GLI STUDI DI PADOVA

01 ottobre 2009 ore 17:45 segnala

Eh si sono i migliori studi che ci possano essere in Italia, sono mirati al comportamento civico , a come si rispetta il prossimo nonche' lo studio metodico sulla cultura in generale. Ho una amica che ha avuto l'onore di poterli fare, di arricchirsi e di poter insegnare anche a chi non sa nulla della cultura stessa se non quella dei pomodori! Ammetto che in certe occasioni pecco di un minimo di informazione, di quella profondita' in materie attuali , ma cosa si puo pretendere da una persona che ha come nick 1grammodicervello? Comunque sciolinando sul discorso  ci siamo messi a parlare di Islam e cosa rappresenta il suo pensiero ( certo che amiche pallose che ho N.D.R.  uff ) e che lo rende vivo. Abbiamo scavato a fondo il concetto di base di come viene trattata la donna nella versione estremistica ( schiava ) e che il corano e' una libera interpretazione dei pensieri resi in carta non un documento con leggi anti occidente. Inoltre abbiamo percorso la strada dell'alcool e dei maiali perche' il corano " vieta " l'uso. L'alcool a livelli eccessivi ( sempre che non si e' astemi ) e' appurato che e' consigliabile ( i radicali lo vietano assolutamente ) non berlo in quanto porta euforicita' e potrebbe arrivare a condizionare l'umore di chi lo assorbe; un esempio classico e' che  magari incontrando per strada un amico  salutandolo nel pieno stato di ebbrezza si potrebbe incappare in una discussione terminando il loro discorso tirandogli una bottiglia tra il capo ed il collo ( Invece noi occidentali abbiamo il benestare di venderlo dai vari stati, creare dipendenze, causando stragi del sabato sera, naturalmente tutto legalizzato criticando invece l'islam perche' e' sempre considerato una forma estremistica ). Ma quello che mi ha sorpreso e' il maiale. Gia il maiale, sapevo altre due versioni forse condizionate da pensieri filo-occidentali , sul fatto che e' un animale sporco e che procura infarti ma non e' quella la realta' ( A parte che la carne di maiale e' meno colesterosa rispetto a quella del vitello in quanto meno grassa e piu fibrosa ) Comunque e' emerso che e' un animale che e' pieno di grasso e nei paesi caldi il grasso non va bene. Ma quello che mi ha sorpreso e' stata la COLTIVAZIONE dei maiali.. :alien :alien .. Come ? Non so proprio nulla sulla coltivazione, spiegami gli ho chiesto come si coltivano i maiali? Si piantano in terra? Oppure si inseminano? Az sono rimasto sbalordito, ho acquisito una nuova esperienza, sapevo che i maiali non fanno nomadismo mentre l'uomo per cibarsi si, ma non sapevo nulla a proposito. Forse per questo gli arabi non vogliono portarli con loro stessi in quanto e' un ingombero una volta piantato in terra, non si puo spostare... Ma quante cose si imparano, non si finisce mai di acquisire informazioni importantissime, grazie sopratutto a chi ha fatto la sQuola e gli studi a Padova... Grazie amica mia, grazie di esistere :-)))

:hell

( Dedicato.. :-))) )

 

1grammodicervello

11150442
Eh si sono i migliori studi che ci possano essere in Italia, sono mirati al comportamento civico , a come si rispetta il prossimo nonche' lo studio metodico sulla cultura in generale. Ho una amica che ha avuto l'onore di poterli fare, di arricchirsi e di poter insegnare anche a...
Post
01/10/2009 17:45:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. HARLEEN 01 ottobre 2009 ore 20:22

    ''MURA''...

    ora leggi ''La farfalla'' da me.

    un saluto

  2. filiberto.a 04 ottobre 2009 ore 04:01

    Ciao Grammo:-))) , comunque loro non mangiano il maiale ma alcuni però li allevano......Il fatto che non mangiano carne, e per la parabola di Gesù, che scacciò i demoni dai corpi di alcuni e li ordinò di andare nel corpo dei maiali che vi erano lì, e poi ordinò loro di buttarsi da un burrone...Quindi x i musulmani i maiali sono morti col demone nel loro corpo quindi sono animali dannati....Nel corano si parla anche di Gesù, infatti la prima mecca la costruì proprio un cattolico cristiano........Un altro animale dannato è la formica........Cioè mentre il ragno tesseva la tela per far credere ai romani che di là Gesù non vi era passato, la formica la rompeva, e Dio la punì....Infatti se vedi la formica in qualche modo si libera sempre dlla tela.......Un abbraccio Fili...........

  3. 1grammodicervello 06 ottobre 2009 ore 23:50

    A parte che chi alleva i maiali non e' un mussulmano radicale ma un semplice nomade che ha il coraggio di portarselo sempre con se indipendentemente dal suo credo , si esiste la parabola di Gesu' ma lui e' visto come un profeta non come Maometto. Si narra appunto dei demoni che vennero scacciati dentro i corpi dei maiali ma bisogna fare una precisazione. Chi non crede o perlomeno non legge il corano professando quello che c'e' scritto senza batter ciglio ha bisogno di creare delle regole , le stesse che noi cristiani abbiamo creato con i 10 comandamenti dicendo che e' stato il Signore a dettarli a Mose'. Ora ti faccio una domanda. Si dice che appunto Mose' abbia separato le acque e sia passato in mezzo, all'arrivo degli egiziani le ha richiuse con un semplice gesto. Verrebbe da dire... ha costruito una diga come minimo! Ma se uno crede accetta quello che gli viene detto senza trovare altre soluzioni. Quello che e' stato scritto nel post e' stato detto da gente che abbraccia quel tipo di fede ed e' moderata, indi sono parole raccontata da chi vive la realta' diversa dalla nostra facendo un discorso pratico non ideologico. Per quanto riguarda la formica si districa dalla tela in quanto e' un insetto minuscolo, da 1mm a 4 cm e non ha le ali.. Si svincola tra uno spazio e l'altro proprio perche' non ha le ali che si appiccicano alla " colla " della tela. E' un animale " dannato " proprio per mitologia, visto che Gesu' non poteva passarla ma non perche' materialmente non potesse farlo, perche' come tu ben sai se c'e' una ragnatela vuol diore che e' in un posto stabile, dove nessuno ci passa, neanche un profeta....

    Ciao a presto

    2grammidicervello

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.