citazione

27 giugno 2018 ore 14:19 segnala
Da “Gli Irredenti” (2009)
Credere in qualcosa nella vita di un uomo è indispensabile. Il credo, sia esso religioso, politico o di qualsiasi altro tipo, condiziona sempre le scelte che, una persona nell'arco della propria vita compie. A volte le decisioni che ognuno di noi prende, possono sembrare agli occhi di chi non condivide la stessa fede, o la condivide con intensità o attaccamento diverso, incomprensibili, sbagliate, addirittura assurde.Purtroppo anche quest'ultimo tratto distintivo dell'essere umano sta diventando sempre più riconducibile a standard predefiniti. Oggi l'originalità del singolo sta morendo, abbandonando la propria ormai fragile carcassa nella fossa della massa. L'individuo sta morendo, ma l'importanza di credere resta però indiscutibile, anche se, oggi come oggi, non è difficile ipotizzare un futuro nel quale, più di ora, chi crede è un manichino…un burattino. Da sempre il credo è manipolato da chi, facendo leva sui nostri sentimenti, lo usa per raggiungere i propri scopi. Rabbrividisco all'idea che l'avvenire, ormai prossimo, sia popolato esclusivamente da masse di carne inutili e pronte al macello
4a0b8692-eafd-42e0-95a8-05cf4ed0128a
Da “Gli Irredenti” (2009) Credere in qualcosa nella vita di un uomo è indispensabile. Il credo, sia esso religioso, politico o di qualsiasi altro tipo, condiziona sempre le scelte che, una persona nell'arco della propria vita compie. A volte le decisioni che ognuno di noi prende, possono sembrare...
Post
27/06/2018 14:19:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.