ero.........

24 settembre 2009 ore 12:04 segnala

Io ero un uccello dal bianco ventre gentile,
qualcuno mi ha tagliato la gola
per riderci sopra
non so.
Io ero un albatro grande
e volteggiavo sui mari.
Qualcuno ha fermato il mio viaggio
senza nessuna carita' di suono.
Ma anche distesa per terra
io canto ora per te
le mie canzoni d'amore....

 

 

 (A. Merini)

la scatola...

23 settembre 2009 ore 16:31 segnala
La storia ebbe inizio molto tempo fa, quando un uomo

punì sua figlia di 5 anni, per la perdita di un oggetto di valore
ed il denaro in quel periodo era poco.

Era il periodo di Natale,

la mattina successiva la bimba portò un regalo e disse:
"Papà è per te".

Il padre era visibilmente imbarazzato,
ma si arrabbiò moltissimo quando,
aprendo la scatola,
vide che dentro non c'era nulla.

Disse in modo brusco:
"Non lo sai che quando si fa un regalo,
si presuppone che nella scatola ci sia qualcosa?"

La bimba lo guardò dal basso verso l'alto
e con le lacrime agli occhi disse:

"Papà,...non è vuota. Ho messo dentro tanti baci per te

fino a riempirla".

Il padre si sentì annientato.
Si inginocchiò, mise le braccia al collo
della sua bimba e le chiese perdono.

Per tutto il resto della sua vita,

il padre tenne sempre la scatola vicino al suo letto

e quando si sentiva scoraggiato o in difficoltà,

apriva la scatola e tirava fuori i baci immaginari,

ricordando l'amore che la bambina ci aveva messo dentro...

Ognuno di noi ha una scatola piena di baci
e amore incondizionato,dei nostri figli, amici e Dio.

Non ci sono cose più importanti

che si possano possedere.....

 

 

 

 dal web

torneranno....

21 settembre 2009 ore 12:33 segnala
Torneranno le scure rondini,
e nel tuo balcone i nidi appenderanno,
e un'altra volta con l'ala sui vetri
per gioco chiameranno,
ma quelle che il volo raffrenavano,
e la tua bellezza e la mia gioia contemplavano;
quelle che impararono i nostri nomi,
quelle.. non torneranno !


Torneranno le folte madreselve
e del tuo giardino le mura scaleranno,
e ancora una volta di sera, sempre più belli,
i loro fiori apriranno;
ma
quelle tempestate di rugiada,
le cui gocce guardavamo mentre tremavano
e cadevano come lacrime del giorno...,
quelle ...non torneranno !


Torneranno dell'amore nelle tue orecchie
le parole ardenti a risuonare;
il tuo cuore dal suo profondo sonno
si potrà forse risvegliare;
ma muto e assorto e inginocchiato,
come si adora Dio sull'altare,


come io ti ho amato...disingannati:
così nessuno ti potrà amare....

 

 

 

 

 

Keanu

saro'...

19 settembre 2009 ore 20:01 segnala

Sarò in una rosa bagnata di rugiada e

una lacrima che ti accarezza dolcemente il viso,

 sarò in un tramonto di mille colori e un sereno sorriso,

sarò in un inafferrabile volo di rondini

di una primavera feconda,

sarò in una foglia variopinta

e una nostalgica tristezza,

sarò in un pensiero che affiora e un struggente rimpianto,

sarò in una distesa di stelle e un cielo coperto di nubi,

sarò il profumo inconfondibile e inebriante

dell’amore in una rosa nera,

sarò la sabbia dorata mai lambita dalle onde del mare,

sarò  nello spazio e nel tempo,

 nel cuore, nella mente e nell'anima ..

 

sarò .!!

 

 

 

 

Anonimo Solitario

sabbia...

18 settembre 2009 ore 18:44 segnala
stringo in un pugno granelli di sabbia..

e a poco a poco.. piano piano..

lo apro e ...con un soffio di anima..

li faccio scivolar via...

come in un leggero soffio di vento..

volano via come l'immagine di un

ricordo lontano..

ricco di passione ..emozioni e battiti del cuore..

ormai il pugno e completamente aperto..

e i granelli di sabbia cadono come piccole

gocce ... nell'immenso del mare..

come cade leggero... come gocce di pioggia..

quel ricordo presente...

piccole gocce di una passione ..ormai morta..

piccole gocce di emozioni volate via..

piccole gocce di battiti .. che mai piu sentirò

di quella canzone che ormai ha smesso di suonare...

volano via ..liberi di viaggaire nell'immenso..

quei piccoli granelli di un ricordo

che vola libero nell'immensità dell'anima...

 

 

 

 

raniero9