LUPI MANNARI,LEGENDA O VERITà?

31 luglio 2018 ore 23:29 segnala


Tra le figure leggendarie più note nella cultura horror ci sono i lupi mannari (etimologicamente dal latino lupus homenarius, cioè lupo che si comporta da uomo). Ora dimenticate le parodie in tv, perché nella cultura popolare, quando i lupi mannari ancora non apparivano sex symbol come in Twilight, o divertenti come Michael J. Fox in Voglia di vincere, erano creature che turbavano davvero tanto la cultura popolare.

Inoltre il loro mito o leggenda risale al periodo antecedente alle storie classiche dei Greci e dei Romani. Da sempre, persino la scienza si è interessata al fenomeno: la Licantropia (lykos, lupo, e antropos, uomo). Nel 1985 il professor David Dolphin durante una conferenza, rivelò che i sintomi della licantropia (come anche quelli del vampirismo) derivano da una malattia di carattere ereditario, definita porfiria, dovuta alla mancanza di una sostanza – eme – che tinge il sangue di rosso e che colpisce 1 individuo su 200.000.
Secondo un’analisi eseguita su un campione di pazienti, il dottore spiegò che tale morbo era in grado di produrre effetti devastanti qualora il malato fosse esposto ai raggi solari e il corpo poteva, in alcuni casi, subire una vera e proprio mutazione riempiendosi di peli. Casi del Medioevo, argomentati scientificamente, asseriscono che ci sono stati alcuni casi di malati di porfiria sorpresi a bere sangue umano (per recuperare eme). La storia ci insegna che uno di più famosi cacciatori di lupi mannari è stato l’illuminista Cesare Beccaria (Dei delitti e delle pene) che nel 1792, convinto di smascherare una strana creatura, a tratti belva, che aveva dilaniato a Milano dei bambini, catturò un uomo considerato lupo mannaro e lo fece impiccare. Così i delitti cessarono.Dai documenti storici si evince che dal 1300 al 1600 oltre ventimila persone, affette da tale malattia o disturbi simili, siano state uccise sul rogo con l’accusa di licantropia. Ma, i numeri in fatto di uccisioni dovute a persecuzioni varie (le più, per opera della Chiesa) sono troppe per essere menzionate in quest’articolo.

Nel 1800 in Spagna, il timore per i licantropi tra il popolo, era davvero molto sentito e rivolto in particolare a Manuel Blanco Romasanta, l’Uomo Lupo di Allariz, ai giorni nostri uno dei serial killer più noti nella storia del crimine spagnolo. Era un quarantaduenne, venditore ambulante, rimasto vedovo e fortemente religioso, era solito fare da guida per i turisti della città. Si dice che chi lo seguisse, scomparisse nel nulla. Un giorno furono ritrovati alcuni indumenti di persone scomparse e quando un’altra giovane del paese sparì, allora si iniziò a sospettare di lui, soprattutto perché l’uomo vendeva al mercato una sostanza avente la consistenza di grasso, ritenuta una medicina. Le persone iniziarono a sospettare che si trattasse di grasso umano e così iniziarono le indagini. Manuel Blanco Romasanta confessò subito di essere un lupo mannaro e di aver ucciso lui tutte le persone scomparse. Il suo è uno dei pochi casi reali di licantropia. L’uomo fu riconosciuto come malato di mente e gli fu dato l’ergastolo. Gli archivi non documentano quando morì, né dove fu sepolto, ma la leggenda narra che vaghi ancora tra i boschi di Allariz. Il suo caso ha persino ispirato un film del 2004, I delitti della luna piena, di Paco Plaza.
Casi documentati di Licantropi se ne trovano anche ai giorni nostri; infatti, nel 2002 a Teremgash in Kazakistan fu scoperto un bambino considerato lupo, chiamato Ablai, il quale aveva il corpo completamente ricoperto di peli, in percentuale cento volte in più rispetto alla norma. Altri casi come quello di Pruthviraj Patil affetto da ipertricotismo, furono scoperti a Mumbai, in India.

Quindi, potremmo dire di aver prove scientifiche dell’esistenza dei cosiddetti lupi mannari? In molti casi, sono solo dei poveri sventurati, afflitti da una gravi malattie, in altri, sono serial killer in grado di sbranare come bestie.
Personalmente, sono d’accordo con la scienza, che attribuisce questi comportamenti a disturbi mentali e fisici. Ciò che rimane del tutto incomprensibile è quello, che molto spesso scatta nella mente di queste persone per indurle, in alcuni casi, a commettere atroci delitti.
2b1d654b-9ce1-4c7d-808b-ca6f78aaae95
« immagine » Tra le figure leggendarie più note nella cultura horror ci sono i lupi mannari (etimologicamente dal latino lupus homenarius, cioè lupo che si comporta da uomo). Ora dimenticate le parodie in tv, perché nella cultura popolare, quando i lupi mannari ancora non apparivano sex symbol co...
Post
31/07/2018 23:29:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

SEI UNA STREGA???

29 luglio 2018 ore 18:22 segnala



Test Sei una Strega -13 segnali per scoprirlo


La gente spesso mi chiede “come sai di essere una strega?”. E spesso la domanda dietro la domanda è “Sono una strega? Sono magica?” Spesso lo chiedono un po’ nervosamente a causa dell’ombra che accompagna questa parola. Dobbiamo quest’ombra al patriarcato, alle regole della società maschilista che ha pervaso il pianeta per oltre 5000 anni. Si tratta non del maschile, ma di una perversione dell’energia maschile che ha brutalizzato, violentato e soppresso il femminino.

La caccia alle streghe di Salem e dell’Europa ha costruito una mentalità isterica di massa contro le donne contro il femminino. Ha radunato e ucciso le donne sagge e le guaritrici naturali, ogni donna che possedeva un terreno che essi volevano o le donne che erano fuori dallo status quo sociale, che rifiutavano di conformarsi alle regole del cristianesimo e del patriarcato. Fondamentalmente è per paura del potere del femminino che le donne, la terra e le sue creature sono state massacrate sotto pretesti falsi ed isterici. È di importanza cruciale rivendicare noi stesse e la bellezza, il potere, l’eredità della parola “Strega”.

Lo scopo di una strega è proprio la terra che dobbiamo salvare.




Le streghe amano la terra e adorano la natura, ripeto, la Natura, non Satana. Quest’ultimo è un mito -come il fatto che abbiamo il naso verrucoso o che siamo spaventose e brutte come maschere di Halloween- che dobbiamo ai film del patriarcato hollywoodiano. La verità è che le streghe sono belle come la natura stessa e non fanno del male.

Vivono rispettando la “regola del tre”, una comprensione karmica che le porta ad essere consapevoli che ogni cosa che fanno torna indietro triplicata. Più uccidiamo la terra, più uccidiamo noi stessi. Dacché ne abbiamo memoria ci è stato insegnato di temere noi stessi e di temere la natura. Le streghe godono comunque della propria natura selvaggia e si allineano con i cicli della Terra e con le fasi della Luna.

Per molte donne rivendicare la parola “Strega” significa rivendicare se stesse e la loro relazione con la Grande Madre. Quindi, dal momento che io amo de-stigmatizzare e ri-onorare la grande, bella, succosa parola “Strega”, la risposta che do quando qualcuno mi chiede se è una strega, è “Sì”.



Se credi di essere una strega, sei una strega. Il che significa che sei una Dea, un Sacerdote, un Guaritore, uno Sciamano, una Donna Saggia.

Ecco qui un elenco di 13 segni mistici ed illuminati dalla luna che indicano che potresti essere una strega:



1) POTERI DELLA TERRA

Una strega è una donna di terra. Ereditiamo i suoi poteri naturali della nascita, della trasformazione, della guarigione, della rinascita. Questi sono i poteri della donna, tutt’uno con i poteri della terra.

“Quando c’è una donna c’è magia” – Ntozake Shange

Ti capita di trovare le risposte della vita attraverso gli schemi di Madre Natura? La sua saggezza è anche la tua saggezza? Sei allineata nel tuo modo di vivere, nel tuo corpo in tutto il tuo essere con le sue stagioni?

Ad esempio ti senti eccitata -sessualmente e creativamente- in estate, lasci andare e tagli ciò che non ti serve in autunno, ti ritiri nel vecchio ed oscuro silenzio nell’inverno e rinasci in primavera?



2) SAGGEZZA

Ti capita di trovarti a ribollire come se avessi un calderone interno di antica e naturale saggezza e di guarigione? Ti capita che le persone siano attratte da te e che vengano a sedersi accanto al tuo fuoco, a discutere della vita e di tutta la sua furia, il suo dolore, il suo amore e la sua meraviglia? Ti capita di congedarli con la speranza ripristinata nel loro cuore e magari con una tintura, una pozione, un rimedio naturale (hai familiarità con le proprietà delle piante) o anche con un rituale o due?

In altre parole quando le cose vanno male, è te che cercano?



3) NATURA

Vivi accanto ad un bosco o accanto all’acqua o lo desidereresti? Le streghe sono fortemente interconnesse con la Natura, incarnano i poteri della Grande Madre, desiderano essere più vicine possibile alla sua naturale bellezza e al suo potere. Molte compiono dei rituali accanto all’acqua o nei boschi. Ti sei sempre sentita a casa immersa nella natura.



4) TEMPESTE

Non hai paura delle tempeste, anzi ,godi del potere di Madre Natura in maniera ancora più viscerale. Qualche volta ti capita di meravigliarti se proprio tu, la tua passione, la tua energia, hanno causato la tempesta?



5) NATURA ANIMALE

Gli animali sono naturalmente attratti da te e tu li ami allo stesso modo? Così tanto che soffri empaticamente con le creature di questo pianeta? Conosci naturalmente i loro totem e trovi saggezza ed illuminazione nelle loro visite, nelle loro apparizioni nella tua vita?

Ti capita che cani persi ti seguano fino a casa, che uccelli volino alla tua finestra e che i cavalli corrano verso di te, attraverso i campi, e poggino i loro lunghi colli sulle tue spalle? Riesci a parlare con loro? A guarirli? Le streghe e gli animali sono così allineati con la natura che parlano un linguaggio energetico simile e si riconoscono tra di loro.



6) LA LUNA

Sei attratta, sospinta e mossa dall’energia della Luna? L’hai mai fissata? Le hai mai parlato, sentendoti inondata dalla sua luce, da quando eri piccina? Sei allineata con le sue fasi?

Ad esempio, ti capita di iniziare nuovi progetti o relazioni quando c’è la Luna Piena? Ti è capitato di notare come le cose raggiungano un apice e culminino -e tendano a diventare un po’ confuse- intorno a te quando c’è la Luna Piena? E ti senti spinta a lasciar andare le cose o a chiudere delle relazioni o degli schemi quando inizia a discendere?

Con la Luna Nuova, nella più scura delle notti, ti siedi mai con il mistero, il vuoto e lo sconosciuto, il potenziale e le possibilità dell’oscurità? Sogni mai nuovi progetti nell’oscurità della Luna Nuova? Se hai risposto di no, quelle sopra sono solo alcune delle strade da percorrere per sintonizzarsi con le fasi della Luna.



7) POTENZA

Hai più di un serpeggiante sospetto che i tuoi desideri diventino reali -buoni o cattivi che siano- e ti trovi a porre attenzione, ad essere meravigliata dal tuo stesso potere? Ti capita spesso di essere definita un’anima antica? Le streghe sono vecchie come il tempo, i tuoi occhi le finestre della tua anima custodiscono antiche storie e segreti, miti, misteri, risposte e possibilità.

Quand’eri piccola probabilmente dicevi delle antiche verità e parlavi con saggezza, prima di dimenticare la tua magia.



8) GUARIGIONE

Sei attratta dalle Arti di Guarigione? Tendi a cercare rimedi energetici naturali per te stessa e ad offrirli agli altri? Hai mai appoggiato una mano sulla schiena dolorante di qualcuno ed è poi guarita il giorno dopo? Le persone possono guarire anche solo standoti accanto. Le streghe, essendo così sintonizzate con la terra, sono guaritrici naturali.



9) MEMORIE DI VITE PASSATE

Ti capita di avere memorie dolorose di vite passate o immagini in cui vieni perseguitata, cacciata, bruciata o annegata per il solo fatto di essere selvaggia, saggia e libera?

Più importante, sei mai stata marchiata per il fatto di essere differente, non conformista, per il fatto di amare chi volevi amare, per aver detto la verità in una vita passata? Questo è il karma che sei chiamata a guarire, è tempo di non avere paura ed essere la più autentica te stessa. Così guarirai il tuo karma: non avendo paura di vivere nella tua massima espressione. Questo è il tuo momento.



10) ESTRANEITÀ

Ti sei sempre sentita un po’ come un’estranea, con il naso schiacciato contro il vetro della vita sulla terra, mentre sapevi che in realtà appartenevi ad una tribù magica, custode di saggezza interiore. Dal momento che non ti sei mai adattata alla norma, sapevi che c’era qualcosa di sacro, segreto, speciale in te. Una magia che solo poche altre persone magiche potevano vedere.

Non corri insieme alle grandi folle, sei un po’ più simile ad una sensitiva e potente lupa solitaria. Hai bisogno di tanto tempo per pensare, sognare, ricaricarti e comunicare con la Font e/ Natura / Universo / Dea.



11) CRISTALLI MISTICI / ACCESSORI

Sei attratta dalle belle pietre, pezzi di energia della Terra. Hai tenuto con te pietre come il quarzo, il turchese, il quarzo rosa, fin da quando riesci a ricordare, anche se non conoscevi le loro proprietà al tempo. Ti sono state donate oppure le hai prese con te lungo la strada e le hai collezionate.

Le streghe conoscono le proprietà delle pietre della Terra e le caricano con tra le altre cose guarigione, amore, abbondanza e benefici protettivi e spesso indossano le loro pietre speciali in gioielli. Ami anche disporre candele intorno a te e accenderle, perché le candele sono inviti per gli spiriti e gli angeli e creano delle vibrazioni magiche e divine. Probabilmente ami la salvia e l’incenso che purificano l’energia.



12) MAGIA

Credevi nella magia quand’eri bambina e vedevi la magia nell’aria, nella vita? Eri attratta dalle cose magiche, dalle creature, dalle fiabe, dalle storie e hai continuato ad esserlo anche crescendo, nonostante tutti ti dicessero “Queste cose non esistono”?

E nonostante il resto del mondo non ci credesse, ti sei sempre e comunque conservata uno spazio nel tuo cuore per i racconti di magia, amore e mistero?

Eri attratta dei film e dei libri che parlavano di streghe, magia, spiriti, misticismo ed inconoscibile? Hai sempre pensato che le coincidenze non esistono, che non siamo veramente soli e che quello che vedevi non era tutto ciò che è? Credi che tutto significhi qualcosa e credi nei segni e nei simboli?



13) PIÚ MAGIA E DIVINAZIONI

Parlando di segni e simboli, hai premonizioni come se avessi una sfera di cristallo interiore? Quando parli di ciò che credi accadrà, le persone intorno a te tendono a raddrizzarsi e ad ascoltare? Qualche volta ti capita di vedere o sentire degli sviluppi di situazioni -dei flash nel futuro- così avanzati che trovi frustrante quando gli altri non sono coinvolti come te!



Hai sogni e visioni di vite passate e future e puoi leggere le altre persone, la loro energia e le loro intenzioni molto bene. Hai un sesto senso e questa è anche la ragione per la quale sei attratta dai tarocchi, dalle rune e da tutti gli strumenti di divinazione che dissolvono le nebbie.

Spero che ciò ti sia stato di aiuto. Questi sono solo 13 segni, potresti riconoscerne alcuni oppure avere un sacco di segni che ti indicano che sei sul sentiero stregonesco.



Il messaggio di una strega è di amare se stessa, amare la Terra e di riconoscere l’importanza dell’allinearsi con le fasi della Terra e della Luna. Estremamente semplice, davvero.



Ma ad un certo punto della storia è accaduto che se eri troppo vicina alla Terra, se eri troppo saggia, troppo potente -troppo, e decisamente troppo femminile- venivi cacciata o assassinata per la tua generosità e per il tuo essere selvaggia. Non dev’essere più così.

È tempo di guarire i vostri karma passati, di possedere il vostro potere, la vostra saggezza e bellezza e di sorgere, mie care! La Terra ha bisogno di voi e noi, di certo, abbiamo bisogno della Terra!
23718732-96ce-434f-b7a6-247587edc4e5
« immagine » Test Sei una Strega -13 segnali per scoprirlo La gente spesso mi chiede “come sai di essere una strega?”. E spesso la domanda dietro la domanda è “Sono una strega? Sono magica?” Spesso lo chiedono un po’ nervosamente a causa dell’ombra che accompagna questa parola. Dobbiamo quest...
Post
29/07/2018 18:22:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    5

STREET ART ILLUSIONS

25 luglio 2018 ore 22:41 segnala


Avete presente i gessetti che usavamo quasi tutti da piccoli? C'è chi lo usava sulla lavagna e chi per colorare o disegnare sulla strada o ai giardinetti.

Penso però che nessuno di voi abbia mai raggiunto simili risultati. Certo, l'età è diversa ma se la mia mano stringe un gesso colorato oggi, riuscirei a malapena a fare un omino stilizzato (e male).

Ecco alcuni artisti di strada che non hanno problemi a dare vita a spettacolari creazioni. E l'effetto tridimensionale decisamente amplifica ancor più il risultato finale...













38616744-e3d2-4a16-8ad5-1f973bd0f045
« immagine » Avete presente i gessetti che usavamo quasi tutti da piccoli? C'è chi lo usava sulla lavagna e chi per colorare o disegnare sulla strada o ai giardinetti. Penso però che nessuno di voi abbia mai raggiunto simili risultati. Certo, l'età è diversa ma se la mia mano stringe un gesso co...
Post
25/07/2018 22:41:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

IL MUNICIPIO E L'OROLOGIO ASTRONOMICO DI PRAGA

05 luglio 2018 ore 15:38 segnala




Il più importante palazzo di Piazza della Città Vecchia è il Municipio (Radnice) con la Torre dell’Orologio. Il Municipio, costruito nel 14 secolo, ha svolto la sua funzione amministrativa fino a quando i diversi quartieri di Praga non sono stati riuniti e il centro del potere è diventato il Nuovo Municipio. Usata anche come prigione per i ribelli protestanti, venne in parte distrutto dai nazisti. Le parti più interessanti dell’interno sono la Sala del Concilio del 1400 e la Sala Di Brozik con due dipinti che ricordano Jan Hus al Concilio di Costanza e l’elezione di Giorgio di Podebrady come Re di Boemia in 1458.


L'Orologio Astronomico di Praga
L’attrazione principale del Municipio è l’orologio astronomico chiamato dai praghesi Orloj. Nel caso vi dovesse sfuggire dove si trova, basta osservare i turisti con il naso all’insù che aspettano lo spettacolo offerto dalle statue dei 12 apostoli. A far funzionare l’orologio è un complicato meccanismo creato dal maestro orologiaio Hanus, che la leggenda descrive come gelosissimo della sua invenzione tanto da non aver mai voluto rivelare a nessuno i principi del suo funzionamento. Lo spettacolo si ripete allo scoccare di ogni ora tra le 9 e le 23.








L’orologio è diviso in due parti: nella parte inferiore ci sono i segni dello zodiaco con le relative attività agricole divise per mese dell’anno. Ad ogni ora esatta compaiono i 12 apostoli che si muovono come in una processione e le figure simboliche che si trovano vicine ai quadranti cominciano ad animarsi: sono la Vanità, raffigurata da un uomo con lo specchio, il turco invasore, la morte con la clessidra e l‘avarizia con un borsello di monete in mano. Quando gli apostoli finiscono il loro giro, il gallo d’oro canta e batte le ali e le campane suonano.







Il quadrante astronomico spiega la visione medievale dell’astronomia. La Terra è al centro dell’universo. La parte blu rappresenta il cielo sopra l’orizzonte, la parte grigia il cielo sotto. Sono incise le scritte in latino ORTVS (est) e OCCASVS (ovest), poi Aurora (giù) e CPEPVSCVLVM (Crepuscolo) sotto. I tre dischi sovrapposti indicano l’ora ceca (con numeri italiani), l’ora dell’Europa Centrale (con numeri romani) e l’ora di Babilonia, con numeri arabi.






a400ce5f-1ac8-4612-8deb-774530a9a0fc
« immagine » Il più importante palazzo di Piazza della Città Vecchia è il Municipio (Radnice) con la Torre dell’Orologio. Il Municipio, costruito nel 14 secolo, ha svolto la sua funzione amministrativa fino a quando i diversi quartieri di Praga non sono stati riuniti e il centro del potere è divent...
Post
05/07/2018 15:38:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

solstizio d'estate 2018

21 giugno 2018 ore 22:27 segnala
Solstizio d'estate 2018: curiosità e miti da sfatare sul giorno più lungo dell'anno
Cade sempre nella stessa data? Qual è il significato della parola solstizio? Davvero può avere effetti sulla nostra attenzione? Certezze e miti da sfatare sul giorno più lungo dell'anno.


Il sito di Stonehenge è legato al solstizio d'estate.


Ore 12,07 del 21 giugno: è questo l'esatto momento del solstizio d'estate per l'anno 2018 (per l'emisfero boreale). Scopriamo insieme alcune curiosità su questo particolare momento astronomico: certezze scientifiche e miti da sfatare.
È IL GIORNO IN CUI FA NOTTE PIÙ TARDI: FALSO. È invece il giorno dell'anno in cui, nell'emisfero boreale, c'è il maggior numero di ore di luce (oltre 15 in Italia). Un intervallo di tempo - il crepuscolo, ovvero quello in cui la luce del Sole risulta visibile in atmosfera - che nei mesi scorsi è andato via via aumentando e che da oggi inizierà ad accorciarsi fino a culminare nel solstizio invernale, il dì più corto dell'anno. Dunque, non è necessariamente il giorno col tramonto più tardivo dell'anno: dipende dalla latitudine a cui ci trova.

SOLSTIZIO "SIGNIFICA" CHE IL SOLE È FERMO: VERO. Più precisamente la parola deriva dal latino sol, Sole, e -sistere, fermarsi - e sta a indicare il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo cammino apparente lungo l'eclittica, il punto di declinazione massima (minima, nel caso del solstizio d'inverno). Il Sole culmina allo zenit, nel punto più alto rispetto all'orizzonte del suo percorso annuale. In tutti i luoghi che si trovano a 23°27' di latitudine nord, i raggi del Sole a mezzogiorno cadono a perpendicolo. Il fenomeno è dovuto all'inclinazione dell'asse terrestre, la stessa ragione per cui abbiamo le stagioni.



La rivoluzione terrestre, i giorni del solstizio (a sinistra, quello d'estate), e degli equinozi. | Shutterstock
OGGI LA NOSTRA ATTENZIONE È MASSIMA: VERO. Una ricerca dell’Università di Liegi, in Belgio, ha scoperto che le aree cerebrali responsabili dell’attenzione sono più attive nei mesi caldi, raggiungendo il massimo con il solstizio d’estate. Lo studio è avvenuto ha coinvolto 26 volontari, sottoposti a risonanza magnetica funzionale in diversi periodi dell’anno. Il loro cervello è stato osservato durante lo svolgimento di compiti che hanno messo alla prova le loro abilità cognitive: da un lato, la loro capacità di attenzione (per esempio premere un pulsante il più velocemente possibile all’apparire di uno stimolo su uno schermo); dall’altro, l’efficienza della loro memoria di lavoro, che trattiene per poco ed elabora le informazioni utili nel breve periodo (per esempio ricordare sequenze di numeri, lettere o parole). Alla fine l'estate è risultata la stagione in cui l'attenzione è più attiva.

STONEHENGE È LEGATA AL SOLSTIZIO: VERO. In questa data in effetti un raggio di Sole attraversa una struttura composta da due pietre verticali sormontate da un'architrave centrale (trilite) e cade sull'altare centrale del sito archeologico: questo "segno" celeste permetteva agli antichi di individuare il passaggio delle stagioni.


In questa ricostruzione della Nasa si ha un'idea di quale doveva essere l'effetto del Sole al solstizio quando le pietre erano ancora intatte. Ancora oggi, Stonehenge è una delle mete privilegiate il 21 giugno, sia dai seguaci delle religioni di origine celtica, sia da turisti e curiosi.


La posizione del Sole nel solstizio d'estate a Stonehenge, così come doveva apparire in antichità, quando il sito era completo. | Shutterstock

LA DATA DEL SOLSTIZIO È FISSA: FALSO. Ogni anno questo momento slitta (anticipando) di circa 6 ore: ciò è dovuto al fenomeno della precessione (lo spostamento dell’asse attorno al quale la Terra compie la rotazione giornaliera). Ogni 4 anni torna al... punto di partenza con l'arrivo dell'anno bisestile, un artificio inventato per evitare il progressivo scostamento tra il calendario e le stagioni. E questo è anche il motivo per cui il solstizio d'estate cade il 21 giugno quasi sempre: può infatti accadere che cada anche il 20, come è capitato qualche anno fa. Per la stessa ragione il solstizio invernale "oscilla" tra il 21 o il 22 dicembre.

2ae26a9b-533f-4b98-97e9-eb37023247b9
Solstizio d'estate 2018: curiosità e miti da sfatare sul giorno più lungo dell'anno Cade sempre nella stessa data? Qual è il significato della parola solstizio? Davvero può avere effetti sulla nostra attenzione? Certezze e miti da sfatare sul giorno più lungo dell'anno. « immagine » Il sito di...
Post
21/06/2018 22:27:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1

EMPIRE OF THE SUN

26 maggio 2018 ore 17:36 segnala


tra le canzoni e i gruppi fantasy ce nè uno che mi piace in modo particolare.
sono gli (EMPIRE OF THE SUN)un duo australiano di musica elettronica.

Luke Steele e Nick Littlemore si incontrarono nel 2000 in un bar a Sydney e dopo varie collaborazioni insieme decisero di lavorare definitivamente ad un loro progetto formando il duo nel 2007.

Il primo singolo del duo, intitolato Walking on a Dream è stato reso disponibile per il download digitale il 30 agosto 2008, ed ha ottenuto una buona programmazione da parte di diverse radio australiane, facendogli raggiungere la sedicesima posizione della classifica dei singoli australiana. Il video del brano è stato girato a Shanghai in Cina ed è stato diretto da Josh Logue. Il secondo singolo del gruppo, intitolato We Are the People, è stato pubblicato il 20 ottobre dello stesso anno.











L'album di debutto del gruppo, Walking on a Dream, è stato pubblicato il 4 ottobre 2008, mentre sei tracce dell'album erano state pubblicate sul Myspace del duo la settimana prima dell'uscita dell'album. L'album ha debuttato nella classifica degli album australiani all'ottava posizione.

Il 5 dicembre 2008 il gruppo è apparso alla quarta posizione del sondaggio condotto dal sito della BBC Sound of 2009

L'11 marzo 2013 hanno pubblicato sulla loro pagina ufficiale Facebook e su YouTube un primo trailer per il loro secondo album, Ice on the Dune, previsto per giugno 2013. Il nome del trailer è Discovery, nome utilizzato anche dal duo di musica elettronica Daft Punk, per marcare il legame della loro musica con quella dei due parigini. Non a caso la musica del trailer ricorda molto il french house. il 15 aprile pubblicano Alive, singolo di lancio di Ice on the Dune; il relativo videoclip è invece uscito il 29 aprile. Nel mese di settembre 2013 viene pubblicato il secondo singolo, DNA.

Tra il 2014 ed il 2015 il gruppo ha lavorato alla composizione della colonna sonora del film Scemo & + scemo 2; successivamente è stato rivelato che il duo ha iniziato le sessioni di registrazione per il terzo album, provvisoriamente intitolato Every Ocean Tells a Story.

Nel 2016 sono tornati con il nuovo album Two Vines, uscito il 28 ottobre. I primi due singoli che precedono l'album, High and Low e Two Vines, sono stati pubblicati il 24 e il 25 agosto.



a94013dc-f277-4adc-9aeb-0ecf3c44b5a0
« video » tra le canzoni e i gruppi fantasy ce nè uno che mi piace in modo particolare. sono gli (EMPIRE OF THE SUN)un duo australiano di musica elettronica. Luke Steele e Nick Littlemore si incontrarono nel 2000 in un bar a Sydney e dopo varie collaborazioni insieme decisero di lavorare definit...
Post
26/05/2018 17:36:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

il volo di icaro

23 maggio 2018 ore 10:09 segnala






SIGNIFICATO DI PAROLE, PROVERBI E MODI DI DIRE
Qual è il significato del «volo di Icaro»? Dal mito al modo di dire
Il significato del volo di Icaro è spiegabile con una sopravvalutazione imprudente delle proprie capacità, col mancato riconoscimento dei propri limiti, e, quindi, con la scelta di compiere azioni al di sopra delle proprie forze.
Rosa Aimoni, scrittrice 04-01-2018
Qual è il significato del «volo di Icaro»? Dal mito al modo di dire

L’espressione fare il volo di Icaro è molto diffusa e fa riferimento ad uno degli episodi più conosciuti della mitologia greca. Tuttavia, la storia di Icaro non può essere descritta senza prima ripercorrere quella del suo rinomato padre, il famoso architetto e scultore Dedalo.
Secondo il mito, Dedalo era un artista molto amato, apprezzato e dotato di un rilevantissimo talento. Come tutti i grandi Maestri, anche Dedalo era circondato da allievi e uno di questi era il nipote Calos, figlio di sua sorella.
Come spesso succede alle persone che arrivano ai massimi livelli, anche Dedalo era molto competitivo e geloso della sua posizione e a un certo punto i crescenti successi riscossi dal nipote, che in poco tempo era riuscito a superarlo in abilità e fama, iniziarono ad infastidirlo.
Non ci volle molto, e mise in atto il suo piano delittuoso; Dedalo uccise per invidia il nipote, e per questo fu costretto a fuggire da Atene, dove era stato condannato a morte, e a rifugiarsi a Creta. Qui strinse subito amicizia con il re Minosse, diventando il suo artista prediletto nonché uomo di fiducia.

Tuttavia, Dedalo si rimise nuovamente nei guai, perché tradì la fiducia del sovrano. Infatti, impiegando tutto il suo ingegno, costruì per Pasifae, la moglie di Minosse, una vacca di legno, grazie alla quale la regina avrebbe potuto accoppiarsi con il toro del quale si era innamorata.
Sui motivi di questo amore così innaturale esistono due versioni; secondo la prima, tale passione sarebbe stata il frutto di una punizione divina contro Minosse, che non aveva sacrificato a Poseidone il toro più bello. Secondo un’altra versione, Pasifae avrebbe invece rivelato ad Efesto il tradimento di sua moglie Afrodite con Ares.
Qualunque fosse la causa, Pasifae si era disperatamente innamorata del toro e, per potersi unire a lui, chiese a Dedalo di fabbricare una vacca di legno, dentro la quale avrebbe potuto nascondersi e poi offrirsi alla bestia sotto mentite spoglie. Da questa singolare unione nacque il Minotauro, il mostro metà uomo e metà toro, che in seguito, per evitare la vergogna, fu rinchiuso nel famoso labirinto, ideato dallo stesso Dedalo.
È chiaro quindi che Minosse non avrebbe potuto lasciare impunito Dedalo, responsabile di aver favorito il tradimento della moglie con il toro e, quindi, anche la nascita del mostro. Il re fece richiudere l’artista che, però, grazie all’aiuto di Pasifae, riuscì a fuggire.
Per sua sfortuna, Dedalo scoprì presto di non poter lasciare l’isola, perché Minosse, per prevenirne la fuga, aveva nascosto tutte le navi. Tuttavia, questo fatto non scoraggiò l’inventore che, allora, realizzò con le piume e la cera delle ali, con le quali aveva intenzione di abbandonare Creta volando. A questo punto della storia entra in scena Icaro, il figlio di Dedalo.

Icaro, che doveva affrontare lo stesso viaggio, era stato avvertito dal padre di non volare troppo in alto, ossia troppo vicino al sole. Infatti, questo avrebbe comportato lo scioglimento delle ali, e quindi la sua caduta.
Nonostante gli ammonimenti del padre, Icaro, trasportato dall’euforia del momento, volò molto più in alto del dovuto, le ali si sciolsero e precipitò nel mare, che da allora venne chiamato il mare di Icaro.
Per questo motivo, fare il volo di Icaro significa sopravvalutare imprudentemente le proprie capacità, non riconoscere il propri limiti e, quindi, compiere una o più azioni al di sopra delle proprie forze, andando incontro a conseguenze dannose o, nel peggiore dei casi, a eventi rovinosi e irreparabili.
f5403aaf-895a-455e-a0bb-8bec054e2d8d
« immagine » SIGNIFICATO DI PAROLE, PROVERBI E MODI DI DIRE Qual è il significato del «volo di Icaro»? Dal mito al modo di dire Il significato del volo di Icaro è spiegabile con una sopravvalutazione imprudente delle proprie capacità, col mancato riconoscimento dei propri limiti, e, quindi, con l...
Post
23/05/2018 10:09:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

la corrida

08 maggio 2018 ore 14:40 segnala

se mai un giorno,partecipassi a una corrida,io tiferei per il toro e non per il torero.
trovo questo spettacolo orrendo.non so se si può definire spettacolo la morte di un animale,trafitto da lame e lasciato a soffrire fin che giunge la morte,per poi lasciarlo esanime sull'asfalto, imbrattato di sangue.
guardare questa immagine,una meravigliosa donzella che abbraccia il toro,mi rallegra il cuore.
mi fa piacere che siano state vietate le corride,
dopo tanto sangue ,finalmente gli animalisti hanno fatto si che tutto ciò avesse fine.
certo anche i toreri hanno corso molti pericoli,ma tutto questo lo facevano per lavoro,per soldi e per fama.
d6ac40a9-36c5-4dea-83a7-a3d4c7c1c535
« immagine » se mai un giorno,partecipassi a una corrida,io tiferei per il toro e non per il torero. trovo questo spettacolo orrendo.non so se si può definire spettacolo la morte di un animale,trafitto da lame e lasciato a soffrire fin che giunge la morte,per poi lasciarlo esanime sull'asfalto, im...
Post
08/05/2018 14:40:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

la cura

29 aprile 2018 ore 09:07 segnala



Testo
Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
Dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore,
Dalle ossessioni delle tue manie
Supererò le correnti gravitazionali,
Lo spazio e la luce
Per non farti invecchiare
E guarirai da tutte le malattie,
Perché sei un essere speciale,
Ed io, avrò cura di te
Vagavo per I campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissí )
Non hai fiori bianchi per me?
Pií¹ veloci di aquile I miei sogni
Attraversano il mare
Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza
Percorreremo assieme le vie che portano all'essenza
I profumi d'amore inebrieranno I nostri corpi,
La bonaccia d'agosto non calmerí I nostri sensi
Tesserò I tuoi capelli come trame di un canto
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono
Supererò le correnti gravitazionali,
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
TI salverò da ogni malinconia,
Perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te
Io sì , che avrò cura di te




Ma sinceramente, quanto è bella questa canzone? Troppo. Magari ci fossero tanti cantautori che scrivessero canzoni così. E' una canzone ricca di protezione ed Amore. Invita l'altra persona a fidarsi di lui. Lui promette di proteggerla in qualunque modo, in qualunque situazione, di fare anche cosi impossibili per non farla soffrire. In questa canzone, a parere mio si sente che la persona a cui lui si rivolge ha sofferto in passato, ma lui vuole darle tutto l' Amore possibile , tentando di fargli capire che esistono ancora persone in grado di mettersi da parte ed annullare se stesse per la persona che amano. Un invito all' introspezione, al capre l'importanza che esiste qualcuno che noi potremo amare più di noi stessi e che faremo di tutto pur di non vederlo soffrire e pur di fargli sfoggiare un sorriso sul viso. Questo maledetto egoismo ed egocentrismo va eliminato e se proprio non ce la facciamo, almeno cerchiamo di metterlo da parte, giusto per non far soffrire gli altri e per scoprirci più umani e differenti dagli animali perché sappiamo sacrificarci per gli altri, difenderli e provare un sentimento vero.
8442e22e-a899-4d61-8334-3fef9b6b121b
« video » Testo Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie, Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo, Dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore, Dalle ossessioni delle tue...
Post
29/04/2018 09:07:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    5

marble machine

24 aprile 2018 ore 10:12 segnala



Marble machine (letteralmente 'macchina a biglie') è una macchina musicale ideata e costruita a mano in 14 mesi da Martin Molin, ex elemento del gruppo musicale svedese Detektivbyrån, dove suonava il glockenspiel, traktofon, piano giocattolo e theremin, e attualmente a capo del gruppo Wintergatan.

La Marble machine è azionata manualmente ed esegue qualunque musica, programmando in anticipo il modo in cui cadono le 2000 biglie che suonano la melodia. La strumentazione di cui è dotata è eclettica, in parte affine a quella di una band, con una grancassa, un piatto, un rullante, un piatto sizzle, un charleston, un basso e un vibrafono integrati.

Il video che illustra la macchina in funzione ha raggiunto milioni di visualizzazioni in pochissimi giorni.
821dc815-d7cc-49d8-8e4b-330fdfa1d3d1
« video » Marble machine (letteralmente 'macchina a biglie') è una macchina musicale ideata e costruita a mano in 14 mesi da Martin Molin, ex elemento del gruppo musicale svedese Detektivbyrån, dove suonava il glockenspiel, traktofon, piano giocattolo e theremin, e attualmente a capo del gruppo ...
Post
24/04/2018 10:12:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2