nel cammino verso il riconoscimento della coscienza sono stati ormai compiuti. Andiamo per punti.


Un cebo cappuccino: nei test, imparano a scambiare denaro per cibo e sanno valutare la convenienza.
La coscienza aiuta a gestire una vita sociale complessa. Ed è presente nelle specie che mostrano empatia e aiutano gli altri membri del gruppo
EMOZIONI. Gli animali hanno emozioni e intelligenza: gli scienziati hanno visto scimmie che non abbandonano il corpo dei figli morti, o corvi, delfini e lontre che giocano per ore. «Non ci chiediamo più se un cane o uno scimpanzé sentano gioia, dolore, rabbia o gelosia. Le emozioni animali esistono, e si sono evolute per essere un “collante sociale”» sostiene Mark Bekoff, docente di ecologia alla University of Colorado (Usa), in un articolo. «Alcuni animali potrebbero avere il senso dell’umorismo o quello della meraviglia». E anche sull’intelligenza non mancano le prove: ci sono cornacchie che mettono le noci sulle strade e aspettano che le automobili le schiaccino per aprirle, scimpanzé che riescono a comunicare con gli uomini, elefanti che collaborano. Molti sanno usare strumenti e risolvere problemi nuovi, un chiaro segno di intelligenza.

Il passo cruciale è capire se oltre ad avere emozioni gli animali sono anche “coscienti” di sé. «La definizione di coscienza è complicata e ci sono diverse visioni. Se vogliamo, l’unica persona che siamo sicuri sia cosciente siamo noi stessi» estremizza Helen Proctor, responsabile scientifico della World Society for the Protection of Animals. «Ma secondo molti ricercatori ci sono prove a favore della coscienza degli animali».

Come appunto il test dello specchio: tra i mammiferi lo hanno passato scimpanzé, bonobo, orangutan, gorilla, elefanti, tursiopi e orche. Oltre agli uomini (dai 18 mesi di età in poi).

ADULTERIO. Altri comportamenti rivelano che, in molte specie, gli animali sanno bene chi sono e chi hanno intorno. In alcune scimmie il tradimento (di un maschio subordinato con una femmina che appartiene all’harem del maschio alfa) avviene di nascosto e senza urla, perché i due esemplari coinvolti sanno bene che essere scoperti avrebbe gravi conseguenze. Lo stesso vale per gli uccelli. Le ghiandaie di macchia americane sotterrano il cibo trovato: se un’altra ghiandaia le vede, cambiano nascondiglio. E aumentano le prove che in molte specie ogni individuo abbia una personalità, come tra gli scimpanzé.

PROVE BIOLOGICHE. Gli scienziati riuniti a Cambridge hanno inoltre preso in esame le basi biologiche. La Dichiarazione afferma che «gli umani non sono gli unici a possedere i substrati neurologici che generano la coscienza»; li hanno anche «gli animali non umani, includendo tutti i mammiferi e gli uccelli, e molte altre creature, inclusi i polpi». Che per esempio sanno imparare, usano “attrezzi” (come gusci di noci di cocco per fare rifugi) e giocano. I ricercatori a favore della coscienza animale sostengono che «gli uomini hanno lo stesso tipo di funzioni che possiedono altri animali. Sono prove importanti che dicono come, avendo lo stesso cervello, anche se meno complesso, gli animali siano coscienti quanto noi» afferma Proctor. Insomma abbiamo lo stesso tipo di cervello per elaborare segnali e governare comportamenti, anche se evoluto a uno stadio diverso, così come abbiamo gli stessi occhi o gli stessi recettori del dolore.

MALATTIE AUTOIMMUNI , COSA MANGIARE , COSA NON MANGIARE.

17 luglio 2015 ore 11:51 segnala
DIETA VEGANA E MALATTIE AUTOIMMUNI ""A BUON INTENDITOR""
Una dieta vegana ha chiari effetti sulla sintomatologia in pazienti affetti da malattie autoimmuni. Quelle di più frequente riscontro sono: l'artrite reumatoide, il diabete mellito di tipo I, il Morbo di Chron, la colite ulcerosa, la sclerosi multipla, il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjogren, la psoriasi, la sclerodermia, la polimiosite, le connettiviti autoimmuni e la tiroidite di Hashimoto.
Secondo Michela De Petris, medico specialista in Scienza dell’Alimentazione «attraverso un'alimentazione corretta è possibile modificare il decorso della malattia, ridurre l'intensità ed il numero dei disturbi fisici ad essa correlati, allungare i periodi di benessere, diminuire le fasi di riacutizzazione e migliorare la prognosi».
Lo Studio più accurato rivolto a valutare gli effetti della dieta sull'artrite reumatoide è stato condotto in Norvegia una ventina d’anni fa. I soggetti del gruppo in esame (27 pazienti) vennero sottoposti ad un periodo di digiuno di sette-dieci giorni, nel corso del quale si limitarono ad assumere un succo di frutta che apportava 200-300 kcal al giorno, ed al termine del quale iniziarono a seguire una dieta vegana che escludeva glutine, zucchero raffinato, agrumi, alcool, caffè, tè, sale, spezie piccanti e conservanti. Dopo alcuni mesi, il gruppo in esame passò lentamente ad una dieta latto-vegetariana per il restante periodo di osservazione (1 anno totale). Introducendo latte, latticini, e glutine a giorni alterni. I soggetti del controllo (26 pazienti) consumarono invece una comune dieta mista. Dopo quattro settimane, vennero rilevati miglioramenti significativi per quanto riguarda mobilità e tumefazione articolare, dolore, durata della rigidità mattutina, forza di prensione, e modificazioni dello stato di salute globale. Questi miglioramenti significativi vennero mantenuti nei soggetti del gruppo in esame per tutta la durata dello Studio. Il gruppo che seguì la dieta vegetariana aveva valori molto più bassi di velocità di eritrosedimentazione (VES, indice molto sensibile di infiammazione) e di Proteina C-Reattiva (PCR, indice di infiammazione).
Anche un altro studio recente ha dimostrato che una dieta vegetariana stretta, senza glutine e latte e derivati, migliora nettamente i sintomi dell’artrite reumatoide e si accompagna a una netta riduzione dell’attività anticorpale contro gli antigeni contenuti nel glutine e nel latte.
Secondo il gruppo svedese, del Karolinska Institute di Stoccolma, autore dello studio, il 40 per cento dei pazienti a dieta vegetariana stretta (senza glutine e latte), comparato con il 4 per cento del gruppo a dieta normale, mostra un significativo miglioramento dei sintomi di artrite reumatoide.
Le indicazioni alimentari della dottoressa De Petris sono: basare la propria dieta su cibi di origine vegetale (cereali, legumi, verdura, frutta, semi, noci), preferire preparazioni semplici, scegliere alimenti non conservati o troppo elaborati, consumare in abbondanza cibi ricchi di vitamine ed acidi grassi buoni; limitare il più possibile l'assunzione di acidi grassi saturi animali e di acido arachidonico (precursori di prostaglandine infiammatorie): latte, formaggi, burro, uova, carne, salumi (eliminarli completamente nelle fasi di riacutizzazione); ridurre il consumo di acidi grassi della serie omega 6 (promuovono la sintesi di acido arachidonico): olio di soia, olio di girasole, olio di mais, olio di sesamo, olio di semi vari, margarina, maionese, semi di girasole; incrementare l'uso di cibi ricchi di acidi grassi polinsaturi della serie omega 3 (riducono la sintesi di molecole infiammatorie e svolgono una potente attività antinfiammatoria): olio di lino (a crudo), semi di lino, noci, rosmarino ed origano secco, semi di zucca, fagioli di soia, portulaca, mandorle e nocciole; assumere giornalmente alimenti ad alto contenuto di vitamine antiossidanti A, C, E (contrastano l'attività dei radicali liberi che stimolano la produzione di molecole infiammatorie); utilizzare zenzero (fresco o secco in polvere) e peperoncino; preferire il consumo di cereali integrali in chicco (riso, avena, orzo, miglio, amaranto, quinoa, grano saraceno, mais) per il loro contenuto in acidi grassi polinsaturi (omega 3); ridurre l'utilizzo di alimenti ricchi di glutine (grano, farro, kamut, seitan); eliminare il più possibile prodotti contenenti zuccheri semplici (biscotti, torte, bibite zuccherate, miele, gelati, prodotti di pasticceria in genere) e imparare a cucinare dolci alternativi sostituendo latte, uova, burro e zucchero con: latti vegetali (di riso, soia, avena, mandorla), creme di nocciola, di mandorla, frutta secca, uva passa e succo di mela; raggiungere e mantenere un peso corretto (BMI compreso fra 18.5 e 24.9); eccessi alimentari stimolano la produzione di radicali liberi e promuovono l'infiammazione dei tessuti; se possibile, svolgere un'attività fisica moderata e regolare (passeggiate, nuoto, bicicletta) che consente di preservare il trofismo muscolare, mantenere la mobilità articolare e migliorare il tono dell'umore. (grazie a Michela De Petris e SSNV.it)
Stefano Momentè

Programmi in conflitto Fidanzata.7 /moglie.1

20 marzo 2013 ore 08:54 segnala
Oggetto: L'applicazione FIDANZATA 7.0 per l'applicazione MOGLIE 1.0

Attn: Programmi in conflitto


Gentile Customer care,

Un anno fa ho cambiato l'applicazione FIDANZATA 7.0 per l'applicazione MOGLIE 1.0 che ha generato subito l'applicazione BIMBO 1.0 che occupa tantissimo spazio sul disco.

Le istruzioni non dicono niente di questo fatto.

Ma ciò che più mi preoccupa è che l'applicazione MOGLIE 1.0 si autoinstalla su tutte le altre mie applicazioni e in più si lancia automaticamente quando apro un'altra applicazione fermandola.

Quindi applicazioni come: BIRRA_CON_GLI_AMICI 10.3 e CALCIO_DOMENICA 5.0 non funzionano più.

Qualche volta compare un virus che si fa chiamare SUOCERA 1.0 che blocca il sistema oppure fa si che l'applicazione MOGLIE 1.0 si comporti in modo molto preoccupante.

Vorrei disinstallare MOGLIE 1.0 e reinstallare FIDANZATA 7.0 o magari un'altra versione con prestazioni più avanzate, ma mi sembra troppo complicato e non vorrei rischiare tanto, anche perché BIMBO 1.0 mi piace molto.

Sono disperato! Aiutatemi!!!!!



RISPOSTA SOFTWARE HOUSE:

Gentile cliente,

Il suo problema è frequente tra gli utenti, ma il manuale d'istruzioni avvisava (sull'ultima pagina) che passare da FIDANZATA 7.0 a MOGLIE 1.0 comporta dei rischi (operazione sconsigliata).

- MOGLIE 1.0 non è più un'applicazione di divertimento come FIDANZATA 7.0, ma è un Sistema Operativo Completo fatto per controllare tutte le
altre applicazioni.

- Non è più possibile tornare a FIDANZATA 7.0 perché è stato cancellato definitivamente.

- Lo stesso vale per il virus SUOCERA 1.0 che comporta problemi di compatibilità con tutti i sistemi; quindi disinstallarla significa
disinstallare MOGLIE 1.0 (che tra l'altro discende da SUOCERA 1.0).

E' sempre meglio aspettare che SUOCERA 1.0 si disinstalli da sola tra qualche anno.

- Per fare funzionare meglio MOGLIE 1.0 consigliamo di acquistare i pacchetti GIOIELLI con tutte le sue versioni più costose, il pacchetto VESTITI_NUOVI, ma soltanto le ultime versioni, e VACANZE_LUSSUOSE.

- Ad ogni intervento di MOGLIE 1.0 lanciare subito SI_AMORE.EXE e HAI_RAGIONE_AMORE.EXE.



Grazie per aver scelto il nostro prodotto e Le auguriamo buon divertimento.
b3c9e5aa-921e-4741-9921-a23be17b539a
Oggetto: L'applicazione FIDANZATA 7.0 per l'applicazione MOGLIE 1.0 Attn: Programmi in conflitto Gentile Customer care, Un anno fa ho cambiato l'applicazione FIDANZATA 7.0 per l'applicazione MOGLIE 1.0 che ha generato subito l'applicazione BIMBO 1.0 che occupa tantissimo spazio sul disco. Le...
Post
20/03/2013 08:54:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

PLATONE

01 febbraio 2013 ore 08:43 segnala
http://download.viamichelin.com/images/gv/AGV1157381_1.jpg

PLATONE



Platone (ca 427-347 a.E:V.) fu un filosofo pagano. Nacque ad Atene da famiglia nobile e ricevette la classica educazione riservata ad un giovane greco di buona famiglia.
Il suo pensiero fu fortemente influenzato dal celebre filosofo e matematico Pitagora
.
Dopo aver viaggiato nel bacino Mediterraneo, e aver partecipato alla vita politica di Siracusa,città greca della Sicilia, Platone ritornò ad Atene,dove fondò L'Accademia.
Spesso descritta come la prima Università europea,L'Accademia divenne un importante centro di ricerca filosofica e matematica.

PERCHE' INTERESSARSI DI PLATONE

La filosofia di Platone ha notevolmente influenzato le convinzioni religiose di milioni di persone, tra cui molte che si professano cristiane e che erroneamente ritengono che tali convinzioni siano basate sulla Bibbia.
Predominante nel pensiero di Platone è il concetto che gli esserei umani abbiano un'anima immortale, che sopravvive alla morte del corpo fisico.
Platone nutriva un profondo interesse per la vita dopo la morte. Secondo un libro ,"L'Immoirtalita' dell'anima è uno dei temi preferiti di Platone"; egli era fermamente convinto che " l'anima sopravvive alla sua presente incarnazione per essere dovutamente ricompensata o punita"nell'aldilà, in base a ciò che l'individuo ha fatto quando era sulla terra( Body and Soul in Ancient Philosphy).
Pur avendo favorito la divulgazione del concetto di immortalità dell'anima, Platone non fu il primo a formularlo, in varie forme esso era da lungo tempo parte integrante del culti pagani , inclusi quelli Egizi e Babilonesi.


COME SI E' DIFFUSO IL PENSIERO DI PLATONE ?

Nei suoi nove secoli di attività, dal 387 a,E.V. (o Avanti Cristo), l'Accademia di Platone ebbe una grande influenza, il pensiero Platonico si diffuse nei paesi sotto il dominio greco e romano.
Il filosofo ebreo Filone di Alessandria aderì al platonismo e come lui molti ecclesiastici della cristianità. Di conseguenza, concetti filosofici e pagani, come quello dell'immortalità dell'anime,si insinuarono nelle dottrine del giudaismo e della cristianità.

"L'intera teologia cristiana si basa ,almeno in parte, sulla filosofia greca dell'epoca,principalmente sul platonismo" dice un dizionario biblico, e "alcuni pensatori cristiani...meritano l'appellativo di platonici cristiani" ( Anchor Bible Dictionary).

Cosa disse Platone

" colui che è ciascuno di noi veramente, ed è ciò che chiamiamo animaimmortale,se ne da altri dei a render conto di sé, causa per l'onesto di coraggio, per il malvagio di paura".*

*Leggi,XIII,959b trad,di A.Zadro, in Platone :Opere complete,Laterza, Roma-Bari. 2008.

Cosa dice la Bibbia

L'Anima è la persona stessa o la vita che possiede. Anche gli animali sono anime. Alla morte l'anima cessa di esistere.#
Esaminate i seguenti passi:


• "Il primo uomo Adamo divenne anima vivente" (1 Corinti 15:45)
• "Dio proseguì dicendo: Produca la terra anime viventi secondo le loro specie, animale domestico e animale che si muove e bestia selvaggia della terra" (Genesi 1:24)
• "Muoia la mia anima"(Numeri 23:10)
• "L'anima che pecca essa stessa morirà" (Ezechiele 18:4
Chiaramente la Bibbia non insegna che l'anima sopravvive alla morte del corpo fisico,. Pertanto è bene chiedersi: Le mie convinzioni si basano sulla Bibbia o sulla filosofia di Platone?

#La Bibbia insegna che i morti sono in una condizione paragonabile al sonno, in attesa della risurrezione (Ecclesiaste 9:5- Giovanni 11: da 11 a 14; Atti 24:15 )
Una presunta anima immortale, invece, non può subire la morte e non ha bisogno di essere risuscitata.


"La Nozione della sopravvivenza dell'anima dopo la morte non è prontamente rilevabile nella Bibbia"
( New Catholic Encyclopedia)

"Per la chiesa antica è significativo che non esisteva alcuna affermazione dottrinale circa l'immortalità dell'anima"(Joseph Ratzinger, Escatologia: morte e vita eterna. Cittadella editrice, Assisi, 1979, p. 146


"La credenza che l'anima continui ad esistere dopo la morte del corpo é argomento di speculazione filosofica e teologica... e di conseguenza non è espressamente insegnata in alcun punto della Sacra Scrittura
(The Jawish Encyclopedia)


Vi lascio con le parole di Gesù:


(Matteo 13:13-15) Per questo parlo loro mediante illustrazioni, perché, guardando, guardano invano, e udendo, odono invano, e non ne afferrano il significato; e in loro si adempie la profezia di Isaia, che dice: ‘Udendo, voi udrete, ma non ne afferrerete affatto il significato; e, guardando, guarderete ma non vedrete affatto. Poiché il cuore di questo popolo è divenuto ottuso, e con gli orecchi hanno udito con indifferenza, e hanno chiuso gli occhi; affinché non vedano con gli occhi e non odano con gli orecchi e non ne afferrino il significato col cuore e non si convertano, e io non li sani’.
a0f77dd0-691a-4d22-b4cd-1fc5ca6c8d06
http://download.viamichelin.com/images/gv/AGV1157381_1.jpg « immagine » PLATONE Platone (ca 427-347 a.E:V.) fu un filosofo pagano. Nacque ad Atene da famiglia nobile e ricevette la classica educazione riservata ad un giovane greco di buona famiglia. Il suo pensiero fu fortemente influenzato...
Post
01/02/2013 08:43:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

(Sr90) STRONZIO nei denti di latte dei bambini...!!!

30 gennaio 2013 ore 08:12 segnala
Fallout radioattivo: un problema preoccupante

IL QUOTIDIANO canadese Globe and Mail riferisce che, dopo gli esperimenti nucleari effettuati negli anni ’50, nei denti dei bambini venne ritrovato l’elemento chimico stronzio 90 (Sr90), un sottoprodotto delle reazioni nucleari. All’epoca si attribuì a questo fatto un aumento dei tumori infantili.Ora, a decenni di distanza, alcuni scienziati che lavorano per un ente americano che studia i problemi sanitari provocati dall’esposizione alle radiazioni (U.S. Radiation and Public Health Project) lanciano un nuovo allarme. La dott. Janet Sherman, un’internista che collabora con questo ente, spiega che “i livelli di Sr90 nei denti di latte dei bambini nati dopo il 1990 stanno raggiungendo quelli che esistevano negli anni in cui si facevano test nucleari nell’atmosfera”.
Da dove proviene lo Sr90? Alcuni scienziati ipotizzano che provenga da incidenti nucleari del passato, da radiazioni prodotte da centrali nucleari regolarmente funzionanti o dai test nucleari effettuati molti anni fa.
Qualunque ne sia l’origine, gli esseri umani assumono lo Sr90 mangiando cibi provenienti da piante contaminate e bevendo latte di mucche che hanno mangiato erba contaminata. Visto che lo Sr90 è chimicamente simile al calcio, gli esseri umani accumulano questo elemento radioattivo nelle ossa, accrescendo il rischio di cancro delle ossa e leucemia.
Il Globe esprime preoccupazione anche per la dose di radiazioni a cui saranno esposte le generazioni future. “Quando vengono estratte dal nocciolo del reattore”, spiega il quotidiano, le scorie nucleari sono “circa un milione di volte più radioattive di quando vi sono state inserite”. Si calcola che, poco dopo l’estrazione dal reattore, il combustibile irradiato è “talmente micidiale che una persona posta a un solo metro di distanza morirebbe avvelenata dalle radiazioni nel giro di un’ora”.
Con la spada di Damocle del fallout radioattivo che incombe sull’umanità, è realistico sperare in un futuro sicuro?
La Bibbia ci dice che quando la terra e le creature che la abitano furono create, tutto era “molto buono”. (Genesi 1:31) Possiamo nutrire fiducia nella promessa biblica secondo cui presto il nostro pianeta sarà un paradiso. Cibo e acqua contaminati dalle radiazioni saranno un lontano ricordo.

Leggendo queste scritture le promesse che Dio ci fa.—
Salmo 65:9-13;
Rivelazione o (Apocalisse) 21:1-4.
0a7a248c-79fc-4329-9a79-29c27c24b20a
Fallout radioattivo: un problema preoccupante IL QUOTIDIANO canadese Globe and Mail riferisce che, dopo gli esperimenti nucleari effettuati negli anni ’50, nei denti dei bambini venne ritrovato l’elemento chimico stronzio 90 (Sr90), un sottoprodotto delle reazioni nucleari. All’epoca si attribuì...
Post
30/01/2013 08:12:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Felici quelli che hanno fame e sete e di giustizia......

20 ottobre 2012 ore 10:39 segnala
Felici quelli che hanno fame e sete di giustizia, poiché saranno saziati. — Matt. 5:6.

Il mondo in cui viviamo è governato dal malvagio. (1 Giov. 5:19) In qualsiasi paese ci troviamo, se prendiamo in mano un giornale leggiamo notizie di crimini efferati e atti di violenza in misura senza precedenti. La crudeltà dell’uomo verso i propri simili affligge le persone giuste. (Eccl. 8:9)
Noi che amiamo Dio sappiamo che solo lui può soddisfare la fame e la sete spirituali di coloro che desiderano imparare la giustizia.
Presto gli empi saranno distrutti e coloro che amano la giustizia non proveranno più l’angoscia causata dalle ‘persone che sfidano la legge’ e dalle loro opere malvagie. (2 Piet. 2:7, 8)
Che sollievo si proverà allora! Perciò non perdiamoci d’animo e non sorprendiamoci se, a causa dell’oppressione e della violenza, la giustizia non esiste più in questo mondo satanico. (Eccl. 5:8)
l’Altissimo, sa quello che sta succedendo e presto libererà coloro che amano la giustizia. http://i50.tinypic.com/zmfjoh.jpg
b6282333-c4f2-47aa-91fa-4b9b6bba8ed3
Felici quelli che hanno fame e sete di giustizia, poiché saranno saziati. — Matt. 5:6. Il mondo in cui viviamo è governato dal malvagio. (1 Giov. 5:19) In qualsiasi paese ci troviamo, se prendiamo in mano un giornale leggiamo notizie di crimini efferati e atti di violenza in misura senza...
Post
20/10/2012 10:39:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Test sugli animali !

18 settembre 2012 ore 12:52 segnala


Ogni anno in Europa circa 700.000 animali vengono uccisi nei laboratori per testare la tossicità delle sostanze chimiche: costretti ad ingoiare pesticidi, vernici, colle disinfettanti; ad inalare vapori chimici, a verificare sulla propria pelle e sui propri occhi la capacità corrosiva ed irritante di questi prodotti. Tutti gli animali utilizzati muoiono: uccisi dagli effetti dannosi dei test, oppure soppressi alla fine della sperimentazione. Tutto questo per ottenere risultati inapplicabili all’uomo perché ogni specie animale risponde in modo diverso alle sostanze con cui entra in contatto, così quello che risulta innocuo per un ratto, un coniglio, un cane o perfino per una scimmia può essere nocivo per l’uomo.
Molte sostanze sperimentate sugli animali, ritenute sicure ed immesse sul mercato, si sono rivelate pericolose per l’uomo, solo per citare le più diffuse:
Amianto: il ratto si è dimostrato 300 volte meno sensibile dell’uomo all’insorgenza del cancro per inalazione delle fibre d’amianto, ma nonostante questo rimane la specie più utilizzata nei test di inalazione
Benzene: impiegato nei combustibili, nelle plastiche e nelle vernici è innocuo per il ratto mentre è altamente tossico per l’uomo
Metanolo: rende cieche le persone ma non gli animali su cui è stato sperimentato.
Oggi è possibile verificare e conoscere gli effetti reali delle sostanze chimiche sull’uomo tramite metodi alternativi alla sperimentazione animale che forniscono risultati scientificamente affidabili e realmente applicabili all’uomo.
Circa 45.000 animali ogni anno muoiono sfigurati da rossetti, intossicati da profumi, bruciati da creme e saponi. Eppure sono più di 10.000 gli ingredienti già disponibili per le aziende e molti i metodi alternativi di ricerca.
Diversi sondaggi in tutta Europa hanno dimostrato che la maggioranza delle persone non crede che sviluppare nuovi cosmetici sia una valida giustificazione per uccidere animali, nonostante ciò si continuano a commercializzare cosmetici sperimentati su animali Grazie ad una grande Campagna internazionale coordinata dalla Coalizione Europea contro la Vivisezione, abbiamo ottenuto una Direttiva Europea che prevedeva il divieto di vendita di cosmetici sperimentati su animali, a partire dal 1998. Termine posticipato prima al 2000 e poi al 2002.
La Direttiva 2003/15/CE ha sancito un nuovo allungamento dei tempi: il bando totale ai test cosmetici su animali praticati all'interno delll'UE e il divieto di commercio di cosmetici sperimentati su animali, è slittato al 2013
Fino a quella data, possiamo orientare i nostri consumi su cosmetici realizzati senza sperimentazione sugli animali, scegliendo solo dalle aziende che aderiscono allo "Standard Internazionale Non Testato su animali", l'unico riconosciuto a livello internazionale.

Il REACH

L’unione Europea dovrà emanare una normativa denominata REACH che prevede la regolamentazione delle sostanze chimiche e la verifica della tossicità di 30.000 sostanze, immesse sul mercato senza controllo e potenzialmente dannose per l’uomo. La proposta attuale ha tra i suoi obiettivi lo sviluppo dei metodi alternativi ma nella pratica prevede ancora l’utilizzo di animali, (si stima che saranno uccisi nei laboratori fino a 50 milioni di animali).
9a390f0e-ac85-4e7b-a623-57cfc3302e86
« immagine » Ogni anno in Europa circa 700.000 animali vengono uccisi nei laboratori per testare la tossicità delle sostanze chimiche: costretti ad ingoiare pesticidi, vernici, colle disinfettanti; ad inalare vapori chimici, a verificare sulla propria pelle e sui propri occhi la capacità corrosiv...
Post
18/09/2012 12:52:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2