A’ Scignitella

10 gennaio 2019 ore 16:42 segnala
Teng comm'ammore, nà bella scignitella
nun ce ne stanne uguale
e' femmene accussì belle.
E pure si me dispero, pe sta cap e' m'brella
addò a trove maje, n'ata comme a chella?
Me dice sempe:"Tu nun me pienz maje!"
ma comme, faccie carte favese
faccie cu e' mazze a' piveze
pe te venì a truvà
e tu cu quà curaggio
me dice:"Se, se o' mese e' maggio
o' juorne dò cumpleanno,
mò passe n'atu anno
e io sto sola ccà?"
Ma pò, se calma e dice,
cu voce impertinente
"O'saje comme se dice,
io te vulesse ccà.".
E tutta sta manfrina, durata ore ed ore
tu scasse piatte e vasole
e te ne jesci cu sti parole?
E piede comme e' mane,
proprio comme a na scigna
jà fa fino a dimane,
nù bagne int all'acqua suffrigna.
Ma pò, ce pens e dico:
"Ma chella è scignitella!"
mane e piede j' stess, è tene pe natura
picciò, tutta l'arraggia, allucche e a' nervatura
fernescene comme a n'incanto,
e pense a' comme è bella
sta cazz e' scignetella!

Vorrei il tuo cuore

07 gennaio 2019 ore 19:18 segnala
Vorrei il tuo cuore dentro quello mio
sol per saper chi son davvero io.
Vorrei il tuo cuore dentro il mio cervello
sol per capir perchè per te son bello.
Vorrei il tuo cuore per poterlo aprire
e sapere se mai questa storia potrà mai finire
e se mai finisse un giorno, quanto più lontano
saper il perchè oggi, io tanto t'amo.
Sei tu che sei riuscita ad aprire il cuore
di questo scaltro e cinico, arido d'amore
che nonostante tutto, la vita ha tanto dato
ma che sin' ora non avea mai capito
che esistevi tu, cuore così tanto infranto
che le ferite avean, nonostante il pianto
serbato dentro un'esplosion d'amore
da riempir il mio petto di felicità.
a86068e5-b1da-4217-b6d1-8880a49b3152
Vorrei il tuo cuore dentro quello mio sol per saper chi son davvero io. Vorrei il tuo cuore dentro il mio cervello sol per capir perchè per te son bello. Vorrei il tuo cuore per poterlo aprire e sapere se mai questa storia potrà mai finire e se mai finisse un giorno, quanto più lontano saper il...
Post
07/01/2019 19:18:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Il Cuore

07 gennaio 2019 ore 19:16 segnala
Oh quante cose questo cuore ti vorrebbe dire
ma non riesce a farlo, non può parlare.
Lui pulsa, sbatte, par quasi di scoppiare
tante sono le cose che vorrebbe dire e fare.
E' strano questo cuore, non gli puoi parlare
non ti ascolta se gli dici:"Smetti di palpitare,
non mi sembra il caso, lascia stare!"
Lui invece no, continua a palpitare
come se il suono della mia voce si spegnesse in fondo al mare.
E pulsa e sbatte, ogni volta che quest'occhi ti mirano a guardare,
o quando queste narici s'improfumano del tuo odore,
o quando queste orecchie odono la tua voce anche solo bisbigliare.
Come è strano questo cuore ... non fa nulla per amare,
rimane lì fermo, pulsa e sbatte fino a scoppiare.
083f7544-fde5-4265-9cea-0fc3295ae1bf
Oh quante cose questo cuore ti vorrebbe dire ma non riesce a farlo, non può parlare. Lui pulsa, sbatte, par quasi di scoppiare tante sono le cose che vorrebbe dire e fare. E' strano questo cuore, non gli puoi parlare non ti ascolta se gli dici:"Smetti di palpitare, non mi sembra il caso, lascia...
Post
07/01/2019 19:16:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Annarè (2)

07 gennaio 2019 ore 19:13 segnala
Trasiste chianu, chianu, comme n'alito e' viente
trase pò balcone e nun se sente.
Stu viente, se facette sempe cchiù forte
e sbacantaste tutte e' feneste e e' porte.
Dint a sta casa mò, rimang sulo
cu porte e feneste scassate e sul o' muro.
Cu sti parete bianche, fredde e sgarrupate
song rimaste m'presse immagine passate
e tutte e' suonne, e' storie ca è lassate,
ma chisti suonne, sti storie cunsumate
me song rimaste m'presse e maje lassate
dint a stu core ca maje l'ha abbandonate
cu sta voglia ca teng e' rimanè cu te
pe sempe e sule, eternamente ... Annarè.
af62709e-ffd4-44d9-bb75-f428a86cadf0
Trasiste chianu, chianu, comme n'alito e' viente trase pò balcone e nun se sente. Stu viente, se facette sempe cchiù forte e sbacantaste tutte e' feneste e e' porte. Dint a sta casa mò, rimang sulo cu porte e feneste scassate e sul o' muro. Cu sti parete bianche, fredde e sgarrupate song rimaste...
Post
07/01/2019 19:13:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Annarè (1)

07 gennaio 2019 ore 19:11 segnala
... e comme è doce o' suon e sti parole
quand te sonne, sul e pens a tte.
Comme l'auciello dint a' sta cajola
canta, svulazza e nunsaje pecchè.
Pecchè o' pensiere mio è uno sulo
o' pensiero mio si tu, Annarè!

Breve storiella di economia liberista

07 gennaio 2019 ore 19:07 segnala
Un giorno un manager finanziario, dopo un lungo viaggio di piacere, si trovò a sostare in un paese remoto dell'India, dove vivevano solo contadini.
Per passare il tempo, sparse la voce, notando che vi erano moltissime scimmie che devastavano i campi, ai contadini che avrebbe pagato 100 Rupie per ogni scimmia consegnata.
Subito, i contadini, si affrettarono per catturarle allettati dal facile guadagno.
Con l'andare del tempo, però, le scimmie da catturare diventavano sempre meno.
Allora, il Manager, raddoppiò la posta.
Quando alla fine di scimmie non se ne vedettero più, il manager partì, lasciando al suo posto un suo segretario.
Il segretario, allora, con le gabbie piene di scimmie, chiamò a raccolta i contadini e propose loro che, in cambio delle iniziali 100 rupie a scimmia, avrebbe venduto gli animali ai contadini, cosìcchè, questi al ritorno del manager, le avrebbero, a loro volta rivendute a 200 allo stesso.
Una volta vendute tutte le scimmie non si ebbe più notizia nè del Manager né del suo Segretario.
Ecco, con questa storiella vi ho spiegato, per le vie semplici e brevi, come funziona Wall Street.

Il bel Gagà di chatta

07 gennaio 2019 ore 19:05 segnala
Sono bello, sono ricco, sono il cocco di mammà,
su guardatemi donnine, sol qualcuna che la dà.
Nella chatta sono iscritto
sol per poco, ve l'ho detto,
quindi, donne, per l'occasione,
non perdete la ragione,
non create confusione,
una ad una sceglierò
solo quando una avrà
finalmente ormai capito
con che cosa Lei sarà,
dopo che avrem finito,
stata presa per le terga,
tanto quanto lo vorrà.
Chi vorrà poi, profferire
sol parole di rivalsa
che si astenga dall'ardire
di apparir di stessa salsa
di donnette bellicose,
che in mancanza di carnal sansa
s'introducano smaniose
per velar la vera voglia
a goder di grande amplesso
ma che fato crudo volle
a rinchiudersi nel cesso!