quanto nasce un amore

08 aprile 2009 ore 23:05 segnala
Falò arde nel cuore
esce dall'ombra, nascosto
sciolto da sguardi unici.
Oh, in quell'angolo
sta il segreto
dei sospiri ingoiati.
Onde d'uragano
cavalchi...
a pugni chiusi con energia
assetato di desiderio
senza confusione
sommergi l'azzurro
riempendolo di bollicine
trasparenti...
In quel mondo nuovo
guardi le stelle
tesori nascosti
non sono più sogni
di fronte all'amore
le chiavi galleggiano
 

ex

08 aprile 2009 ore 02:31 segnala
Sembra un’immagine furtiva,
quella che io ho di te, in me,
presa, rubacchiata dal fuoco
delle distanze, dalla sembianza
ingannatrice madre della speranza.
Avviluppati nell’usbergo della demenza,
come la terra insinuata dalla semenza,
i miei ardori, stanno,
per respingere i rancidi svolazzi
presunti attacchi delle frecce
gettate dalla ripetizione claustrofobia
dell’unica tua movenza.
Presa la lenza, parola scagliata
Freccia infangata svolazza,
come rabdomante rabico per atroce mancanza,
nelle speranze fuorvianti proprie
natali nella propria sorgente,
indispensabili nella, per la complicanza
del volo;il solco fetido mira;
dritto, con guanto ferrato scava.
Problema nel raccolto, estremo nel possesso,
bisogno consapevole;freccia distolta,
punta la testa ove la pompa è spostata.
Inconsapevole morte, istantaneo fantasma.
Sala d’attesa ricolma di sterrato
Ardore.

A te,
unica. Mai mia.
Sempre in me.

);

Dedicato a un'amica

05 aprile 2009 ore 14:31 segnala

Ti immagino qui
nei sogni miei tu
un amico un tesoro
è cosi che si dice.

Un amico un tesoro
ed è la verità
una verità grande
che descriver non so.

A guardarti ammirarti
sempre senza sfiorarti
un amico non può
è una gran crudeltà.
Quei ricordi stupendi
che ti restano in mente
sempre vivi e lontani
tra le braccia di lui.

E ti dedico un sogno
quella amica sei tu.
un risveglio un po' duro
perché non ci sei più,
mi abbracciavi affettuosa
però amavi lui
un amico sincero
ora qui sono io.

Quando il tempo

crudele sarà vecchio con noi
più lontano è il ricordo
che svanisce cosi
guarderò l'orizzonte
dentro il cielo di sera
una rondine in volo forse parla di te.

So quanto fa male la mancanza di un sorriso…”

16 febbraio 2009 ore 19:00 segnala
 

“So quanto fa male la mancanza di un sorriso…”


in mezzo al rumore di piastre di leghe metalliche che sbattono tra di loro, passi, chiacchiere tra amici, tapis roulant che girano veloci simulando corse e strade; solo questa frase si staglia sopra le altre; colpisce la mia attenzione, e vedo la mia immagine riflessa nel vetro davanti a me, seduto su quel seggiolino saltuariamente comodo, fatto appositamente per far si che si sforzino solo le braccia.
E sollevo quei pesi con uno sforzo leggermente superiore al solito; in quanto questa settimana ho aumentato i pesi visto che l’allenamento procede bene e gradualmente. Il mio viso mostra piccole smorfie di fatica, impercettibili per chi non si sofferma a guardarmi come sto facendo io.


“Trenta!!!”
Lascio scendere le braccia accompagnando il macchinario lentamente, lasciando che i pesi si adagino uno sull’altro senza sbattere; mi chino in avanti per rilassare le spalle, asciugamano sulle, pulisco il mio viso dai segni della fatica, alzo leggermente il capo e mi riguardo riflesso nel vetro. Quegli occhi stanno guardando fissi dentro di me, solo i capelli coprono leggermente la parte superiore del viso, capelli leggermente sudati, ricci. E quello sguardo che fa male.


Quella frase sempre nella mia mente, una breve strofa uscita da una canzone, la mancanza di quel semplice gesto, una semplice espressione, che fa sentire vuoti molti istanti della giornata, quando ti fermi e ti soffermi a pensare e a guardarti. A pensare a quel sorriso che non c’è, e a quanto fa male la sua mancanza. Una semplice frase di una canzone ti ritrovi a pensare nel mezzo di un allenamento. E lo sguardo si fa sempre più cupo, più rassegnato, o semplicemente stufo. Stufo di chiedersi perché. Sarà banale come domanda, ma alla fine, è la semplicità che ci porta risolvere i problemi più intricati. Perchè sentirti così? La palestra è piena, ci sono anche gli amici, ultimamente le ragazze non mancano, anzi. Eppure la sensazione che senti dentro il petto è quella. Vuoto, qualcosa che pulsa piano, ma che con il suo pulsare non muove nulla, niente. Un muoversi inutile, solo leggermente rumoroso, ma senza un fine.


E ti accorgi quanto fa male la mancanza di un sorriso, soprattutto perchè la mancanza di quel sorriso non è quello del tuo volto, ma quello che si crea sul suo ogni volta che ti vede; e tutto quello ti rende felice.
Arriverà mai nuovamente quel momento, in cui sentirsi felice per uno sguardo ed un sorriso

istanti

16 febbraio 2009 ore 18:53 segnala

un giorno come tanti, m speciale per tutti, o quasi. Giorno di festa, giorno di attese, di preparativi alla festa. Giorni passatti in famiglia, tutti vicini, assieme. Come non capita spesso durante molti giorni dell’anno. Istanti di vita che ci accomunano e ci uniscono.
Istanti di vita che a volte condividiamo con altri.
Un gesto semplice, ma che regala amore, allegria, colore.
Un albero che crea un clima di festa, luci e colori, palline e festoni, un puntale e tante stelle, neve finta, che non fa tristezza.
Momenti che si condividono anche con altre persone. Ricordi.
Io e te, vicini all’albero.

“ma come? impossibile che non ti piaccia fare l’albero”

“eeeh invece è così, ma fallo tu che sei più bravo, sei un creativo no?”

“aaahh….ma l’albero è una cosa personale, della famiglia, e io non c’entro niente”

“invece si”

un docle bacio, sulle labbra, le sue mani vicine al mio viso, e le mie sui suoi fianchi.

“e poi voglio guardarti mentre lo addobbi, intanto preparo un te caldo”

“va bene, vediamo cosa ne viene fuori”

Qualche minuto, minuti che passiamo separati, nella stessa casa, ma lontani. Io concetrato nel cercare di rendere questo albero, come tanti altri, il più speciale, come una dedica a te e al nostro natale assieme. A farti capire che non è triste, ma un momento nel quale possiamo divertirci tutti con luci e colori.

E sento qualcosa, te, appoggiata a lato sullo stipite della porta, bella come non mai, che mi guardi. Sento i tuoi bellissimi occhi addosso a me; non so, mi giro, ti guardo, sorridi; il tuo splendido sorriso e le tue bellissime fossette.

“beh? che c’è? è così ridicolo?”

“no, no, anzi. Ma tu sei bellissimo e mi è venuto in mente un pensiero strano”

Inarco un sopracciglio, accenno un sorriso.

“Ovvero?”

“Saresti un papà dolcissimo”

Sorrido per quest’immagine emravigliosa. Un pensiero dolcissimo, in pieno stile natalizio. Mi avvicino e ricambio il bacio di prima. Allo stesso modo. Labbra contro labbra. Mani sulle tue di guance questa volta, e le tue sui miei fianchi.

“Sei dolcissima amore mio, ti amo”.

Metto a posto l ultimo festone, la punta ed ecco che il lavoro è completato.

“marco? hai finito?”

Puff……istanti, piccoli istanti, che ci uniscono e ci accomunano. Che spariscono in un secondo. Ritorno alla realtà. Sono solo, davanti a quest’albero, che non è lo stesso di quei ricordi, ma che comunque qualcosa ricorda.

“Si ma ho finito.”

“che bello marco, bravo”

“Grazie mamma” mi avvicino e le do un bacio sula fronte.

“Adesso eprò esco, devo andare”

Prendo il giubbotto, me lo infilo, nel mentre apro la porta di casa e accenno un saluto veloce.
Istanit, pensieri che volano, quell’immagine, quelle sensazioni, e quella voglia di risentirle e riviverle ancora.

Chissà.
L’amore adesso mi sembra sempre più lontano.
Vedremo che accadrà!


Ricordi!

CHE COSA E LA LIBERTA

04 dicembre 2008 ore 18:13 segnala
Cos'è la Libertà ?

e di conseguenza:
cosa significa essere liberi?
e liberi da cosa?
e quali sono i limiti alla nostra libertà'?
e le attuali libertà della nostra Società ci hanno (interiormente) arricchiti o ci hanno impoveriti?


La libertà è un valore importante, per alcuni il più importante. Non credo che lo sia, il più importante, perché vedo altri valori per i quali si è disposti a cedere almeno parte della nostra libertà, per preservarli o rispettarli.
Un valore, per esempio, è la famiglia. Chi è genitore sa benissimo cosa intendo dire, e come queste dorate catene influenzino la nostra vita.
Eppure se un genitore mettesse la propria libertà al di sopra di tutti e di tutto, sarebbe un pessimo genitore e una pessima persona.
Quindi, sì, la libertà è un valore importantissimo, ma esistono altri valori più importanti che ci fanno rinunciare in parte ad essa.

La libertà in politica ? Ma la politica è l'arte del compromesso, né può sperare di governare chi non cede a compromessi con chi la pensa diversamente da lui. E i compromesso è quasi il contrario della libertà

Libertà di una Nazione ? La costituzione di un'unità europea ci mostra quante limitazioni di libertà ci impone il voler stare insieme agli altri. Ma stare insieme agli altri è un valore importante, per il quale vale la pena di rinunciare a qualcosa anche in termini di libertà.

Insomma, senza cercare altri esempi, un essere che vivesse solo su un isola altrimenti deserta, non avrebbe altre limitazioni alla sua libertà che quelle fisiche (non poter volare, non poter stare sott' acqua per tre giorni come Beowulf, non poter sostare nel fuoco a lungo, non poter fare un salto in alto di cento metri, eccetera).
Ma appena arrivasse anche un solo altro essere umano (o no) la sua libertà ne verrebbe diminuita inevitabilmente, a vantaggio di una vita comunque più vivibile.
Non solo gli esseri umani limitano la nostra libertà, ma anche gli animali, se li amiamo, come sa bene chi deve portare a spasso il cane anche quando vorrebbe fare altre cose...

I nostri stessi impegni, pur presi nella massima libertà, una volta presi, e volendo ottenere dei risultati (voglio essere promosso, voglio dimagrire, voglio diventare un campione, voglio imparare una lingua o a giocare a bridge) limitano, di fatto, la nostra libertà. E' vero che è una nostra scelta, ma non siamo più liberi di far quel che potremmo volere in quel momento (chiamiamolo "tattico") e ci dobbiamo sacrificare per mantenere una possibilità di risultato, diciamo, "strategico".
Sarò pur libero, o no, di mangiare quel magnifico cornetto alla marmellata ? ...pare proprio di no...

Ti prendo e ti porto via perche sei mia

03 dicembre 2008 ore 17:33 segnala
non obbietare non pensiamoci amami e basta la penso cosi vedi il video ------------------>

messagio n 465 il numero del mio cuore

02 dicembre 2008 ore 23:46 segnala


E sono qui,
di nuovo a scrivere, nel mio angolo buio.
I sensi  si acuiscono, l’odore dell’incenso,
muschio bianco e sandalo penetrano
nelle mie nari.
Le  candele con la loro  fiammella
cullano i miei sogni.
E li lascio andare,

liberi da quelle briglie d’oro
con cui li trattenevo.
Nel buio , nel mio angolo vedo forme,

intuisco rumori, vedo stingere il mio cuore,
come fosse una candela ,
che brucia e si scioglie…

ed è in quel momento che prendo  a scrivere.
Come sempre,
ispirazione creata  dalle cose che amo,
i miei incensi, le mie candele il mio cuore,
la mia Anima..
Scrivo per me,
queste pagine che sanno di nuovo,
come da bimba 
mi piacciono ancora i quaderni nuovi,
hanno l’odore di un passato,
di presente e di futuro.
Una fiammella attira la mia attenzione 

è più alta delle altre,
mi sembra che voglia spiccare il volo
verso il cielo!!
Penso a quanto tempo ,

che non vedo quella linea che marca l’orizzonte.
Delineata da un pittore attento.
Un tempo interminabile,
o forse solo un tempo.
Un tempo in cui amavo,
si amavo , ed era bello,
essere travolti da tutta quella passione ,
da quell’amore,
da quel darsi e ricambiarsi.
Da Noi.
Un tempo ….e sorridevi ,
dei miei incensi,

 delle mie candele ,
delle frasi di canzoni che mi tornavano
alla memoria e mai dimenticate.
Sorridevi…
come se fosse divertente, vedermi felice,

tra le mie cose,
tra tutto ciò che amavo!!
Amo non Amavo!!

Amavo non Amo!!
Amo le mie passioni, amavo te.
Poi un giorno qualche tempo fa,
il mio cuore
ha tirato la saracinesca.
E lo scrigno d’amore
è diventato una prigione.
Mi sono fatta male.
Ti sei fatto male,
hai rinunciato da vile al mio amore,
a quell’intreccio sottile di dita,
di Anime , di fusione,
di cuori,  di  noi,
di tutto quello che poteva essere e mai sarà.
Mai più.
Come se io fossi solo una di passaggio
nella tua vita,
 
povera la tua vita che ha lasciato
andare un grande amore.
Anche se  io ero solo di passaggio, non hai avuto
cuore, ho dovuto capire…
Tristemente l’ho anche pagato
il mio soggiorno nella tua Vita.
Con moneta sonante, con lame taglienti!

Che senso ha …ricordare,
ciò che non è mai stato amore .
Poso la penna , che senso ha scrivere ancora di te.

Per te, ed infatti scrivo per me…
Esorcizzo ancora la tua figura…
il tuo finto amore, .
” Piccolo uomo non andare via….”
si un piccolo uomo,
che pensava di essere un vincitore,
pieno di certezze.
Tu che non eri certo di avermi davvero,
così mi hai lasciato scivolare via,
come la cera di quella candela,
che continua a sciogliersi.
Ma quella candela prenderà altra forma.

Io no.
Sono scivolata via,
senza più prendere forma né colore,
diafana è la mia Anima,
rosso carminio è il mio sangue
che scende dalle ferite.
Ed allora …perché no?
File cancelled.

Non c’è poesia né amore in un file cancelled.
Io ero solo un file da eliminare.
Non un cuore , un’anima da amare.
Guardo , nel silenzio ,
nel buio del mio angolo di mondo,
le candele che amavi, anche tu,
così come gli incensi.
Stranamente mi alzo, mi avvicino al pc.
Trovo il file che conteneva tutta la nostra vita
e lo cancello.
E’ questo che volevi,
è questo che siamo ora solo un file cancelled.
BUONA FORTUNA.

Nel tuo tempo senza tempo e senza amore.
Nel tuo tempo, un tempo dimenticato e cancellato.
Perché tu hai voluto questo,
ed io volevo il tuo amore…
Un amore, quello che respiravamo ma è passato!!!
Sogno ancora, se questo Natale tu riaprissi quel file
Sarà ancora Amore?

Magari!!,
FILE CANCELLED

 

comandi del cuore

02 dicembre 2008 ore 23:29 segnala


I COMANDAMENTI DEL CUORE...

1) NON GIUDICARE... O TI GIUDICHERO' NON DEGNO DELLA MIA AMICIZA;
2) NON FINGERE... O FINGERO' DI NON AVERTI MAI CONOSCIUTO;
3) NON PRETENDERE... O PRETENDERO' CHE TU SPARISCA;
4) NON NASCONDERE LE TUE EMOZIONI... O NASCONDERO' LE MIE PER TE;
5) NON DIMENTICARE... O IO DIMENTICHERO' TE;
6) NON OFFENDERE...
7) NON GIOCARE CON I SENTIMENTI...
8) NON FERIRMI...
   
PERCHE' ANCHE IO HO UN CUORE!!

ORPHEUS07

 



amicizia

02 dicembre 2008 ore 23:27 segnala



E NEL MIO CUORE...

TUTTI SI PREOCCUPANO DI CERCARE UN AMICO
MA NESSUNO SI PREOCCUPA DI ESSERLO...




TROVA IL TEMPO DI ESSERE AMICO:
E' LA STRADA DELLA FELICITA'...




GRANDE COSA E' L'AMICIZIA...
E QUANTO SIA VERAMENTE GRANDE
NON LO SI PUO' ESPRIMERE A PAROLE
MA SOLTANTO PROVARE...