il colore

02 agosto 2020 ore 17:57 segnala
Il cielo grigio non mi piace , quando è così sembra senza ragione , è caldo e non piove ed il cielo è grigio senza un perchè , così metto un sorso di limonata nella bottigllia dell'acqua , e diventa tutto limone , quando ad ogni sorso agognato t'aspetti l'acqua trasparente anche nel sapore , eccolo il limone che fa da sorpresa e risveglia un pò di allegria , è proprio strano vedere l'erba secca quasi bruciata dal sole che si specchia nel cielo grigio , tutto di è dissonante come una stonatura della natura , ma la natura non prende stecche , sono io che ho perso di elasticità e mi adatto male , sai che sei tu quel sorso di limone nell'acqua , anche dopo tanti anni , anche se l'una dell'altro conosciamo solo quello che abbiamo voluto vedere , e viceversa.
0a8cc4c6-e4a8-49d5-b85a-274f91de83d0
Il cielo grigio non mi piace , quando è così sembra senza ragione , è caldo e non piove ed il cielo è grigio senza un perchè , così metto un sorso di limonata nella bottigllia dell'acqua , e diventa tutto limone , quando ad ogni sorso agognato t'aspetti l'acqua trasparente anche nel sapore , eccolo...
Post
02/08/2020 17:57:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2

ed io

23 luglio 2020 ore 18:20 segnala
Ed io ho vinto il premio piu' grande , senza acquistare nessun biglietto o sperare in chissà quale cosa , senza pregare nessuno o niente , sono qui col sole alle spalle al ritmo frenetico delle cicale , raccolgo questi fiori gialli e le loro guide abbarbicate agli steli d'erba piu' duri , li sollevo perchè hanno bisogno di aria e di un appoggio , ho raccolto i papiri , dieci alla volta e ne passo ad uno ad uno i gambi fra le dita per spezzare le nervature , son divenuti lacci dal colore ammaliante del verde che nasce dall'acqua , cosi lego le guide dense di fiori gialli con i nodi fatti di papiro , mano a mano che procedo i fiori rimangono alle mie spalle in bella mostra al sole ed all'aria , mi guardo indietro ed il castello è così bello che rimango incantato , fra le guide legate per prime gia le api son dentro i fiori , sono sudato soto il sole forte del mezzogiorno , tutte le piante hanno le guide legate , verde che ferma altro verde ed i fiori gialli mi ipnotizzano e le api vi sprofondano dentro , sento che potrei morire anche ora , sento che la vita è solo una frazione di altre vite , sei tu il giallo e son io il verde , il giallo dei capelli del grano e di certi pensieri , il verde del mare dell'erba e di tutto cio che vive.
bed1c4b5-9cdd-47af-b842-62f4b05f7fe2
Ed io ho vinto il premio piu' grande , senza acquistare nessun biglietto o sperare in chissà quale cosa , senza pregare nessuno o niente , sono qui col sole alle spalle al ritmo frenetico delle cicale , raccolgo questi fiori gialli e le loro guide abbarbicate agli steli d'erba piu' duri , li...
Post
23/07/2020 18:20:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    4

qui

18 luglio 2020 ore 20:19 segnala
Sai son arrivato qui , dove non avrei mai creduto di arrivare , non parlo di status sociale e nemmeno di punti geografici , parlo del tempo di questo punto nel tempo , o meglio di un punto nel mio tempo , ci penso e come in una costellazione lontana cerco di posizionare e poi reindividuare quel punto in mezzo ad altri , stella fra le stelle , riflessi parziali di un vetro o piu' definiti da uno specchio , sulle scale le parole e quel tuo vezzo , inconsapevole e contraddistintivo , sai che ciò che fanno le mani la mente può interpretarla come vuole , ed allora lego le mie verdure rampicanti mentre ti vedo scendere dal taxi , poi parole che si sommano con fare algebrico e qualcosa cancella qualcos'altro , vado via , e l'altro punto ed un'altra stella della stessa formazione , con te le parole si moltiplicavano e moltiplicavano i pensieri e tutti e due appoggiavamo le tempie ad un vetro , per sentire il freddo che c'è fuori , guardando avanti il paesaggio veloce che ci entra negli occhi.
0684bd7e-244d-4a16-bf99-9d8d601b7f96
Sai son arrivato qui , dove non avrei mai creduto di arrivare , non parlo di status sociale e nemmeno di punti geografici , parlo del tempo di questo punto nel tempo , o meglio di un punto nel mio tempo , ci penso e come in una costellazione lontana cerco di posizionare e poi reindividuare quel...
Post
18/07/2020 20:19:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    2

ritorno

01 luglio 2020 ore 20:21 segnala
Vorrei avvisarti " ciao torno ancora" , poi conosco già le tue risposte , cortesi ,con la passione misurata dettata dalla circostanza , la mia cortesia di circostanza , si quella , chissà dov'è andata , forse non l'ho mai avuta , in fondo il fiore del carciofo è comunque un fiori ma non ha petali , ed io lo sai certi petali non li ho , e magari trovandoli non saprei indossarli , ne saprei usarne le parole od i gesti , non sono circostanza , non mi piacciono le circostanze , ti avrei avvisato come le altre volte chiamandoti col cuore , in quella strana maniera che tu non apprezzi che sa di riso o di pianto , con quegli sguardi che possono essere solo languidi od accesi , con gli occhi che non sfuggono mai , sai quanto un cuore possa battere , sai quanto è dura la vita in silenzio quando vorresti urlare , non ti avviso e rimango in silenzio mentre rivedo la mia fronte appoggiata al vetro ed urlo il tuo nome dentro di me.
d238b032-ca06-4267-a7bf-d20db151aaae
Vorrei avvisarti " ciao torno ancora" , poi conosco già le tue risposte , cortesi ,con la passione misurata dettata dalla circostanza , la mia cortesia di circostanza , si quella , chissà dov'è andata , forse non l'ho mai avuta , in fondo il fiore del carciofo è comunque un fiori ma non ha petali ,...
Post
01/07/2020 20:21:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

leggere

14 giugno 2020 ore 13:22 segnala
Leggere è bello , leggere è una malattia strana , una affezione che riporta indietro , che evoca e ricostruisce , chissà cosa succede nel profondo quando lettere consecutive a formar frasi generano visi frasi ed emozioni , gli occhiali scuri ed il vestito nero , la distanza e qual modo di fare che sembra sgarbato ma è solo apparenza , l'ho capito dopo quando la lontanaza era la miglior cosa , la distanza non si misura solo in metri ma anche in secondi ed in anni , abbiamo cera nella mente che una volta impressa ricorda le parole e le voci come fossero forme , tutto questo è successo leggendo , leggendo qualcosa diverso da tutto il resto.
bc89983e-4f4f-48c4-aecb-feb4afa6563b
Leggere è bello , leggere è una malattia strana , una affezione che riporta indietro , che evoca e ricostruisce , chissà cosa succede nel profondo quando lettere consecutive a formar frasi generano visi frasi ed emozioni , gli occhiali scuri ed il vestito nero , la distanza e qual modo di fare che...
Post
14/06/2020 13:22:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2

la strada

31 maggio 2020 ore 20:42 segnala
Uscendo dalla bolgia la strada è dritta , sembra spropositata in larghezza rispetto a me , vado col tramonto che raggiunge gli occhi , sembra un rettilineo infinito fra i campi di grano e la ferrovia che cammina sollevata da terra , grandi tralicci si alternano a campate dove cavi portano il sangue che fa funzionare una città sempre piu lontana dagli uomini , dalla loro misura , mi allontano velocemente verso i monti dove le strade sono piu strette , c'è meno caos e si viaggia meglio , nella testa un pensiero curioso , una idea estemporanea che sa di colore e di persona , chissa perchè , notte fonda ormai e le stelle son proprio poche ed ho percorso le montagne , comincio ad aver sonno ma scendo verso il mare e questo mi da forza , la stanchezza mitigata dal caffè riporta lucidità nei pensieri , quel colore rimane e non so perchè , sono a casa ormai..
80d32fd7-6548-496d-bab3-af2572d0239e
Uscendo dalla bolgia la strada è dritta , sembra spropositata in larghezza rispetto a me , vado col tramonto che raggiunge gli occhi , sembra un rettilineo infinito fra i campi di grano e la ferrovia che cammina sollevata da terra , grandi tralicci si alternano a campate dove cavi portano il sangue...
Post
31/05/2020 20:42:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

un seme

21 maggio 2020 ore 20:04 segnala
Negli orti dove è la natura che decide il cuore rimane sorpreso , non c'è fertilizzante artificiale , l'umido dei resti casalinghi vengono trasformati dalla terra , così si nutre e quando la lavori ne senti l'odore , ora l'erba cresce e copre tutto , bisogna levarla a mano prima che le piccole piantine vengano soffocate , li il cuore si apre davanti alla sorpresa dei pomodori che nascono da soli come pure le patate e le zucche , così il seme germoglia senza avviso e senza rumore , poi ti trovi davanti quella piantina e con gioia cerchi di farla stare al meglio che puoi , così nasce un pensiero , forse latente e sopito si sveglia improvviso , senti il bisogno di parlarne perchè è un germoglio , perchè è un bene , così ti penso ed è una gioia sapere che ci sei.
35fb77de-ebf7-409d-a394-b30c16a36350
Negli orti dove è la natura che decide il cuore rimane sorpreso , non c'è fertilizzante artificiale , l'umido dei resti casalinghi vengono trasformati dalla terra , così si nutre e quando la lavori ne senti l'odore , ora l'erba cresce e copre tutto , bisogna levarla a mano prima che le piccole...
Post
21/05/2020 20:04:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

nei pensieri

15 maggio 2020 ore 13:32 segnala
Sensazioni parole ed anche volti , senza saperne il perchè rimangono incastrati nei pensieri , quelli che solo noi nella nostra singolarità possiamo evocare e goderne , sono essenze dalla consistenza infinitesima , amateriali , rimangono li nei meandri dove è difficile trovarli sia volendoli estirpare , sia volendoli evocare , escono fuori quando vogliono loro come le bolle che salgono dal fondo del mare , così a volte il tuo volto mi appare come familiare e lo tengo per me , qui dentro senza che nessuno possa saperlo , nemmeno tu.
816749da-c9a8-41ae-984f-87abdd8bb6fd
Sensazioni parole ed anche volti , senza saperne il perchè rimangono incastrati nei pensieri , quelli che solo noi nella nostra singolarità possiamo evocare e goderne , sono essenze dalla consistenza infinitesima , amateriali , rimangono li nei meandri dove è difficile trovarli sia volendoli...
Post
15/05/2020 13:32:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

i puntini

10 maggio 2020 ore 12:25 segnala
Son passati tanti anni e chissà dove sei e cosa fai , immagino i riflettori sempre accesi di notte e di giorno e tu li sotto ad inventare ogni istante un nuovo spettacolo , i personaggi quelli poi , figure e controfigure , le creavi ed a volte le interpretavi e tutto sembrava vero , per me era vero , era bello quel tuo teatro e mi sembrava un sogno potervi partecipare , solo che io non recitavo , od almeno recitavo in maniera inconsapevole una parte , la mia parte , recitavo me stesso nel tuo teatro pieno di libri musica e personaggi , ed i puntini arrivavano prima di te ed a volte quando la comunicazione diveniva difficile ti sostituivano , così in me di te son rimasti quelli... i puntini....
da395dc0-0dcc-4a11-a0c7-dfa59cc558d2
Son passati tanti anni e chissà dove sei e cosa fai , immagino i riflettori sempre accesi di notte e di giorno e tu li sotto ad inventare ogni istante un nuovo spettacolo , i personaggi quelli poi , figure e controfigure , le creavi ed a volte le interpretavi e tutto sembrava vero , per me era vero...
Post
10/05/2020 12:25:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Annarita

21 aprile 2020 ore 19:01 segnala
Annarita forse è solo un nome inventato , con la pioggia ed un pò di freddo della mezza stagione , feroce mezza stagione , naturale mezza stagione , ho i piedi bagnati nelle scarpe ed il rumore dell'acqua che esce ad ogni passo mi riporta indietro , indietro al rumore dei passi che affondano sulla ghiaia del bagnasciuga , una domenica di luglio un formicaio di gente che la domenica viene al mare , io e te il mare lo avevamo li tutto l'anno , tuo padre a guardare le mie cime e le mie vele , le reti , poi apparivi tu a chiamarlo ed andavi via , quella domenica ci siamo fatti coraggio ed a parlare non la finivamo piu , i tuoi libri ed i miei a volte le stesse letture fra il tuo stupore e la mia certezza , e come le cose troppo belle spesso son troppo delicate , come bolle di sapone che in fondo te le sai spiegare ma ogni volta che le guardi volare rimani incantato , così rimanevo io a guardarti , le gambe allungate le accarezzavo con gli occhi e tu arrossivi ed arrossivo anch'io , quanto è strana la vita , quanto è dura la vita , quanto tempo è passato qualunque fosse il tuo nome.
1a2e862c-860b-493e-bd3c-51a25e19d00e
Annarita forse è solo un nome inventato , con la pioggia ed un pò di freddo della mezza stagione , feroce mezza stagione , naturale mezza stagione , ho i piedi bagnati nelle scarpe ed il rumore dell'acqua che esce ad ogni passo mi riporta indietro , indietro al rumore dei passi che affondano sulla...
Post
21/04/2020 19:01:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment