gothic

09 maggio 2018 ore 18:55 segnala


Bruciare tra le candele, senza che nessuno mi senta,
Scoppiare nel cielo e mangiare una nuvola…
La voce assordante di tutte le poesie che ho scritto,
E un cuore su una spiaggia che ondeggia nel vento invernale.

Riesco a vedere una stanza che contiene l’estate,
Il calore di Giugno gelarsi sul viso del sole
Sotto il diadema di stelle che indossa questa sera di pioggia

Metteremo la punta d’un scoglio sul mare
Per poterlo ascoltare con la stessa bellezza di un vinile degli anni ’50…
Allora mi sognerò a dormire su un’amaca tra luci tenui e calde
D’immagini create da chitarre acustiche e dalle mie mani.

Ripartirò da dove sono venuto, e rincorrerò l’ultimo petalo
Lascerò che il vento mi spinga in salita per gettarmi con te dal pendio
Per affogare nell’ultima canzone che stavo ascoltando,
Nella prima strofa che stavo scrivendo.

Lascerò le mie valige qui, in questo sogno, chiudendo la porta in silenzio
Camminando in punta dei piedi nei corridoi dei tuoi pensieri per essere delicato
Togliendomi la giacca in un giardino assolato che le parole non sanno raccontare,
Guardandoti arrivare dal sole…

(dal web)
01901cfc-cefa-4ccd-bd96-cd02eb680cc4
« immagine » Bruciare tra le candele, senza che nessuno mi senta, Scoppiare nel cielo e mangiare una nuvola… La voce assordante di tutte le poesie che ho scritto, E un cuore su una spiaggia che ondeggia nel vento invernale. Riesco a vedere una stanza che contiene l’estate, Il calore di Giugno...
Post
09/05/2018 18:55:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8

Commenti

  1. oDiabolik 09 maggio 2018 ore 18:58
    Bella :rosa
  2. x.bloodydark 09 maggio 2018 ore 19:02
    @0diabolik: :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.